Biografia

1984 – Galerie Kunsthaus, Wetzlar (D)

1985 – Palazzo “Bilia”, Salice (PN)
– Casa Gaia da Camino, Portobuffolè (TV)

1986 – Palazzo Minucci De Carlo, Vittorio Veneto (TV)

1987 – Galleria “Luigi Nono”, Sacile (PN)
– Volksbank, Olpe Biggesee (D)

1988 – Palazzo Minucci De Carlo, Vittorio Veneto (TV)

1989 – Galleria “Il Chiodo”, Feltre (BL)
– Galleria “Il Fiore”, Bassano del Grappa (VI)
– Palazzo Piazzoni Parravicini, Vittorio Veneto (TV)

1990 – Sala “Fra Claudio”, S. Lucia di Piave (TV)
– Rathaus, Olpe Biggesee (D)
– Ridotto Teatro Accademico, Conegliano (TV)

1991 – Galleria “Il Fogher”, Centro Arti Figurative, Pordenone
– Centro Arti Grafiche “Giorgione”, Treviso
– Galleria “Oratorio dell’Assunta”, Conegliano (TV)
– Kulturamt, Rathaus, Millstatt am see (A)
– Etruria Arte, Venturina (LI)
– Holzmesse, Klagenfurt (A)
– Galerie Herta Hedlinger, Klagenfurt (A)
– Galerie Stauber, Marbung Lahn (D)

1992 – Peabody Hotel, Memphis (USA)
– Miller Gallery of fine arts, Memphis (USA)
– Chiostro di S. Francesco, Treviso
– Galleria Morandi, Venezia
– “Gelt und Wert”, Klagenfurt (A)
– Artbox92, Castello di Pio, Carpi (MO)
– Bastione Fiorito del Castello di S. Giusto, Trieste

1993 – Galleria “Europart Group International”, Lido degli Estensi, (FE)
– Vicenza arte 93, Vicenza
– Casino Bahia, Cadice (SP)
– Kleine Gallerie, Millstatt am See (A)
– Arte Padova 93, Padova
– Villa Corner della Regina, Cavasagra (TV)
– Artest 93, Udine
– Bevilacqua La Masa, Venezia

1994 – Galleria Artespazio, Udine
– Artisti a Pordenone 94, fiera, Pordenone
– Artexpo, Bari
– Rathaus, Judenburg (A)
– Istambul Sanat fuari 94, Istambul (TR)
– Arte Padova 94, Padova
– Buda Center, Budapest (H)
– Artest 94, Udine

1995 – Muzeisky Galerisky Zentar, Zagabria (HR)
– Arte a Pordenone 95, Pordenone
– Galerie auf den Shifenberg, Giessen (D)
– Galerie “Wohnsinn”, Giessen (D)
– Istambul Sanat fuari 95, Istambul (TR)
– Dolomiti Expo, Longarone (BL)
– Istituto Italiano di Cultura, Ankara (TR)
– Istituto Italiano di Cultura, Izmir (Smirne) (TR)
– P.A.F. Palermo Arte Fiera, Palermo
– Castello di S. Giusto, Trieste
– Club Villa Sordi, Teolo (PD)

1996
– Galleria “La Cornice”, Cittadella (PD)
– Maison d’Italie, Parigi (FR)
– ArtExpo J.K. Javitis, New York (USA)
– Art Americas Miami Beach, Miami (USA)
– Casa comunal de Cascais, Lisbona (P)
– Istambul Sanat fuari 96, Istambul (TR)
– Radyo S, Bursa (TR)
– Arte Padova 96, Padova

1997
_ National Bank- New York- USA
– “De Valigia”, Salonicco (GR)
– Macef Fiera, Milano
– Galleria Niselli, Asiago
– Art Expo, New York (USA)
– Galleria “C. Monti”, Ischia (NA)
– Arte Pordenone, Pordenone
– Salone del Triveneto, Verona
– Arte Padova 97, Padova
– “De Valigia”, Belgrado, Serbia

1998
– Galerie “Nonntall”, Slazburg, (A)
– Galerie “Turmwindmhule”, Hamminkeln (D)
– Galerie “Whonshinn”, Gleissen (D)
– Galerie “Sandrelle”, Lyon (F)
– New World Art Center, New York (USA)
– Art International, New York (USA)
– Arte Padova 98, Padova
– Galleria del Duomo, Schio (VI)
– Galleria Niselli, Bassano del Grappa (VI)
– Galleria Taloni Arte, EUR Roma
– Galleria Cona, Savona
– Arte a Pordenone, Pordenone
– “De Valigia”, Budapest, Ungheria
– Fiere di: Padova – Bari – Vicenza – Ancona
– Fiera Europart Geneve 98, Svizzera
– Galleria “L’angolare”, Milano
– Artefiera di Gent, Belgio

