Biografia

Luigina Massaria, risiede ad Ancona dove vive, lavora nel suo atelier a Rosora. Laureata in Filosofia presso l'Università di Urbino, si è dedicata all'insegnamento, ma sin dall'infanzia ha coltivato il suo interesse per la pittura. A Brescia, dove è rimasta per 13 anni, ha fatto parte del gruppo d'arte femminile " Nassidi" constituito presso la galleria "G.C. A.B.B.A." Di Brescia. Tornata nelle Marche nel 1983 ha aderito agli eventi organizzati da Transarte patrocinati dalla Commissione Pari Opportunità e dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Osimo. Ha organizzato mostre individuali e ha participato a diverse collettive e a concorsi

Formazione artistica

Luigina Massaria è nata ad Ancona e vi risiede, ma lavora nel suo atelier che si trova a Rosora in via Pratelli 27. Si è laureata in Filosofia presso la Facoltà di Storia e Filosofia di Urbino, ha conseguito l'abilitazione all'insegnamento di Lettere nella Scuola Media a Brescia, dove ha lavorato per tredici anni; in seguito, ritornata nella provincia di Ancona, dopo anni di insegnamento, ha ottenuto, superato il concorso, l'incarico di Dirigente Scolastico. Ha inoltre acquisito la specializzazione nella Didattica differenziata Montessori a Chiaravalle. Sin dalla adolescenza si è dedicata alla pittura, ad Ancona nel quartiere Adriatico, alla fine del '50 ha frequentato la bottega della pittrice Ines Serena, ma il periodo bresciano è stato determinante per la sua formazione artistica. Ha partecipato al gruppo d'arte Nassidi, che si è costituito presso la Galleria d'Arte "G.C.ABBA" di Brescia. Le artiste, "impegnate", nelle varie e singole tecniche, hanno portato avanti un discorso di scelta nella libertà di essere in arte. Le ha accomunate la volontà di rompere la scorza del manierismo e dell'intimismo più o meno sdolcinato, per respirare l'aria di una intelligente e ragionevole rottura ( Elio Marcianò ).
Tornata nelle Marche nel 1983, ha esposto in mostre collettive organizzate da Transarte patrocinate dalla Commissione Pari Opportunità della Regione e dall'assessorato all'Attività culturale di Osimo. "la storia dell'arte non conosce il protagonismo femminile, tranne in qualche rara, coraggiosa eccezione, pagata perlopiù con costi elevatissimi sul piano psicologico e sociale. La donna è stata però la principale musa ispiratrice degli artisti: oggetto da riprodurre, armonia della forma, simbolo del sacro e della religiosità ma anche del profano e del peccato. Quanta femminile genialità, quanta sensibile aspirazione alla produzione artistica siano state negate, impedite, sottaciute, deviate per secoli, non ci è dato saperlo. Certo è che oggi va accolta e sostenuta con convinzione ogni iniziativa che tenti un recupero della soggettività femminile in tutti i settori della creatività" ( Ivo Castagna Assessore alla Cultura Regione Marche.)
Negli anni ha maturato la convinzione che il linguaggio iconico riesca a trasmettere emozioni più forti e messaggi più profondi di quelli che per convenzioni, per paure, per reticenze vengono comunicati dal linguaggio verbale. Addirittura la raffigurazione pittorica, secondo il suo parere, può trascendere la realtà e diventare concetto filosofico. L'uomo nella Mertamorfosi di Kafka si adatta alla nuova condizione, perché si sente diverso e isolato dalla società che soffoca la libera espressione dell'individuo, così L.M. ritiene che il pittore sia libero immaginando una realtà che trascenda da essa. La sua opera olio su tela "Verso il mondo delle idee", apprezzato dal gruppo di artisti A-Zeta di Pompei, è la ricerca di una essenza universale, trascendentale , che però porta sofferenza perché non è conoscibile mediante l'attività intellettiva.


