Clessidra

scultura, granito, 2005

Informazioni tecniche
  • Codice Gigarte.com:GA4130
  • Misure:53 cm
  • Tecnica:scultura
  • Supporto:granito
Informazioni sulla vendita
  • Disponibile: no
PROPOSTA D'ACQUISTO
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci la tua proposta in euro
Inserisci un messaggio
Descrizione

CLESSIDRA

Lo scultore Gialdini ha sempre rappresentato nelle opere plastiche soggetti di spiccato valore concreto: dai corpi nudi di uomini e donne uniti nel valore della generazione della vita a figure di macchine o simbolici animali meccanici, passando per agili tuffatrici lanciate a volo nel profondo dell'acqua. Mai, nella sua declinazione artistica fatta ancora di strumenti musicali e altre masse monumetali, aveva proposto la riflessione su un concetto etereo e impalpabile come il Tempo, il suo scorrere, il divenire delle cose, la sua sostanza formale impercettibile. La Clessidra di Gialdini vuole dare forma concreta al Tempo: regista e tiranno del vario teatro della vita dell'uomo. Concretizzare la varaiabile determinante entro cui prendono senso e forma la vita, la sensualità, la passione emotiva e politica. Lo sforzo dello scultore è quello di rappresentare non la circolare e infinita sostanza filosofica del concetto di Tempo, bensì, essendo di Gialdini uno spirito scientifico, quello di proporre la rappresentazione dello strumento tecnico che l'uomo usa per misurare il Tempo: la clessidra, ancestrale orologio meccanico. Ma vede l'oggetto come vede i suoi corpi diversi nel sesso e uniti nella impaginazione di un'unica forma di amplesso, due parti simmetriche e simili che si uniscono. O ancora, clessidra in analogia con la sostanza steatopigica della forma femminile fertile: la larghezza sinuosa di fianchi capienti. Clessidra come ventre universale che contiene le vicende del mondo circoscrivendone i confini estremi e filtrando la grassa materia vitale -non sabbia- da un polo all'altro dell'universo emotivo. La riflessione sul concetto di tempo diventa forma concreta e pone una domanda precisa che peraltro ricorre sempre su altre corde nell'opera del maestro: che senso dare alla propria esistenza intesa come dono profano pieno tuttavia di sacralità. Nell'arco della vita-tempo il senso pagano del sacro coincide con l'ambizione istintiva della conservazione della vita, nonchè il suo pieno rispetto e godimento, e possibilmente la sua reiterazione attraverso la generazione di nuova vita.Marco Franzone (saggista in storia arte genovese,gia’ allievo di prof.Sborgi)




appartenente collezione Alessio Piccardo

Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Alfonso M. Gialdini) Commento pubblico o privato


  • Codice:GA4130
  • Tipo:Scultura / Installazione
  • Creata nel:2005
  • Archiviata il:sabato 26 gennaio 2008