Biografia

Diploma di Licenza in Scenografia conseguito il 30/06/1988 presso l’Accademia di Belle Arti di Brera, Milano.
Titolo Tesi: “Claude Monet, magia di un’epoca”. Relatore Prof. Francesco Poli.

Da 1979 a 1983: Diploma di maturità artistica, seconda sezione, conseguito il 5/08/1983 presso il Liceo Artistico Statale I°, Via Panizza 5, Milano.

1991/1992 Corso biennale di fotografia professionale “Donna Fotografa”, docente Giuliana Traverso, Galleria il Diaframma Kodak Cultura, Milano.

Canon Italia: Canon Professional Member
Socia TAU VISUAL (Associazione Italiana Fotografi Professionisti).

In possesso della Licenza di Pubblica Sicurezza dell’arte fotografica, rilasciata dalla Questura di Milano, anno 1991.

Tematiche

Dopo il conseguimento della maturità artistica, si diploma scenografa all’Accademia di Belle Arti di Brera di Milano.
Nel corso degli anni, sperimentando senza sosta, supera quell’instabile linea di confine che separa la fotografia “documentaristica” dalla fotografia “artistica” quale rappresentazione dell’essere; le opere fotografiche di Myra Aschenbach spesso raccontano di ambienti fermi nel tempo, di stati d’animo, di situazioni mentali, surreali, incubi reali, e via discorrendo.
Aschenbach è un’artista che ama lavorare per “Cicli”: decisamente figlia del suo tempo, indaga tematiche e fenomeni contemporanei senza filtro alcuno.
Le opere finali non hanno quasi mai proporzioni canoniche, sono spesso oblunghe, quadrate, orizzontali, verticali, ecc. “L’unicum” non è però limitato alla sola costruzione (e conseguente elaborazione) dell’immagine, quanto piuttosto ad un procedimento peculiare che svincola le sue opere dalla consueta riproduzione seriale.
Myra Aschenbach, sottolinea volti, sguardi, particolari eloquenti, utilizzando un bianco pigmento fotoluminescente, offrendo così una duplice lettura all’opera; L’osservatore viene pervaso dall’inquietudine quando, le impercettibili ridipinture diventano evidenti nella visione notturna. Ancora più marcate se “evocate” dall’utilizzo della lampada di Wood.

Tecniche

Plotter painting su tela canvas, carta fine arts.

Bibliografia


Attestati / Premi

• 2014 – “Fisica e Metafisica del volto”, ArtExpertise Galleria d’Arte, Via Pisana 305
50143 Firenze, mostra collettiva, 8/18 Gennaio 2014.

• 2014 – “Non c’è che lasciarsi andare”, Galleria ZeroUno, Via Indipendenza 27, Barletta, mostra collettiva, 9/24 gennaio 2014.

• 2013 – “il Segno 2013”, Premio d’arte contemporanea, quinta Edizione, Palazzo della Racchetta, Ferrara: finalista con un’opera.

• 2011 – Pubblicazione su “Tu Style”, Giorgio Mondadori Editore, sezione “TuStyle Storie di Donne”, 22 marzo 2011.

• 2008 – Pubblicazione su “In armonia”, sezione “Associazione: Casa d’Europa, Milano, maggio 2008.

• 2004 – “Artista del mese” sul portale www.artegiovane.it, profilo critico di Giusy Caroppo, luglio 2004.

• 2004 – Partecipazione a mostra collettiva, una metafora del mondo del calcio: una squadra di 11 artisti, un allenatore, un Presidente. “Fuori gioco”, questo il nome dell’esposizione allestita dalla critica d’arte Elisabetta Rota presso la Galleria PerForm Arte Contemporanea, Via Torretto 48, La Spezia, Luglio 2004.

• 2004 – Mostra personale presso Art Wall, Barletta (Ba): dopo il graffitismo ipertecnologico di Matteo Basilè, Porta Marina ospita per il mese di giugno l’artista digitale Cristina Tosi (Myra Aschenbach), mostra a cura di Giusy Caroppo.

• 2004 – Partecipazione alla mostra “INCIPIT” presso Artissima 35, Galleria d’Arte Contemporanea, Via Fracanzano 35, Barletta (Ba), mostra a cura di Giusy Caroppo, 16 ottobre/28 novembre 2004.

• 2004 – Partecipazione a mostra collettiva presso Galleria “Fabbrica Eos”, Piazzale Baiamonti 2, Milano. Mostra a cura di Giancarlo Pedrazzini.

• 2003/2004 – Vincitrice concorso arti visive, sezione fotografia digitale: “Forma e colore in movimento”, Fonopoli per l’arte (Associazione non-profit presieduta da Renato Zero), II° Edizione, a cura di Giusy Caroppo, Roma, Dicembre 2003/Marzo 2004.

• 2003 – Partecipazione a mostra collettiva nell’ambito della rassegna “Corpo, Segno, Superficie”, Castello Estense di Ferrara; l’opera presente in mostra è stata selezionata con la seguente motivazione: “Per la coerente ricerca attraverso l’immagine fotografica tesa al raggiungimento di elementi evocativi di estremo interesse estetico nella rappresentazione di volti e situazioni al femminile, Ferrara, Aprile 2003.

• 2003 – Palazzo della Permanente, Milano. Premio Cairo Communication, finalista concorso, sezione fotografia, 13/23 Novembre 2003.

• 2001 - Partecipazione alla mostra “Pensieri d’arte 2001”, a cura di Gabriella Brembati, presso Galleria Scoglio di Quarto, Via Scoglio di , 4, Milano. 800 pezzi unici da collezione. Pubblicazione dell’opera nell’omonimo catalogo della mostra, 28 Novembre/21 Dicembre 2001.