1999 – “Arte sacra nel giubileo del 2000” c/o Accademia di Romania, Roma
– “Artissima” Torino, Galleria “L’angolare”
– Collettiva a “La Thuile” (AO)
– Collettiva a Corvara (BZ)
– Collettiva a Lignano Sabbiadoro
– Collettiva a Artimino (PI) – San Miniato (PI) – Livorno –
- Collettiva a Montecampione
– Simposio di scultura a Venezia c/o Scuola d’Arte dei Carmini
– Simposio di scultura a Belluno “San Martino”
– Simposio di scultura a San Vito di Cadore (BL)
– Galleria Niselli, Bassano del Grappa (VI)
– Galleria del Duomo, Schio (VI)
– Galleria Battifoglio, Imperia
– Galleria Celeghini, Carmagnola (TO)
– Expo a Monaco di Baviera c/o Istituto Italiano di Cultura
– Expo a Norimberga c/o Istituto Italiano di Cultura
-Collettiva alla Galleria Arstudio di Knokke – Belgio
– Artefiera di Gent- Belgio
2000
-Fox Galleries”, Fortitude Valley, Brisbane , Queensland, (AU)
-S.O.C.A. Intern. Art Gallery”, Auckland , Nuova Zelanda
-Fiere d’arte : Padova, Bari, Vicenza, Pordenone,Jesolo,Parma, Morciano
-Salzburg Kunstmesse,Event Center,Bergheim, Salisburgo. ( A)
-Galleria “ Art’è”, Cosenza
-“Art 2000. YuzoKusawake, Milano\Tokyo
-“Terrazza a mare”, Lignano Sabbia d’oro
-Arta Terme Centro termale –.
-Gall. “S.Lorenzo”,Costa Crociere “Le capitali del Nord”,
-“Momboso”, Gressoney- Montecampione 1200- Le Baite 1800, Montecampione c\o casa d’arte S. Lorenzo-
-Galleria “Corniciart”, Centro Pilastro, Bologna

- Europ’art Geneve – Ginevra – ( CH)
-
2001 – 2007 personali e collettive

- Marispica , Gall. S. Lorenzo- Sicilia
- Santa Giusta Village, Costa Rei Gall. S. Lorenzo- Sardegna,
- “Le Castella” Gall. S. Lorenzo, Calabria
- “Baia Samuele”, Gall. S. Lorenzo, Sicilia
- Castello Coira- Grhabber Consulting, Merano/Innsbruck
- Gall. “Arte in …”, Marciana Marina ,Isola D’Elba ,
- Galerie “ Nonntall”, Salisburgo ( A)
-- Galleria Klaus Reinermann – Bielefeld (D)
- Galleria Arstudio di Knokke – Belgio
- Galleria “ la botteguccia dell’Arte” – Aosta
- Galleria “Ghisolfi” – Loano (SV)
- Costa Crociere –“Romantica”- Casa D’Arte S. Lorenzo
- Kunstmesse ART Innsbruck 2000,Innsbruck, - org: Grhabber Consulting (A)
- Galleria “Celeghini”. Carmagnola ( TO)
- “Tanka Village”, Villa Simius, -gall. Lookart (Ca)
- Salzburg Kunstmesse, Event Center, Bergheim, Salisburgo. ( A))
-“Botteghe d’arte”, Suvero, Rocchetta di Vara, (SP)
-“Burg Strechau” simposio arte europea, - Lassing (A)
- personale c\o “Divitas”, Bari
-“Medusa Gallery”, Marina Mirage -Gold Coast, Queensland, (AU)
- Costa Crociere: “Atlantica“ S. Pietroburgo- Gall. S. Lorenzo
-“La modella per l’arte”- Castello Ticineto / Verbania 2001–
- Galleria “Ortarte”- Isola S. Giulio. Lago d’Orta
- Simposio intern.d’arte – Peck- Ungheria a cura di Vanjur Istvan
- Palazzo Frisacco- Tolmezzo (UD)
- Gall. Celeghini- Carmagnola –to
- Artefiere: Padova- Montichiari- Udine –
-E.F.E.R. . Centro mostre – Gall. Palagiarte- Ferrara
“La modella per l’Arte” – Verbania 2001 –
“ La modella per l’Arte” – Acqui Terme 2003 –
-Galleria “ Art 2000” Tokio – ( JP)
“ De valigia “ mostra itinerante nelle stazioni ferroviarie di : Salonicco , Belgrado, Monaco di Baviera, Amsterdam, Avana,
- 2003 : personale alla “Wealth management UBS “ Lugano ( CH)
-Gennaio 2006 : personale “ Gallerie “ La Grand Fontane” – Sion ( CH)
Marzo 2007 : Italianarts & Istituto Italiano di Cultura : Helsinki, Vienna , Budapest.
Marzo 2007 – Personale presso la Galleria “Assadi” , Nyon ( CH)
Aprile 2007 : Personale “ Anselmi Italy” c\0 International Art Centre Parnell.– Auckland – (N.Z.)