Ho partecipato a concorsi e collettive : IV Edizione Premio Nazionale di Pittura Concesio ( Brescia) 1976, XI Mostra Concorso Nazionale di Pittura Scultura e Arti grafiche Caravaggio 1976 , Mostra mercato Bordighera; Mostra nazionale d'arte figurativa Galleria A.A.B di Brescia 1978; II Rassegna lombarda di pittura Comune di Esine 1981; mostre d'arte" Estate 1986 Biblioteca comunale di Montemarciano; collettiva femminile Castello di Falconara Alta 1994, Transarte "l'Anima artistica Femminile 1991 Auditorium S. Filippo Osimo; " Espressioni marchigiane " Centro Studi Marche G. Giunchi CEIS Club Unesco Roma 1991; II e III Rassegna "Anima Artistica" presso l'Auditorium S. Filippo di Osimo 1993 e 1994 Associazione Artistica Transarte Assessorato Attività culturali di Osimo; XLIV Rassegna di Pittura" G.B.Salvi" Sassoferrato , al Centrale di Fabriano 1995. RomArt Biennale Internazionale di Arte e Cultura Roma 15-18 maggio 2015. ART Taorimina premio Internazionale Mazzullo dal 26 giugno al 6 luglio 2015.
Evento "L'isola che C'è " I premio internazionale della cultura 15-18 ottobre 2015 Palermo presso Villa Castelnuovo; Arte Jubilaeum 19-26 maggio 2016 Sale del Bramante piazza del Popolo Roma. VI Edizione della Biennale "Metropoli di Torino" Ed 2016 14 maggio-5giugno presso il Mausoleo della Bela Rosin Torino. Triennale dell'Arte contemporanea 9-12 giugno 2016 PalaExpo Verona. Video esposizione di un'opera a New York 13 ottobre Jolly Madison Towers Hotel, a Washington 16 ottobre 2016 Sofitel Washington DC Lafayette Hotel. The Artbox Project Miami1.0 Video esposizione di un'opera a Miami dicembre 2016. Contemporanei nella città degli Uffizi videoesposizione di un'opera dal 10 al13 novembre a palazzo Ximènes Panciatichi Firenze. Video esposizione Parigi, Vienna. Partecipazione alla Mostra collettiva "Physiognomic Investigation" 5th Gallery Brick Lane London dal 16 al 25 gennaio 2017. Partecipazione a International contest of Contemporary Art 2016/17 Yicca. LiberArt Collettiva presso la sala del Rettorato di Ancona dal 28 gennaio al 5 febbraio. MeART I Biennale internazionale del Mediterraneo Palermo 9-12 marzo 2017. "Perugia Contemporanea " dal 18 marzo al 1 aprile 2017 ex Oratorio di Santa Maria del Suffragio Perugia. Panorama Arte Oggi Centro culturale La Riseria Novara dal 22 aprile al I Maggio 2017. Biennale internazionale di Barcellona al MEAM ( Museo Europeo d'Arte Moderna) dal 5 al7 maggio 2017. ESAGERARTE Centro Culturale La Riseria 8-13 maggio 2017. Contemporanei nelle Sale del Bramante Roma 2017. Premio internazionale d'Arte Perla dell'Adriatico Sale Museo MIC del Kursaal Grottammare 27 maggio - 18giugno 2017. The Artbox Project Basel 1.0 2017 Euroairport piattaforma Luminator dal 13 al18 giugno 2017 Basilea. Mostra Fiera d'Arte Mercato Museo Magmma Villacidro (Cagliari) dal 30 giugno -31 agosto2017. Videoesposizione Premio internazionale Arte Milano Teatro dal Verme Milano 25 luglio 2017. IBCA international Biennial Contemporary Art 2017 Edition New 33 Contemporary Gallery Zhou Brothers Art Center Chicago 21luglio- 30 agosto
Personali e collettive: Ponte di Legno s. Media A. Buozzi 1972 ; La Gritta di Mantova, Galleria S.Ambreus di Milano nel 1977, Galleria Casabella di S.Margherita Ligure, Galleria S.Luca di Latina.

Iscritta ad Artists in the World nel 2015 e 2016 2017 ad Associazione Culturale CAT Venezia 2015, ArteAm 2016 e 17. Iscritta al CDA ( Centro Documentazione Arte) del Museo MIIT di Torino.