• 2001 – Partecipazione mostra “Arte, memoria, vita del nostro territorio”, Centro Polifunzionale, Peschiera Borromeo (Mi), 16/30 Settembre 2001.

• 2001- Partecipazione mostra “Arte, memoria, vita del nostro territorio”, Cascina Roma, San Donato Milanese (Mi). Mostra a cura di Mariele Nova.

• 2001 – Partecipazione al Concorso Internazionale Arte Digitale EurArt Millenium, finalista, Gorizia, Dicembre 2001.

• 2001 – Partecipazione progetto promosso dal mensile CARNET e pubblicato sul portale “Tiscali Arte”, grazie al quale trenta artisti hanno dato la loro interpretazione sulla situazione mondiale sotto il titolo di “Tutto l’odio del mondo”: pubblicazione di un’opera (Pearl Harbor, plotter painting su tela), Novembre 2001.

• 2001- ArteNetwork Art Diary 2001 Project, pubblicazione di due opere, plotter painting su PVC, Aprile 2001.

• 2001 - Arte Contemporanea e Musei in rete, progetto speciale per la Biennale di Venezia: pubblicazione nella sezione “Open Space” dedicata alle giovani promesse della fotografia italiana, dell’intera galleria delle opere facenti parte della mostra “Serial Killers: Loro! Tu? Io……” all’interno dell’iniziativa “VIRTUALGALLERY”. L’iniziativa nasce dallo staff di Virtual Gallery (www.virtualgallery.fotomodo.com), come progetto on-line non-profit creato da una vera partnership tra pubblico (Galleria Civica di Modena) e privato (lo studio professionale Modo Fotografia), Marzo 2001.

• 2001 – pubblicazione on-line sul portale d’arte www.undo.net (network per l’arte contemporanea), sezione “Carta Bianca”, dell’intera galleria delle opere facenti parte della mostra “Serial Killers: Loro! Tu? Io……”, Febbraio 2001.


• 2001 – mostra personale, a cura di Denis Curti (direttore Agenzia Contrasto, Milano) presso lo Spazio foto San Fedele, Piazza San Fedele, Milano, dal titolo: “Serial Killers: Loro! Tu? Io……” Ovvero un’attenta quanto rispettosa ricerca su un argomento tanto delicato quanto interessante dal punto di vista psicologico. I plotter painting su PVC presenti in mostra sono stati oggetto di atti vandalici ad opera di ignoti; persone che evidentemente non avevano colto il vero spirito del progetto, Centro Culturale San Fedele, Via Hoepli 3, Milano, 10 Gennaio/10 Febbraio 2001.

• 2000 – Palazzo della Permanente, Milano. Premio Cairo Communication, partecipazione concorso, sezione fotografia, finalista, con 3 opere: Millenium Third, La menzogna sulla porta, Perché, plotter painting su PVC.

• 1998 – Museo d’Arte Moderna Gazoldo degli Ippoliti, Mantova: partecipazione alla mostra “Bazzecole, Quisquiglie e Pinzallachere: 25 artisti italiani per i cent’anni di Totò, mostra a cura di Grazia Chiesa, 10 Maggio/14 Giugno 1998. La mostra ha poi successivamente fatto tappa in diverse città d’Italia e negli USA: Milano, Padova, Ferrara, New York.

• 1998 – Partecipazione alla mostra “Gli Uomini delle donne”, mostra a cura di “D’Ars Agency” in collaborazione con Banca Popolare di Milano, sede di Parma, Strada Garibaldi 12, Aprile 1998. La mostra ha poi successivamente fatto tappa in diversi sedi italiane della Banca Popolare di Milano.
• 1998 - Partecipazione alla mostra “Dall’Italia con affetto” presso la “Scuola Marconi”, New York, USA, 20 Novembre 1997/15 Gennaio 1998.

• 1997 – Fiera d’Arte di Padova, in collaborazione con Galleria Poliarte e Club D’Ars, partecipazione alla mostra “Bazzecole, Quisquiglie e Pinzallachere: 25 artisti italiani per i cent’anni di Totò, mostra a cura di Grazia Chiesa.

• 1997 – in occasione del “BMW roadster meeting” svoltosi presso il Palace Hotel di Merano, presentazione ufficiale del progetto “Roadart” degli artisti digitali Cristina Tosi (Myra Aschenbach) e Maurizio Scarselli: ovvero, una roadster BMW Z3 completamente trattata al fosforo da vita ad un’originale serie di fotografie dalla duplice lettura: diurna e notturna, Merano, 4-6 Luglio 1997.

• 1997- In occasione del Motorshow , presso la Galleria “Neon” di Bologna, presentazione del progetto “Roadart”: ovvero una roadster BMW Z3 completamente trattata al fosforo da vita ad un’originale serie di fotografie dalla duplice lettura: diurna e notturna, Bologna, Novembre 1997.

• 1997 – 2° Premio Trevi Flash Art Museum, Arte Contemporanea, Palazzo Lucarini.

• 1997- Partecipazione 1° Biennale d’Italia di Fotografia, Trevi Flash Art Museum, Palazzo Lucarini.

• 1996 – 1° Premio Trevi Flash Art Museum, Arte Contemporanea, Palazzo Lucarini.

• 1995 – MIART 1995 - partecipazione alla Fiera di Primavera, Arte Oggi in Europa, Fiera Internazionale di Arte Moderna e Contemporanea, Parco Esposizioni di Novegro (Mi), 25/28 Maggio 1995.

• 1994 – MIART 1994: partecipazione alla Fiera di Primavera, Arte Oggi in Europa, Fiera Internazionale di Arte Moderna e Contemporanea, Parco Esposizioni di Novegro (Mi), 27/29 Maggio 1994.