Giuseppe Bossa

Nei corsi e ricorsi della storia dell’arte e nei multiformi campi applicativi appartenenti al mondo artistico, che offre sempre infiniti incipit di stimolo per inventare e reinventare innumerevoli volte, la dimensione pittorica del Maestro Giuseppe Bossa spicca per l’interessante e originale rielaborazione personalizzata nell'uso della materia pittorica e nell'intento di valorizzarne ed enfatizzarne al meglio le pregevoli qualità connotative e distintive. Nelle opere riproduce con sorprendente verosimiglianza immagini e figure, che sembrano derivare da una realtà esistenziale inserita nella sfera quotidiana, trasformata e rivisitata con spunti soggettivi e personali di reinterpretazione, per ricavarne efficaci e funzionali soluzioni di accattivante e coinvolgente resa estetica d’impatto. Le raffigurazioni sono avvolte e accomunate da una soave cornice aulica, da una deliziosa atmosfera di sentimentalismo, delineate e definite dalle ricercate velature e trasparenze tonali, dalle lucenti cromie e dai raffinati virtuosismi degli effetti luminosi nei giochi di chiaro-scuro, luci e ombre. Forme e sagome vengono fatte affiorare con la naturale luminescenza sprigionata dalle pennellate variopinte e dalle sfumature tonali della tavolozza multicolore, infondendo nelle rappresentazioni un’impeccabile e armoniosa compenetrazione d’incontro tra le differenti masse dei volumi, ora più composti ora più scomposti, e gli elementi compositivi in perfetto equilibrio, intenzionalmente collocati in uno spazio privo di contorni rigidi, che ne evidenzia la fantasiosa capacità di sintesi narrativa. La visionarietà del Maestro Bossa è concepita anche in chiave di proiezione fantastica e di suggestione onirica e si congiunge in stretto connubio di coesione con la rievocazione tradizionale ispirata dal realismo di tradizione figurativa storica. Dinanzi ai lavori del Maestro Bossa lo spettatore viene prontamente sollecitato e attirato dal vivace linguaggio cromatico, che si snoda nel recupero di cose già viste e assaporate in precedenza, metabolizzate e trattenute a livello mentale, talvolta anche in modo inconscio e inconsapevole con sentimento gioioso e con la ferma percezione, che tra le numerose proiezioni e prospettive positive si nasconde il marchio indelebile del vissuto e della memoria, che nel contempo costruisce le premesse e il preludio di nuove aspettative cariche di gioie rigeneranti. Il legame forte con il colore esprime la primaria necessità di trovare un posto preciso di riferimento, un proprio esclusivo ruolo specifico e qualificante di uomo-artista in mezzo al mondo e alla dimensione reale circostante, che è bella e brutta, dolce e amara, immensa e circoscritta, superando questi limiti vincolanti per fissare secondo una sua logica individuale situazioni e luoghi, che si ripropongono alla memoria, come se fossero inglobati in un unico scenario di continuità e inseriti in una medesima azione creativa vissuta, pensata, sentita nel profondo dell’animo. “Nulla somiglia maggiormente alla fonte celeste da cui proveniamo quanto le bellezze che si offrono agli occhi delle persone ricettive” (Michelangelo). Nelle opere di Giuseppe Bossa vengono rievocate quelle tipiche “petites scènes de famille” rappresentate da importanti pittori francesi, in cui le ambientazioni assurgono a “sacrario simbolico” di reminiscenze sul senso del tempo, sulle memorie del passato, sugli spunti da cui partono le riflessioni ispiratrici nell'atto creativo del dipingere e che si soffermano nello scandaglio introspettivo e nella somma degli attimi di vita nel loro decorso cronologico. La sensibilità e la delicatezza poetica del Maestro Bossa delineano e prospettano delle visioni personalissime, in formula di “confidenziali raccolte pittoriche” del proprio mondo intimo sommerso, nel quale ha inserito gli elementi più comuni appartenenti al vissuto quotidiano, che svelano le corrispondenze sentimentali e il raccoglimento emozionale di un vivere, giorno dopo giorno, con nuova trepidante vibrazione. I dipinti caratterizzati dalla significativa e pregnante figurazione risultano modulati da nessi concettuali, che sorreggono e rafforzano la fisionomia evocativa delle scenografie e degli scenari narrativi. L’intensità della struttura compositiva, la sapiente declinazione tonale delle pennellate, le atmosfere sapide e decise di cromatismo sempre bilanciato vengono traslate e tradotte in manifestazioni della sfera recondita. La materia nella sua particolare visuale viene veicolata in trasposizioni con valenza metaforico-simbolica e in meditazioni e riflessioni sull’esistenza umana, sul senso dall’Essere e dell’Esistere. Il quadro diventa un luogo virtuale tangibile e visibile, la messa a fuoco di pensieri introspettivi, il segno concreto della sua autentica e radicata spiritualità, da interpretare come nicchia e come rifugio interiore, inteso come luogo prediletto e ideale, come luogo della sicurezza psicologica e sito di evocazione