Notti insonne

2013

Dov'Ŕ l'anima mia che non riconosce nemmeno la tua?
Immagino lussuria, la tua, presente e passata che sia,
poi dimmi se non Ŕ follia.
Ho perso la testa ed il cuore, altrove Ŕ il cervello
Ombra, Brucia nell'orchidea sfiorita!
Eppure la mano tintenna l'anima mia sparita
E nell'antro affrontan il mio sapere:
chi sei se soffri pene?
Ho perso il cuore e la folta capigliatura,
era lugubre la porta,
hanno girato la chiave e chiuso la serratura.
Padre, ho perso il sonno,
la notte tace e nulla intono.
Mio Signore cerco il mio perdono in agguato nelle notti folli,
cerco l'anima mia che non riconosce nemmeno la sua.

di Grani Valentina
Informazioni tecniche
  • Codice Gigarte.com:GA75616
  • Codice personale:VG007
  • Tecnica:Dov'Ŕ l'anima mia che non riconosce nemmeno la tua
Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Artemisia L. Wolff) Commento pubblico o privato


  • Codice:GA75616
  • Tipo:Poesia
  • Creata nel:2013
  • Archiviata il:lunedì 08 aprile 2013