Tematiche

Una evidenza esistenziale può avere per Luigina Massaria i caratteri più diversi nella metafisica delle sue costruzioni di una cittadella del presente e del futuro. I suoi agglomerati di umanità e di cemento si presentano con i colori rossi smaglianti dei caseggiati uniformi e con le facce pavide dei protagonisti del dramma. L'uomo è costretto a perdere il gusto del verde della natura e ad aggrapparsi all'isolato urbano. Tutto è a rischio, ma egli può attraverso la lotta raggiungere una illusione, cioè nella possibilità che riconosca negli altri uomini, legati a lui da questa stessa speranza. Ecco perché i suoi protagonisti vivono raggruppati. Ne risulta un'atmosfera di sospensione, un senso di drammatica realtà, in cui è da individuare la problematicità dell'essere contemporaneo e , con il mezzo di un'arte ammonitrice, la resa tangibile della crisi del nastro tempo. ( Elio Marcianò)
Urge una tensione drammatica nel mondo di Luigina Massaria. I volti non definiti, i toni volutamente aspri, l'assenza di cieli, d'uno spazio in cui rifugiarsi tranquilli. Uomini come manichini, ma con il sentimento acuto della propria meccanicità. Pittura che tende all'espressionismo e che denota il rifiuto del facile, dell'idilliaco, del quadro come evasione da tutto quanto ti sta addosso nel ritmo monotono o banale o cupo dei giorni (Luciano Spiazzi)
Creature nate alla luce, eppure sole, con il capo reclinato, già pensose di un avvenire che le trova più adulte in uno spazio privo di quella primitiva solarità che è diventata quasi livore, corruccio, sono lì a difendersi da architetture quasi disumane. Non la coppia, né il gruppo le salvano, le uniscono solo in un finale corale e tragico ( prof. Giocondo Ronconi)
Pittura quasi primitiva nella essenzialità delle figurazioni, dove i toni accesi e le campiture monocromatiche creano una tensione profonda da cui scaturiscono sentimenti, passioni, solitudine, tristezze, angosce. (L'Azione Cultura 6 maggio 1995) .
Le forme di quest'artista sono cariche di tensione drammatica trattenuta a stento dalla linea che circonda in maniera netta e concisa. Le figure sembrano quasi intagliate o incise nel colore e nella tela con un'eco vagamente vicina alle avanguardie d'inizio secolo. L'artista persegue una poetica di ricerca dell'io interiore che non ha volto, e di volta in volta assume forme dei nostri sogni o incubi in un compenetrarsi di corpi che sembrano respingersi a vicenda. ( Noemi Gambini su Materia Intelligente )
La pittura di Luigina Massaria, pur avendo i toni accesi e i colori contrastanti e vivaci con campiture monocromatiche in rosso, giallo,arancione, rivela una profonda interiorità che spegne la tensione creata dalla cromaticità. Le figure vivono in paesaggi definiti da costruzioni essenziali, un po' cubiste e fanno da protagoniste in una natura dominata dalla solitudine. Nelle opere si anima un'umanità in preda a passioni, sentimenti, angosce che contraddistinguono la vita dell'uomo e che scaturiscono dalla incertezza della sua natura e dalla consapevolezza di essere solo un anello di un meccanismo in cui si sente travolto. È quasi una pittura primitiva con l'essenzialità nella figurazione dove linee nere marcano dei contorni che fungono da ombre. Le figure si smaterializzano diventando pure forme in un mondo che è passione, sentimento, solitudine, tristezza assoluti.( prof.ssa Laura Carrera).
Attestato di partecipazione D.O.C. Per la straordinaria sensibilità che contraddistingue le sue opere, esaltanti per contenuti e per la forza espressiva. L'armonia del gesto e la rata creatività danno vita a racconti visivi che si propongono al fruitore con impeccabile raffinatezza stilistica. ( Paolo Levi giugno 2016 )
La selezione del suo operato in occasione del progetto editoriale " Italiani" attesta la validità del suo impegno stilistico. La sua presenza conferma la grandezza del panorama artistico contemporaneo. ( Vittorio Sgarbi marzo 2016)
Una sintassi formale e iconica dalla quale sembrano uscire, quasi evocate, le opere di Luigina Massaria, che si addentrano in un geometrico universo dall'interpretazione irreale, dalle forme concettuali, silenziose ed eleganti, dai colori affabulatori, che tramutano la realtà in un messaggio intenso e lirico al tempo stesso. ( Silvia Arfelli 2017 Mayadesnuda Gallery)
Nelle composizioni dell'artista Luigina Massaria, in bilico tra una figuratività metafisica e una visionarietà surreale, si dipana un universo d'immagini enigmatiche che spingono a una riflessione sulla condizione esistenziale dell'umanità nella nostra contemporaneità. Un'esistenza imbrigliata e allo stesso tempo vittima della società di massa, ma ancora capace di esprimere istanze di liberazione e di ribellione di fronte a condizioni di vita alienanti. Le figure che popolano i suoi quadri dipinti con acrilico su tela assumono il valore iconico di archetipi, costituiti da elementi che attuano un dialogo simbolico con l'osservatore a cui viene affidato il compito di cogliere il messaggio di cui si fa portavoce la sua arte. L'artista mostra grande abilità tecnica e una profonda sensibilità cromatica laddove cura con precisione gli effetti chiaroscurali, sa quando tracciare contorni netti e quando invece concedere al disegno di stemperarsi in eleganti sfumature, lasciando l'immagine in una dimensione sospesa che spetta alla fantasia dell'osservatore di contestualizzare. Con il lavoro ricco di riferimenti tra cui quello più evidente alla metafisica, Luigina Massaria conduce chi guarda in un mondo scandito da attese e silenzi, che sfiorano il reale solo per un breve istante, per ritornare subito a luoghi immaginari dove spazio e tempo sono dimensioni non commiserabili. Quello che caratterizza questi lavori è il tratto morbido, colori caldi modulati con maestria nelle variazioni dell'intensità. Una liminosità diffusa, che si espande avvolgendo con delicatezza la narrazione visiva, dà vita a un universo fuori dal tempo e dalla storia, anche là dove il soggetto richiama un dato di realtà. Coniugando segno e colore con lirismo, Luigina Massaria coinvolge l'osservatore in una riflessione sul senso della vita e sui valori etici che la rendono preziosa.( Serena Carlino in My Art EA Editore International Web Magazine 2017 )
Tra metafisico e meccanicistico lo stile di Luigina Massaria si posiziona tra i meandri del panorama contemporaneo, quasi di diritto, considerando l'impegno dell'artista in una ricerca stilistica di grande difficoltà. La Massaria esprime i suoi pensieri, la sua cultura, le sue passioni attraverso l'arte realizzando delle opere di grande spessore sotto molti punti di vista. Analizzandone i tratti distintivi, notiamo una pittura scevra di ogni inutile abbellimento, di ogni variazione che distolga l'attenzione dal reale intento artistico della pittrice che si mantiene sempre su toni espressivamente pacati sebbene fortemente comunicativi. Gli ambiti indagati sono molteplici e ogni volta è un susseguirsi di suggestive campiture cromatiche dettate direttamente dal profondo e di un bilanciato rapporto tra le tonalità e la forma, dando un risultato armonioso dal punto di vista segnico. (Me Art)

