Biografia

Si sono interessati alla pittura di Caterina Parrello i critici:
Alfonso Gatto, Giulio Argan, Carlo Tini, Michele Cennamo, De Angelis , Battistini, Franco Gentilini, Paolo Diffidenti, Umberto Salvemini e l’editore Vincenzo Ursini.



Formazione artistica

L’artista CATERINA PARRELLO, nata in Sicilia, ha vissuto i suoi anni formativi in Calabria; ha continuato gli studi artistici all’Accademia delle Belle Arti di Roma, dove ha frequentato la facoltà di Scenografia, diretta da OTTAVIO PICCOLO, e la facoltà di Pittura con il maestro FRANCO GENTILINI

Tematiche

Il tema della sua arte è figurativo allegorico, prediligendo soggetti di storie bibliche, Antico e Nuovo Testamento, e non tralascia riferimenti al paesaggio del suo “amato Sud” e le piccole storie quotidiane descritte nei suoi “interni con gatti”.

Tecniche

Molti dipinti a carattere sacro e paesaggistico, sono presenti in gallerie e collezioni private in Italia e all’Estero, la produzione artistica di CATERINA PARRELLO conta oltre 400 opere.

Valutazione artistica

Da concordare attraverso la scelta delle 0pere

Bibliografia

Nel 1976, CATERINA PARRELLO, esordisce con una personale, alla Galleria “POLIEDRO” in via Margutta RM, presentando 30 opere ispirate alla corrente Naif.
In quell’ anno entra nel catalogo d’arte contemporanea, curato dal critico d’arte MICHELE CENNAMO, con la nota critica dello scrittore ALFONSO GATTO.
Nel 1977, con il dipinto “L’ora nona” vince la Biennale d’arte sacra medaglia d’oro e coppa, consegnata dal maestro PIETRO ANNIGONI e dal direttore d’ ”Arte contemporanea” CARLO TINI.
Numerose sono le sue manifestazioni artistiche alle quali l’artista ha partecipato con successo critico;tra le piu significative;
- 750° anniversario della morte di San Francesco d’Assisi , premio “Cantico delle creature” indetto dal Comitato Francescano della Chiesa SS. Cosma e Damiano ai Fori imperiali, dove Caterina Carrello ha conseguito medaglia d’oro e coppa, consegnata dal giornalista CARLO SABATINI.
- Nello stesso anno in PALAZZO SPINOLA RM, l’artista vince la mostra di pittura ispirata ai “Tarocchi” e riceve il premio dagli On. EVANGELISTI, NICCOLINI , e dal critico ARGAN.
- Nel 1980, i frati della BASILICA ARA COELI in Campidoglio, le affidano, per l’altare dello sposalizio, l’ordine di dipingere il tema “LO SPOSALIZIO DELLA VERGINE” con una tela cm. 215 x 115 , a sostituzione del soggetto seicentesco precedentemente trafugato.
- Per la CAPPELLA dell’OPUS DEI in Roma ha eseguito il trittico olio su tavola cm. 320 x 180, con tre scene tratte dal Vangelo e dalla Bibbia: “LA CHIAMATA DEGLI APOSTOLI”, “L’ANNUNCIAZIONE “, “TOBIA E L’ANGELO”.
- I dipinti sono eseguiti con la tecnica delle velature a olio e le decorazioni in ora zecchino.
- -Nell’ Oratorio della BASILICA DI SAN PAOLO RM si trova il”SAN GIUSEPPE CHE DIALOGA CON GESU’ FANCIULLO”, olio su tela cm. 120 x 120

Attestati / Premi

-Nel 1982 a Roma le viene assegnato il premio “MEDUSA D’ORO”, un alto riconoscimento culturale, come rappresentante per l’arte del sud,premio presieduto dall’On.Giulio Andreotti.
- Sempre nello stesso anno riceve il premio per la cultura , “LA QUERCIA D’ORO”, sponsorizzato dalla Regione Lazio e dal comune di Roma, consegnato da GIULIO ARGAN.
Il premio, “SAFJ PRESS ELITE” è uno dei riconoscimenti più recenti dell’artista che è stata premiata in CAMPIDOGLIO per il dipinto “IL MATRIMONIO DELLA VERGINE” in ARA COELI in Roma.