Biografia

Formazione artistica

Alessandra De Sanctis, nata ad Atri (Teramo) il 13 maggio del 1983, pittrice che sin dai primissimi minuti di entrata in questa “luce di vita misteriosa,” ha dato segno del suo grande amore per l’arte avvolgendosi strettamente e giocando con una copertina colorata.
Ha vissuto l’infanzia in una piccola frazione del Comune di Picciano (Pe), Piccianello. Le vie del paese che percorreva con la sua bici sono state la sua vera casa: i rumori, i colori, i gesti, i sentimenti delle persone dei suoi posti sono racchiusi dentro di lei che continua il suo silenzioso colloquio con loro, raccontandole con la pittura e qualche volta anche con la scrittura. Da sempre il suo spirito di osservazione, il suo folle amore per i colori che sentiva e “vedeva”, al di là della solita consuetudine, già nella loro possibile applicazione artistica, le hanno dato il segno e la misura del suo amore per l’arte. Alessandra ama ascoltare nel senso più completo del termine, nel senso di sentire, vedere e capire per riportare sulla tela il vissuto e lasciare il segno.

Volitiva, testarda, sicura di ciò che voleva diventare, nel 1997 è iscritta al Liceo Artistico di Pescara “G.Misticoni” per raggiungere il suo obiettivo: entrare nel mondo dell’arte.
Anni intensi di studio e partecipazione a progetti artistici interni all’istituto, con la realizzazione di creazioni grafiche per rivisitazioni teatrali con il regista Beniamino Cardines del Florian organizzati dalla prof.ssa Paola Napolitano, insegnante di lettere, e dalla prof.ssa Walli Gammelli.

Nel 1999 concorre per la realizzazione di un simbolo grafico, bandito dall’ Assessorato allo Sport della Provincia di Pescara, che la vede classificarsi seconda; nel 2000 concorre per la realizzazione grafica di un simbolo contro Alcolismo e Tabagismo, sotto la guida della Prof.ssa Gammelli Wally, artista e insegnante di discipline pittoriche.

Nel 2001 partecipa all’Estemporanea “Appuntamento con l’arte” al Giardino Michetti di Pescara con un catalogo di opere degli artisti;

Nel 2001-2002 collabora artisticamente alla realizzazione del libro “Mare e Mare”, progettato dal Prof. Sandro Visca artista e insegnante di discipline pittoriche presso il Liceo Artistico.
Nel 2002 partecipa alla Prima Giornata di Pittura “Estemporanea”, “Ambiente e Colore di Picciano e dei suoi dintorni” indetta dal Comune di Picciano, in collaborazione con la società “Dante Alighieri”- Comitato Provinciale città di Picciano-Associazione “PANTA REI”- O.N.L.U.S. Di Picciano.

Conseguito il diploma di maturità decide di trasferirsi nella Capitale per iscriversi all’Accademia di Belle Arti di Roma, nel corso di Pittura del Prof. Costantino Baldino; si trova cosi ad affrontare una nuova realtà, dove è quotidianamente messa a confronto con artisti e con la vita stessa. Durante gli anni di studio Alessandra entra nel cuore della tecnica, nella sperimentazione come l’incisione nel corso del Prof. Berto, ma conosce meglio anche la fotografia, la scultura, e trova cosi modi diversi e personali d’interpretazione.

Nel luglio 2004 espone in una Personale nel Comune di Picciano (Pe), nel 2005-2006 partecipa alle mostre collettive tenute all’interno dell’Accademia di Belle Arti per la “Notte Bianca “ a Roma;

Nel 2006 espone in una Personale “Segni e Colori dell’anima”, Piazza Marconi,Silvi Marina (Te); sempre nel 2006 espone in una mostra collettiva a Piazza Delle Repubblica a Pescara;

2007-2008 espone in una mostra collettiva nel Museo D’Arte Sacra Contemporanea Staùros, San Gabriele-Isola del Gran Sasso- Giovani Artisti Di-Segnano il Sacro IV ed. a cura di Carlo Chenis: il percorso si è svolto sotto la guida di grandi professionisti come: Omar Galliani, Enzo Orti, Rosaria Serena La Scola, Franco Nocera.

Nel Dicembre 2007 partecipa al progetto “Atlante del Dialogo” del Prof. Enzo Orti, nel Convento di San Francesco D’Assisi; il 12 Marzo 2008 partecipa all’apertura dell’Accademia dei Bimbi,
collegato con il progetto “Atlante del Dialogo” del Prof. Enzo Orti.
Il 10 Aprile 2008 Alessandra si laurea all’Accademia di Belle Arti di Roma, con la tesi “L’Onda Persistente del Corpo”, relatore Prof. Vincenzo Scolamiero: una tesi che le ha permesso di conoscere artisti contemporanei che nelle arti figurative lavorano con il corpo come Jenny Saville.
Inoltre ha personalmente conosciuto gli artisti Omar Galliani e Alessandra Giovannoni che le hanno permesso di entrare in contatto con le loro opere.

Oggi, a 26 anni, continua ad indagare e sperimentare la figura, negli elementi naturali e negli oggetti, creando il “Suo Libro”, il manifesto della propria esperienza e sempre e comunque vuole ricercare: nuove emozioni, nuovi percorsi, con cuore e mente rivolti al futuro ma relazionandosi con il passato e il presente.