Luglio 2007 -personale : “ Cat Blues” in concomitanza col concerto di Maceo Parker , Villa Varda – Brugnera ( PN) – Org. -Veneto Jazz
Luglio 2007 – personale “ Prealpigat” c\0 Municipio di Pieve d’Alpago ( BL)
Agosto 2007 – Personale a Bienno c\0 Casa del Comune (BG)
Settembre 2007 : personale: “Hic est sensus” c\o Municipio di Burago di Molgora (MI)
Settembre 2007: Personale : “ Anselmi Italy” – Gallery “ The George” – Christchurch (N.Z.) org.: International art Gallery -
Settembre 2007 - Artefiera Montichiari con Galleria “Lazzaro by Corsi” Mi


Ottobre 2007 – Arte fiera di Longarone c\0 Leonart ( BL)
Novembre 2007 : Verona Arte fiera “Il Cavallo nell’Arte” (VR)
Novembre 2007 – Arte fiera Padova -
Da aprile a ottobre 2008 – Personale in Villa c\0 Hotel “La Villa” ( Relais & Chateaux) – Calvi ( Corsica )
Dicembre 2008 – Personale c\0 “ La Tour Lombard” - Seviese (CH)







n.b. molte altre mostre sono state forse scordate o non inserite , ma credo che il presente elenco sia abbondantemente sufficiente per una selezione di massima .



Formazione artistica

Autodidatta

Tematiche

SIMBOLICHE - IRONIA VERSO LE AZIONI, LE SITUAZIONI E I TIPI UMANI.

Tecniche

Miste - olio e affreco su tavola

Valutazione artistica

Le scelte di Sgarbi

Critica :

Franco Anselmi è un artista che ha due doti: la preziosità della stesura del colore e la vena ludica che suscita giocosità e divertimento. La stesura del colore non è qui un gesto qualsiasi , ma il risultato di una istintualità preveggente, di una capacità di progettazione che lascia tuttavia libera la mano all’estro del momento. Troppo spesso l’arte contemporanea giustifica la sua ragione di esistere lanciando messaggi impegnati. Franco Anselmi , al contrario, ci comunica la giocosa serietà dell’infanzia con la sua capacità di evocare immagini dalle fiabe e di dare concretezza ai sogni .
Anselmi è un pittore che si distingue sulla scena contemporanea per il coraggioche dimostra nel respingere la tentazione di fare filosofia o sociologia , come troppi suoi colleghi. II suoi quadri ci conducono nel mondo degli animali, spassosi gatti guerrieri, o mici monocoli un po’ sbronzi davanti ad una bottiglia in cui annegano chissà quale dolore , civette e gufi ilari e inoffensivi. Il divertente zoo di Franco Anselmi è anche un palcoscenico di animali grossi ma non grossolani, pensiamo agli elefanti a cui fanno da contrappunto i cavalli che sembrano un po’ matti. Il suo universo è popolato anche di giocolieri baffuti, in stile anni trenta , di signore incappellate e persino di Madonne con bambino che si intrecciano in un immaginario pseudo-cubista . Anselmi è un poeta del quotidiano che guarda il mondo che lo circonda riscrivendolo poeticamente, come se fosse la visione di chi per la prima volta riepiloga dentro di se l’alfabeto della vita.
Che siano animali o giocolieri in un paesaggio impossibile egli riesce a trascinarci per mano e con garbo in un mondo bidimensionale e coloratissimo. La caratteristica comune nelle raffigurazioni umane e animali di questo artista è il fatto di avere quasi sempre un occhio solo ; la semicecità è risparmiata solo ai gufi forse perché nottambuli e quindi più prossimi al mondo onirico.
Per gli altri, donne, uomini, cavalli, gatti, tartarughe e iguana, quell’occhio solo è un ammiccamento gentile e forse lo specchio della nostra stessa incapacità di distinguere il vero dal falso. Il mondo di Anselmi è un mondo arcano e arcaico che ha il potere di incantarci, nei suoi piccoli borghi medioevali, silenziosi e metafisici, la fiaba si intreccia alla storia . In altri casi sono addirittura rievocati gli stilemi dell’antico Egitto e della simbologia azteca . Queste figure in particolare evocano i reperti archeologici e da tutto questo Franco Anselmi riesce, senza traumi, ad assemblare e creare una scenografia di insieme vivace ed esplosiva . Le sue opere si sviluppano su una voluta mancanza di profondità. Avendo evidentemente approfondito l’arte medioevale non prospettica , nella sua ricerca si rintraccia – al di là della evidente ironia che irrompe dalle sue composizioni, come una sorta di avvertimento a non prenderlo troppo sul serio- una precisa rivisitazione delle stesure grottesche e una cultura molto ben radicata nella tradizione italiana pre-rinascimentale dell’affresco. In particolare il ricordo dell’arte bizantina sembra aver impresso alle immagini di Anselmi una sorta di blocco, che congela la gestualità delle figure rappresentate. Artista indubbiamente colto, direi che egli ha anche compiuto incursioni nell’arte del lontano Oriente, da cui derivano certi suoi modi grafici e calligrafici. Nel suo horror vacui, che lo porta a non lasciare neanche il minimo spazio libero sulla superficie affrescata delle sue opere, nello spessore del colore squillante troviamo la personalità intrigante di un artista di forte manualità e di notevole intelligenza .
Vittorio Sgarbi
Da: “ Le scelte di Sgarbi “ ed- Mondatori