dell’anima, che contiene un universo personale infinitesimale, ma recepito come sconfinato e infinito, come un macrocosmo nel microcosmo. Il Maestro Bossa dimostra una sicura e consolidata maturità artistica, che sfocia in un’attenta e accurata ricerca, dove il rigore formale compositivo del tratto segnico e la slanciata vitalità dei colori bilanciano l’indagine e l’analisi sul dato reale, accompagnato da un’avvolgente e permeante allure di suadente e sottile magia onirica. La spontaneità e l’energia del tocco, l’abile e generosa freschezza e immediatezza del linguaggio comunicativo, sollecitano l’occhio dello spettatore e la sua partecipazione emotiva verso i profondi valori di cui sono intrise le creazioni, che simboleggiano il respiro dell’inconscio, il resoconto dell’essere, la dimora dei sentimenti e delle emozioni, delle pulsioni e delle passioni conclamate o ancora inespresse, che si stratificano e prendono vita dentro uno spazio speciale, ovattato, protetto, fuori dal tempo, eterno ed etereo. “Il pittore che ritrae per pratica e giudizio d’occhio senza ragione è come lo specchio, che in sé imita tutte le a sé contrapposte cose, senza cognizione d’esse” (Leonardo Da Vinci).La vena onirica che attraversa l’arte pittorica del Maestro Bossa diventa accento di connotazione artistica peculiare e distintiva, espressione di libertà poetica completa, derivante sia dal suo immaginario sia dalla memoria del vissuto esistenziale. Senza mai spingersi all'esasperazione dell’impatto visivo o all'esasperazione metaforica estrema, l’arte del Maestro Bossa si palesa non come schermo per deformare e stravolgere la realtà circostante, ma bensì come prezioso ingrediente fondante e di arricchente plus valore aggiunto per descriverne l’essenza sostanziale più intrinseca e celata. Così i soggetti e le figure rievocate sembrano scambiarsi reciprocamente di ruolo e sono collocati in luoghi e contesti, dove interno ed esterno interagiscono tra loro in un’avvincente e intrigante commistione dimensionale, avvolti da eterea luce quasi fiabesca e immersi in una pulsante e suadente atmosfera incantata. È proprio da qui che emerge e si palesa appieno quella speciale allure, quell’accento di magia che contraddistingue l’intensità rappresentativa d’insieme della sua vasta e variegata produzione. Dentro l’orchestrazione strutturale si ravvisa come, quanto più la materia pittorica compositiva e le figurazioni appaiono garbate, eleganti, affascinanti e studiate nella loro originale definizione tecnico-visiva, tanto più la narrazione scenica d’insieme mantiene volutamente integra e intatta una suggestiva sospensione di senso e significato sotteso. Il tema portante primario, che funge da filo conduttore è una verità posta in bilico tra realtà e sogno, che si manifesta allo spettatore come una sorta di scenario teatrale emblematico e simbolico, dove cogliere e carpire messaggi, metafore e simbologie. Si evidenziano profondi richiami e riferimenti a codici semantici e semiologici sospesi tra l’onirico pulsante e vibrante di matrice freudiana e la psicoanalisi d’ispirazione junghiana, con simbolismi analogici, che diventano allegorie subliminali per esternare concetti ed emozioni della sfera psichica e inserirli all'interno di ambientazioni di colta eleganza, dove la pittura e il disegno si riappropriano del loro significato nevralgico e fondamentale e riacquistano tutto lo spazio originario e l’importante e focale valenza narrante, come protagonisti assoluti e indiscussi dell’intera composizione. I dipinti del Maestro Bossa sono accesi e animati da elementi esistenziali di contorno, che li pervadono e ne integrano lo spessore comunicativo. Guarda al grande “circo della realtà” con occhi sempre curiosi, stupiti e ammaliati al contempo e riflette su quanto di invisibile è rimasto ancora non svelato nelle articolate e complesse pieghe della vita, indagando nelle profondità interiori e dipingendo mescolando progettualità ideativa e moto dell’anima, per delineare pensieri della memoria dal sapore evocativo, nell'intimo coinvolgimento della visionarietà libera e incondizionata, di toccante essenzialità introspettiva. “La pittura è una poesia che si vede e non si sente e la poesia è una pittura che si sente e non si vede” (Leonardo Da Vinci). “Chi biasima la pittura biasima la natura, perché le opere del pittore rappresentano le opere di essa natura” (Leonardo Da Vinci). Osservando la sua vasta e variegata produzione non si può non restare piacevolmente meravigliati e sorpresi dalle raffigurazioni, che si adagiano e si espandono sulla superficie e quasi come per incanto compaiono e si ravvivano, individuando e delineando uno spazio creativo con un’atmosfera di contorno unica e sui generis, che suscita immediata e autentica emozione e trasporto. L’inesauribile curiosità congiunta all’esuberante intraprendenza e naturale propensione verso ciò che lo circonda, lo stimolano e lo inducono a trovare e consolidare la tecnica di lavorazione più idonea