20/12/2011 Intervento critico

La mostra di Preti impedisce ad un occhio critico di scegliere. La donna è colta in una sensualità consapevole, al limite tra l'eleganza e un erotismo esuberante. La padronanza del mezzo formale consente di non superare mai questa delicatissima linea di confine e lo spettatore è coinvolto ma "trattenuto" da un senso quasi sacro di rispetto per la bellezza femminile. Non uno ma diversi quadri di Preti propongono una qualità per nulla scontata rispetto ad un tema così universale.

di Gabriele Guglielmino
Docente di storia dell'Arte
2011

Opera di riferimento

Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Alex Preti) Commento pubblico o privato
Cliccando su "invia il messaggio" accetto che il mio nome e la mail vengano salvate per la corretta erogazione del servizio