Biografia

Nasce nel 1967 in terra celtica, a Breno in provincia di Brescia, quarta figlia di Iolanda, bruna bellezza trentina, e Raffaele, biondo pugliese da cui ha preso i capelli chiari e gli occhi verdissimi. Fin da piccola si sente cittadina del mondo, approda all'età di due anni con la famiglia sul lago di Garda dove è cresciuta, ed è subito amore tra lei e il lago. Vivere in un tale crogiolo turistico di lingue e abitudini consolida la sua natura cosmopolita. Appena adolescente inizia il suo percorso di vita, che negli anni si arricchirà di viaggi, traslochi, avventure, lutti, matrimoni, incontri e scoperte. Decide solo nel 2007 di ritornare dove sente le sue radici. Attualmente vive con il marito Matteo, suo figlio Francesco e due gatti a Riva del Garda in provincia di Trento.

Formazione artistica

Mia madre era solita dire che ho imparato a disegnare prima che a scrivere, e sono stata precoce anche nella scrittura, a 4 anni leggevo e scrivevo da autodidatta anche se a specchio. Ossessionata in gioventù dalla riproduzione e lo studio della figura umana, in particolare del nudo, rimango per anni ancorata al disegno in bianco e nero, ed esito ad usare i pennelli, ecco perchè in età più adulta decido di educare la mia vena creativa e mi diplomo in fotografia, grafica pubblicitaria e cinematografia presso l'Istituto d'Arte Depero di Rovereto. L'impatto con la grafica tuttavia mi fa sentire ulteriore fame di tecniche più marcatamente artistiche e frequento quindi in seguito anche l'Accademia di Belle Arti Cignaroli di Verona, nella sezione Pittura. Durante gli anni '90 spronata da quest'esperienza in Accademia inizia il mio amore per il ritratto su tele di grandi dimensioni.

Tematiche

Il mio interesse per l'espressività del volto mi porta a prediligere il ritratto. Il mio lavoro si caratterizza nella ricerca e nell'esplorazione di luce, ombra, colore, gesto, espressione, semplicità. Lavoro in velocità, cercando di mantenere una certa immediatezza innocente, senza ripensamenti nel tratto, che non tolga freschezza all'immagine. Nei soggetti amo, oltre al ritratto e alla figura umana in genere, disegno naturalistico e saltuariamente alcuni soggetti simbolisti.
Parallelamente alla pittura proseguo il mio percorso di fotografia fine art e mi occupo personalmente di tutte le fasi di lavorazione dallo scatto, allo sviluppo (o alla postproduzione se digitale), alla stampa. Membro storico del circolo fotografico La Tavola Rotonda di Riva del Garda, a partire dalla fine degli anni '80 ho esposto fotografie artistiche in mostre individuali e collettive in Italia ed all'estero.

Tecniche

Utilizzo per la pittura su tela prevalentemente colore acrilico, talvolta , per illustrazioni di piccole dimensioni su carta, mi servo anche di tecniche miste. Utilizzo con versatilità olio, acrilico, acquerelli, inchiostri (stesi direttamente senza disegno preliminare), pennarelli, penna, matite, pastelli, tecniche miste, oltre ai più noti software professionali di illustrazione e grafica (con i quali realizzo artworks digitali).

Valutazione artistica

Testo critico di Giulia Galassi:

" Nel momento in cui incontriamo una persona, nell’istante in cui la guardiamo per la prima volta ma anche quando godiamo della presenza di qualcuno che è nella nostra vita da un tempo più lungo, forse ciò che ne percepiamo, in maniera quasi inconsapevole, non sono solo lineamenti, espressioni, parole. L’opera di Tiziana Giammetta sembra suggerirci la sensazione palpabile di poter toccare le vibrazioni di colore che ciascun essere umano emette, perché è il colore di ciascuno, con il suo univoco significato, che sale direttamente dall’anima e permea di sé ciò che gli occhi percepiscono, passando attraverso di essi direttamente nello spirito di chi guarda. Nei ritratti di Tiziana Giammetta i toni del colore vengono a dare consistenza e spessore ad espressioni e visi riprodotti con indubbia fedeltà (basti l’autoritratto) che rimarrebbero, però, indizi di un’impeccabile abilità ritrattistica priva di un’essenza e di un’unicità più profonde, senza questa ricerca a renderli unici ed originali. L’anima dei volti rappresentati è tutta compresa nella scelta di tonalità cromatiche che, nell’armonia reciproca, talvolta anche nella loro reciproca giustapposizione, restituiscono non solo immagini pure, bensì individui, persone, di cui la pittrice ha già percepito e sentito un “oltre”. A chi li osserva giunge un senso di intimità e di confidenza razionalmente inspiegabile ma emotivamente reale, perché qualcosa, del loro privato, già ci è stato rivelato attraverso una via di immediatezza che soltanto passa, dallo sguardo. Tiziana Giammetta non ricerca la perfezione grafica formale, la pulizia forzata del segno, non ha timore di mostrare, senza correggerla, l’immediatezza a volte accidentale di una pennellata spontanea e materica per renderla conforme ad un ideale grafico che potrebbe non vibrare più, sfrondato di ogni aspetto idealmente imperfetto. La forza dei soggetti sta tutta qui: nel comunicarci qualcosa di indicibile. L’essenza di una persona. Tiziana Giammetta rende, grazie al colore, l’unicità dell’individuo. Quell’unicità che è fatta dell’immediata sensazione resa dall’armonia dei colori vivi e che in un attimo, come accade in poesia nelle poche espressioni del bravo cantore, rende palpabile e vera una realtà che potremmo non incontrare mai ma in quello stesso istante in cui viene percepita ci diventa nota per la maestria con la quale è stata descritta."

Attestati / Premi

5 ottobre 2013 La Spezia - premio artista dell'anno UIL UNSA Cristoforo Colombo XVI edizione - sezioni Arti Visive

Gennaio 2013 USA Light Space & Time Online Gallery Alll Women Art Competition Award - Special Recognition Award per l'Opera 'Stefano'