Testi comprensibili all'infinito

2007

Informazioni tecniche
  • Codice Gigarte.com:GA7575
  • Codice personale:FU0001
  • Misure:50 cm x 50 cm
Informazioni sulla vendita
PROPOSTA D'ACQUISTO
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci la tua proposta in euro
Inserisci un messaggio
Descrizione

Il concetto delle mie opere si basa sulla scrittura come mezzo per registrare e trasmettere informazioni che è stata introdotta circa cinquemila anni fa: gli scritti, i testi (che sono da considerarsi una forma di rappresentazione grafica, una forma evoluta di immagine), sin dalla loro origine, hanno in essi contenuto un momento temporale che è quello proprio della loro “invenzione”. Quando si scrive di qualche avvenimento, di qualcosa, di qualcuno, ci si riferisce necessariamente, anche se non esplicitamente, ad un dato momento temporale che è inevitabilmente inserito negli scritti. Nei testi non è intrinseco esclusivamente il momento temporale di cui fa riferimento il loro contenuto ma anche quello in cui sono stati elaborati: si scrive oggi di avvenimenti che sono avvenuti dieci, cento, mille anni prima o che (presumibilmente o mai) avverranno fra dieci, cento, mille anni...
Così come due rette parallele s'incontrano all'infinito, triturando i testi e rendendoli incomprensibili li ho resi comprensibili all'infinito. Il momento temporale di cui i testi incomprensibili sono permeati, accompagna la comprensibilità dei testi all’infinito e si espande all’infinito. Intrappolando i testi con le reti o con il vischio o imprigionandoli o inscatolandoli, ho catturato il tempo, ho catturato l'infinito, ho catturato la dimensione temporale dell'infinito. E quando i sigilli sono stati posti, mi sono proclamato, de facto et de iure, dominus temporis, sottomettendo l’infinito del tempo alla mia volontà che è quella propria di ciò che il genere umano brama: l'eternità (dannata o paradisiaca che sia, qualsiasi religione contempla la vita eterna, così come la più razionale e rigida filosofia materialistica che vede nella continua trasformazione della materia).
Le mie opere dovrebbero essere poste all’altezza degli organi riproduttivi in quanto giustificazione umana dell’esistenza del tempo e, di conseguenza, al di sotto dello sguardo in segno di sottomissione dell’infinito temporale all’ambire dell’uomo.

Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Fumagall) Commento pubblico o privato


  • Codice:GA7575
  • Tipo:Pittura
  • Creata nel:2007
  • Archiviata il:luned� 19 maggio 2008