e congeniale per eseguire al meglio il lavoro creativo, offrendogli la possibilità di esternare e comunicare all’esterno il proprio mondo intimo e di cogliere quello circostante nelle sue multiformi manifestazioni, attraverso un’originale e dinamica rielaborazione, che racchiude e custodisce in sé in modo contestuale il reale e il fantastico. La notevole intensità segnica e coloristica, la piena e matura padronanza del disegno, la ricerca costante e innovativa ne orientano e ne guidano la fervida e appassionata vena artistica. Il Maestro Bossa compone con sicurezza e fermezza esecutiva, con vivace e genuina spontaneità e naturalezza,dando forma e vita a tutto ciò che il suo spirito ha prodotto e lo trasmette mediante le sollecitazioni e percezioni sensoriali, per condividerlo con il fruitore. Le opere diventano lo strumento prediletto per traslare il “principio della necessità interiore” con immagini che suggeriscono un’impronta di lirismo e rimandano a profonde riflessioni sulla dicotomia in cui si evolve e si sviluppa la condizione umana. Riesce abilmente ad addentrarsi negli aspetti più vibranti, energici e armoniosi dell’aria e della luce, seguendo le sottili, morbide e fluttuanti variazioni dell’anima e trasfigurandone le fasi emotive, che si rispecchiano nelle composizioni, per attirare e attrarre l’osservatore e sollecitarlo verso coinvolgenti e suggestive proiezioni evocative. Le figurazioni proposte sono i luoghi e i paesaggi prediletti della mente e del cuore. Nelle opere la spazialità e la lucentezza non hanno limiti e confini precisi di riferimento e lo scenario narrativo si trasforma in un teatro aperto, dove le raffigurazioni si alternano e si intrecciano con accostamenti informali, amalgamati dalle strutture simboliche delle cromie, che convergono in contrappunti timbrici di elevato effetto. Nei secoli le simbologie e le interpretazioni sul colore sono stati oggetto di un’ampia serie di trattati, saggi e postulati sulla materia. Risulta significativo allineare l’ispirazione artistica del Maestro Bossa con quanto dichiarato da Johannes Itten: “Uno studio approfondito dei colori è uno strumento eccellente per sviluppare la propria umanità e per acuire la sensibilità delle necessità interiori. È un sussidio per intendere le leggi esterne del divenire naturale. Qualsiasi possa essere il futuro orientamento della pittura, la forza espressiva dei colori conserverà sempre un ruolo essenziale nel processo creativo”. “Ciò che desidero è che tutto sia circolare e non ci sia per così dire ne inizio ne fine nella forma, ma che essa dia invece l’idea di un insieme armonioso, quello della vita” (Vincent Van Gogh). “Un quadro mentre è composto segue il mutamento del pensiero. Quand’è finito continua a cambiare secondo il sentimento di chi lo guarda. Un quadro vive una propria vita come una persona, vive soltanto attraverso l’uomo che lo guarda” (Pablo Picasso).l percorso di emozioni, di ricerca e di arte ispirata compiuto dal Maestro Bossa evidenzia un pathos e una proiezione emotiva, in cui le emozioni partecipano e si fondono con le raffigurazioni evocate. Un contesto esistenziale e una dimensione vitale tanto amati, vissuti con entusiasmo e consapevolezza e reinterpretati con la purezza armoniosa della tavolozza cromatica e dei pigmenti variegati, per sancire un vincolo indissolubile che si concretizza nella rappresentazione concettuale del significato panteistico della forza ed dell’energia vitale e della celebrazione della vita in tutte le sue molteplici forme espressive. Le raffigurazioni prima interiorizzate e poi riportate dentro le creazioni, sono i “paesaggi dell’anima” che diventano i luoghi dell’anima, nel ricordo personale di ciascuno. Serene e luminose le opere possiedono una grande naturalezza e trasmettono una sensazione di libertà, di pace, di armonia con il mondo circostante, di benessere e di compiacimento. La fantasia creativa entra in legame sinergico con l’ego più intimo e ci apre ad una visione onirica, ad una profonda gioia di vivere, ad un’eterna primavera emozionale, ad un risveglio nel tripudio dei sensi. Nell’impatto estetico ogni percezione viene risvegliata dal coinvolgente e stimolante linguaggio aulico. Emerge il connubio affettuoso e gentile con quanto ha intorno a sé, da cui affluisce un sentimento vero e autentico che nell’atto creativo convoglia alimentando la scrupolosa precisione, l’acuta perizia e l’abile manualità. Spiccano la consolidata e radicata maturità stilistica e la simbiosi di un carisma innato e di un’arte-vocazione-missione che si trasforma in folgorante e vibrante passione d’arte, incontenibile e travolgente. Si recepisce l’intenso valore umano, capace di emozionare a tal punto il fruitore da farlo entrare e penetrare dentro l’opera stessa per farne parte e appagare il desiderio di stupore e meraviglia. Si respira un profumo inebriante di freschezza, spontaneità, naturalità di ispirazione, nell’intento di donare la propria ricchezza spirituale.