Tra metafisica e cubismo, le surreali ambientazioni di Luigina Massaria prendono vita insieme ai loro personaggi: esseri senza volto, senza connotati che li distinguono gli uni dagli altri, sembrano vivere e quasi subire, alle volte, quello che la vita gli riserva. Luigina Massaria parla di cose reali, di sentimenti ed esperienze vere e l'autenticità della sua arte è dovuta al fatto che gli ambiti che indaga coi suoi pennelli, non riguardano solo l'aspetto positivo della realtà, ma anche il più cupo e difficile. Le sue cromatiche sono intense e il colore, ben steso su ogni superficie, guadagna un profondo valore simbolico. Il simbolismo infatti che l'artista lascia intravvedere in ogni sua opera, sfocia poi nelle più varie interpretazioni i dell'immagine, fornendo all'istante sempre nuovi spunti di lettura. Attuale nel segno, ma anche nel contenuto, l'artista. Rivolge particolare attenzione ai problemi di attualità, affrontando tematiche drammatiche come l'immigrazione è dandoci mille punti di vista diversi, cercando di far passare un messaggio di profonda tolleranza ed umanità e questo fa sì he le sue opere siano contemporanee non solo per quantoriguarda l'estetica o lo stile, ma anche p re quanto riguarda il messaggio, la diffusione di cose che ci riguardano da vicino. Un'arte che invita anche a riflettere e considerare i molteplici aspetti della vita. Sandro Serradifalco Premio Internazionale Arte Milano 25 luglio 2017.

Tecniche

Acrilico su tela , acrilico su legno, olio su tela

Valutazione artistica

Quotazione opera , valutata da Paolo Levi : € 2.700,00

Bibliografia

Italia Artistica,Panorama d'Arte, Individualità in Arte, Bolaffiarte, Arterama, Brescia Oggi, il Giornale di Brescia Cronache d'Arte 10 aprile 1977 , Corriere Adriatico. L'Azione Cultura 1995. Catalogo RomArt 2015 I Edizione Favia. Catalogo Gigarte 2015. Effetto Arte Arte n1 2016. Art Taormina EAEditore. Catalogo generale I Premio della Cultura Effetto Arte. Maestri Selezione di Arte contemporanea EA editore. Italiani 2016 EA Editore. My Art Luigina Massaria International web Magazine cura di Sandro Serradifalco EA Effetto Arte 2017. Museo Levi -Artisti da Museo EA EffettoArte marzo 2017. Calameo. Facebook. Google più.

Attestati / Premi

Targa con segnalazione al "Natale d'oro " 1975 di Milano; Il Mondo d'oggi coppa con segnalazione di merito Caravaggio 1976, coppa del Comune al premio Città di Cremona. Nomina di Accademico con medaglia d'oro, riconoscimento per la particolare attività svolta nel settore delle Arti dall'Accademia Italia delle Arti, delle Lettere e delle Scienze Salsomaggiore Terme 31 marzo 1978. Conferimento riconoscimento Artista D.O.C a firma di Paolo Levi. Ammissione al Primo Trofeo internazionale Arte Impero 2016. Premio di rappresentanza Ministero dei Beni e Attività culturali e del Turismo 2017 Grottammare.