POESIA: "IL LIBERO PENSIERO"

2021

POESIA: "IL LIBERO PENSIERO" Perché mi guardi e nascondi il tuo stupore? Sono io, unico, spirito libero. Animo che ama aleggiar nell’etere non chiede redini, e da solo si guarda attorno e sfida fiero la ventura. Perché mi guardi e con la mano nascondi il tuo radioso sorriso? Spinto da una leggera aura ancor tiepida in questo fine autunno di un mondo ormai malato, anelo ad orizzonti che mai hanno fine. Sarò io che cercherò nuovi misteri e mi perderò nell’assoluto. Ma sarò pur sempre spirito libero. Perché mi guardi e ti nascondi dietro ai tuoi pensieri? Non mi voglio far vessare dall’oltraggio di uomini che pretendono di conoscere i lati oscuri dell’animo mio e vorrebbero che appartenga a loro. Senza più forze non potrei difendere il mio modo d’esistere. Spirito libero e unico vado incontro al mondo che senza più forza per mani violente e senza pietà pur mi sorride. Non mi sento di appartenere ad alcuno e vado libero per la mia strada senza briglie e frustini. Che quando sono nato forse qualche autorità, o eterico Essere Superiore, mi ha imposto di appartenere a qualcuno contro il mio volere? Ogni uomo è sé stesso ed io sono io, e tale rimango con le mie inquietudini, i miei slanci gioiosi, i miei umori altalenanti, le mie brame, i miei sogni, i miei desideri di stare sempre con te, o moglie fatata, mia Musa fedele e compagna di vita, consegnatami da un angelo vestito di blu in un caldo pomeriggio agostano. Sei tutto per me. Non sei un inganno. Sei per come ti vedo. Ma tu lascia libera la mia mente di spaziare e il mio animo di volare felice verso orizzonti agognati e sempre lontani. E’ la ricerca di me stesso. Voglio conoscermi nel frastuono del mondo che uomini insani e dissennati andarono oscurando nell’intera sua bellezza. L’amore tuo è reale e il mio ti riscalda il cuore. Or dunque, lasciami libero di pensare! Così solo potrei insinuarmi nei misteri che ci avvolgono coi loro manti celati! La tua mano è fredda in questo scorcio d’autunno bizzarro, a volte piovoso, a volte riarso. La mia unicità chiama la tua. La mia libertà pensante viaggerà lungo solchi imperscrutabili alla ricerca del sublime sempre bramato e sarà la conoscenza di me stesso. Unisciti a me! Un sentiero ci attende e molto lontana una meta. E forse conosceremo noi stessi, nella nostra individualità. Roberto Zaoner (17, 18 e 19 novembre 2021)
Informazioni tecniche
  • Codice Gigarte.com:GA188254
Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Roberto Zaoner) Commento pubblico o privato
Cliccando su "invia il messaggio" accetto che il mio nome e la mail vengano salvate per la corretta erogazione del servizio


  • Codice:GA188254
  • Tipo:Poesia
  • Creata nel:novembre 2021
  • Archiviata il:sabato 20 novembre 2021