Bibliografia

Elucubrazioni estemporanee dell’artista Franco Anselmi:


Eravamo nel lontano 1994 , la crisi era arrivata , la mia Grande Crisi.
Non sembrava una crisi diversa dalle molteplici altre che capitano ad un artista e uomo ( LA CLASSICA CRISI DEI ULTRA QUARANTENNI), una crisi che sembrava una bonaccia nel mare della creatività, un desiderio di evasione nel fiume della vita .
Troppi erano i problemi che affliggevano la mia povera grande mente ed erano di molteplici derivazioni sia sul piano della professione sia sul piano umano.
Ho avuto il coraggio, un po’ azzardato forse , ma salutare, di tagliare con tutto, fare piazza pulita col passato e aprire un nuovo cassetto della mia esistenza .
Quindi ho eliminato drasticamente la visione paranoica della situazione social\politica\economica\artistica\relazionale…. Che avevo e ho catarticamente ricominciato a costruire una visione più distaccata e solidamente posata su basi ironiche del mondo che mi circondava.
Ecco che appaiono quindi i soggetti che vedete oggi nella mia pittura.
Anche la tecnica si è mutata come pure i colori che sono oggi più gradevoli, in barba ad una famosa e ammanicata critica di Treviso che disprezzava l’arancione.
Il rosso mi si diceva doveva essere usato con parsimonia , io invece lo metto a palate, ho riscoperto il gusto della vita!
Le tecniche che usavo ( per la maggior parte sperimentali ) non erano ben apprezzate dalla critica ora ho fatto un minestrone di tecniche che non collimano tra di loro ma che io riesco a far andare d’accordo proprio come dovrebbero certe persone di mia conoscenza .

Mi si diceva : “ stai nel tuo studio a lavorare e un giorno qualcuno ti scoprirà…” a 40 anni non mi aveva ancora scoperto nessuno ( dipingo dall’età di 16), allora ho deciso di andare a vedere perché e ho trovato che il mondo dell’arte altro non è che una grande mafia di interessi e di raccomandazioni ora politiche ora su base sessuale ora di tornaconti commerciali , ben poco contava l’Arte , contavano solo i soldi, gli artisti erano e sono tuttora semplice carne da macello, un mezzo per critici e galleristi di acquisire potere, fama, soldi.
Non ho voluto entrare in nessun compromesso e mi sono rivolto alla gente, attraverso il mio operare in sintonia con i sentimenti dell’Uomo e attraverso una profonda analisi psicologica sia dei colori che dell’inconscio umano, ho ricevuto molta più conoscenza dai libri di Psicologia e di Sociologia che da qualsiasi critico anche preparato. Molto utile per la mia nuova vena artistica è stato l’amore , amore per le persone, la conoscenza più profonda del dolore, la ricerca di qualcosa di puro, di sereno, la visione incantata che i bambini hanno del mondo, ma non mi sono rivolto ai bambini perché loro il loro mondo la sanno già creare in proprio, io mi sono rivolto agli adulti che sanno ancora trovare in se stessi il bambino nascosto che la vita ha occultato sotto sedimenti di esperienze, necessità, cultura, ipocrisie.
Il mio operare in arte quindi lo interpreto come una operazione di risanamento intellettuale, un recupero emozionale, una ricerca che parte dalle origini della vita, cerco di trovare e di far trovare il senso pieno dell’ esistenza e dei sentimenti. Mi considero un catalizzatore di un processo mentale che ogni essere vivente necessariamente deve fare ad un certo punto della sua vita.
Certamente non ritengo di essere un GURU ma nel mio piccolo vedo che una visione più ironica della vita e dei suoi problemi mi fa vivere meglio con me stesso e mi ricolloca nella giusta dimensione della mia condizione umana.
Di seguito pubblico una critica di V.Sgarbi che fra molti altri apprezzo per l’onestà intellettuale ( almeno nel campo dell’arte)-

Attestati / Premi

qui non 'è spazio per scriverli tutti