Biografia

Andrea Sposito nasce a Napoli il 7 Gennaio 1991.
Frequenta il liceo classico “Adolfo Pansini” conseguendo la maturità nel 2009 con pregevoli voti.
Prosegue la sua formazione iscrivendosi al corso di pittura di Raffaele Canoro nell'Accademia di Belle Arti di Napoli.
Qui ha modo di approfondire la passione per le arti figurative e di intrecciare importanti relazioni con l'ambiente artistico emergente nel territorio campano.

Nel 2010 entra a far parte della scuola napoletana dei Madonnari , avendo l'occasione di sperimentare le proprie doti artistiche su territorio nazionale.

Nel 2011 è co-fondatore dell'associazione culturale “Prisma-Lab” , il cui obbiettivo è quello di intrecciare una fitta rete di rapporti artistici, critici , e di progetti ed istituzioni finalizzati al riscatto di Napoli come città volta al recupero della propria posizione di Global Player nel mondo dell'arte.

Oltre ad esporre in numerosi locali nel centro storico della città, nell'estate 2011 partecipa al “Partenio Eco Festival” di Avellino, collaborando come pittore – illustratore.

Nello stesso periodo espone in una mostra collettiva nel museo di Arte Contemporanea di Capua.

Nel Maggio 2012 espone in “Total Black”, una collettiva organizzata nella galleria dell'Accademia di Belle Arti di Napoli, mostrando la particolare ricerca e sperimentazione nell'uso della china.

Nel 2013 comincia la collaborazione , da illustratore , con la rivista “Hey, Pachuco!” , nata dalla collaborazione tra studenti della facoltà di Lettere e Accademia di Belle Arti, e dall'esigenza di creare una piattaforma aperta per le menti creative.

Formazione artistica

Andrea Sposito nasce a Napoli il 7 Gennaio 1991.
Frequenta il liceo classico “Adolfo Pansini” conseguendo la maturità nel 2009 con pregevoli voti.
Prosegue la sua formazione iscrivendosi al corso di pittura di Raffaele Canoro nell'Accademia di Belle Arti di Napoli.
Qui ha modo di approfondire la passione per le arti figurative e di intrecciare importanti relazioni con l'ambiente artistico emergente nel territorio campano.

Nel 2010 entra a far parte della scuola napoletana dei Madonnari , avendo l'occasione di sperimentare le proprie doti artistiche su territorio nazionale.

Nel 2011 è co-fondatore dell'associazione culturale “Prisma-Lab” , il cui obbiettivo è quello di intrecciare una fitta rete di rapporti artistici, critici , e di progetti ed istituzioni finalizzati al riscatto di Napoli come città volta al recupero della propria posizione di Global Player nel mondo dell'arte.

Oltre ad esporre in numerosi locali nel centro storico della città, nell'estate 2011 partecipa al “Partenio Eco Festival” di Avellino, collaborando come pittore – illustratore.

Nello stesso periodo espone in una mostra collettiva nel museo di Arte Contemporanea di Capua.

Nel Maggio 2012 espone in “Total Black”, una collettiva organizzata nella galleria dell'Accademia di Belle Arti di Napoli, mostrando la particolare ricerca e sperimentazione nell'uso della china.

Nel 2013 comincia la collaborazione , da illustratore , con la rivista “Hey, Pachuco!” , nata dalla collaborazione tra studenti della facoltà di Lettere e Accademia di Belle Arti, e dall'esigenza di creare una piattaforma aperta per le menti creative.