Nelle opere del Maestro Bossa si trova il senso dell’essere, dell’esistere, del divenire, del sapere, del conoscere, nel richiamare contesti, soggetti e gestualità del quotidiano per elevarli e condividerli con lo spettatore che viene invitato a contemplare e meditare. Nell'esecuzione dinamica l’incisione del segno luminoso, la brillantezza del colore, lo splendore della luce suadente e soave regalano movimento, prospettiva plastica e profondità di veduta. Le scelte cromatiche tendenti al realismo, le pennellate a tratti consistenti e materiche a tratti leggere e sfumate, raggiungono un risultato ordinato e armonico, catturando l’attenzione di chi sa guardare oltre un fugace sguardo e si lascia conquistare dalle suggestioni. Segno, colore, tematiche, pensiero. Il Maestro Bossa ha saputo agire secondo natura, pensare secondo pittura e dipingere con verosimiglianza formale, introspezione psicologica e tensione esistenziale. Questa è la sublime essenza del suo idillio pittorico declarato e decantato nella poesia della quotidianità.

Partendo dalla riflessione che l’arte è da sempre la nobile manifestazione dei più profondi sentimenti interiori, in qualunque forma trovi la sua espressione, senza dubbio le opere del Maestro Bossa offrono un modello indiscutibile di piena esternazione della sfera spirituale più intima e introspettiva. Con talento innato descrive e racconta, si descrive e si racconta, imprimendo nelle opere una collaudata sicurezza nella scelta delle tecniche strumentali ed espressive, trasferendo grande sensibilità d’animo e liricità poetica. Si avverte la ricerca della semplicità senza filtri e senza maschere, il rifiuto della retorica convenzionale, banale e ridondante e l’infinito slancio del pathos. L’arte viene concepita come continua scoperta, come gioia dell’esistere, come lietezza di vita nel suo scorrere quotidiano. Le opere hanno qualcosa di speciale, di ammaliante e ci riportano al cuore ricordi e sonorità care. La sua arte si inserisce nel vibrante manifestarsi delle cose per coglierne appieno il significato del loro esistere, per capirne ed enfatizzarne al meglio le caratteristiche di assoluta bellezza. Si sprigiona un messaggio di ottimismo e positività nel suo fare arte, che lo rendono un artista completo, da cui trarre anche un importante insegnamento con valenza etico morale. Guardare le creazioni del Maestro Bossa è come tuffarsi in un mare magnum di intense emozioni, accese e animate dalla luce dei colori, intrecciati con espedienti chiaroscurali di forte effetto coreografico, sempre in perfetto equilibrio e armoniosa sinergia. Avvicinarsi alla sua arte, che riesce a rappresentare e coniugare insieme forza e delicatezza dell’ardore creativo è sempre sorprendente. Il suo ricco mondo interiore da comprendere esprime una lode solenne e un inno simbolico verso tutto ciò che appartiene al creato, che si innalza e diventa segno tangibile attraverso le esperte tracce pittoriche. Il fulcro del percorso artistico del Maestro Bossa si può riunire e sintetizzare in questo epitaffio simbolico: “L’artista continua a vivere tra noi grazie alle sue opere calde e pregnanti di umanità e grazie ai molti discepoli che del suo esempio faranno prezioso e pregevole tesoro”.



di Elena Gollini
critico d'arte, giornalista, art blogger
2019

Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Giuseppe Bossa) Commento pubblico o privato
Cliccando su "invia il messaggio" accetto che il mio nome e la mail vengano salvate per la corretta erogazione del servizio