Pastore

Sciola Pinuccio, china acquerellata, cartoncino, 1966

Informazioni tecniche
  • Codice Gigarte.com:CDA354
  • Artista:Sciola Pinuccio
  • Misure:35 cm x 50 cm
  • Tecnica:china acquerellata
  • Stile:figurativo
  • Supporto:cartoncino
Informazioni sulla vendita
  • Collezione:carboni renzo - roma
  • Disponibile: no
PROPOSTA D'ACQUISTO
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci la tua proposta in euro
Inserisci un messaggio
Descrizione

OPERA AUTENTICATA DAL MAESTRO SCIOLA.
(San Sperate 1942) Cagliari 14 giugno 2016. Nel 1959 Sciola completa gli studi al Liceo Artistico del capoluogo sardo; frequenta quindi il Magistero di Firenze, i corsi di Kokoschka, Minguzzi, Kirchner e Vedova alla Sommerakademie di Salisburgo e i seminari di Marcuse. Conosce Manzù, Sassu, Moore, Wotruba. Nel 1967-68 frequenta l'Università della Moncloa. Dal 1968 al 1986 insegna Modellato presso l'Accademia di Belle Arti di Sassari. È promotore della Scuola Internazionale di Scultura di San Sperate. Nel 1973 lavora a Città del Messico con Siqueiros. Dal 1960 espone in Sardegna, nel 1976 è invitato alla Biennale di Venezia, nel 1983 al Festival di Spoleto; nel 1984 allestisce alla Rotonda della Besana di Milano la rassegna 'Pinuccio Sciola: uno scultore per una scuola' (con la Scuola Internazionale degli Scalpellini di San Sperate); espone alla Quadriennale di Roma del 1985 e dal 1986 in Musei tedeschi che conservano oggi sue opere. Dal 1990 al 1996 insegna Scultura presso l'Accademia di Belle Arti di Sassari. Dagli anni '60 lavora la pietra incrementando via via le dimensioni delle opere; parallelamente produce piccole plastiche di terracotta e realizza opere polimateriche tra pittura e scultura. Dagli anni '90 lavora a monoliti di basalto che, trafilati secondo schemi geometrici a pettine o a scacchiera, sollecitati con plettri appositi o con le mani, generano suoni. Del 2001 la mostra 'Sculture e suoni di basalto', con grandi sculture, a Villa Olmo di Como e le rassegne di piccole sculture, "basalti sonori", all'Euroflora di Genova, alla Galleria Lopez di Como e alla Saletta Reale della Stazione di Monza. La bibliografia di Sciola inizia nel 1959 con uno scritto di V. Fiori. Nel 1966 un testo di A.Sassu in 'La nuova Sardegna', nel 1974 S.Naitza ne scrive in NAC; nel 1973 I.Delogu; saggi di G.Dorfles, S.Moscati e S.Naitza per il catalogo della mostra milanese alla Besana nel 1984. Recentemente, all'opera di Sciola si sono collegati scritti di studiosi come P.Cherchi, di concertisti come G.Demuro e di critici musicali come L.Pestalozza che non apparenta le sculture dell'artista, sovente inserite in contesti orchestrali, a strumenti musicali, ma le ritiene vere e proprie autonome fonti di suoni. Bibliografia A.Cuccu (a cura di), 100 anni di ceramica: le ricerche degli artisti, degli artigiani, delle piccole industrie nella Sardegna del XX secolo, Nuoro 2000, pp.186-187. P.Cherchi, Suoni di basalto: sculture di Sciola, catalogo mostra di Genova, Cagliari 2001. R.Dapelo, G.Demuro, L.Pestalozza, Sciola, catalogo mostra di Como, Cagliari 2001.
Mostre ed Esposizioni
1961 Milano, Palazzo Durini
1968 Barcelona (E), Salón Ricard
1973 Ciudad do Mexico (MX), Salón de la Asociación de Corresponsales Extranjeros en Mexico
1975 Ciudad do Mexico (MS), Galería José Maria Velasco
1976 Venezia, Biennale Internaziona d’Arte Bologna, Piazza Santo Stefano
1979 Kirchheim unter Teck (D), Galerie Kroger
1980 Stuttgart (D), Istituto Italiano di Cultura
1981 Paris (F), Espace Da et Du
1983 Spoleto, Villa Redenta
1984 Milano, Rotonda della Besana
1985 Milano, Piazza degli Affari
1986 Roma, XI Quadriennale
1986/87 Leverkusen, Städtisches Museum Duisburg, Wilhem – Lembruck – Museum der Stadt Heidelberg, eckar – Vorland, Kunstverein der Stadt München, Landeshuaptstadt Köngen, Römishes Ausgrabungsgëlande der Gemeinde Saarbrüchen, Am Staden, Stadtgalerie der Stadt Hamburg, Ekbufer Oelvelgonnen Freie und Hausestadt (mostra itinerante in Germania/ touring show in Germany)
1988 Munchen (D), Galerie Ruf
1990 Pisa, Piazza del Duomo Duisburg (D), Wilheilm-Lehmbruck-Museum
1994 Parigi (F), Galerie Point-Jal Gent (B), Kasteel Ooidonk
1995 Versailles (F), Trianon Palace Berlin (D), Cottbus/Niederosterrich
1997 Sassari, Fiera Internazionale
1998 Torino, Fiera del Libro Milano, Teatro alla Scala, Concerto per sculture sonore
1999 Frankfurt (D), Buckmesser Stuttgart (D), Galerie Merkle
2000 Havana (CU), Fiera Internazionale del Libro Firenze, Facoltà di Architettura Hannover (D), Expò Saarbrüchen (D), Marie Schule
2001 Genova, Euroflora Como, Villa Olmo Saarbrüchen (D), Rettorato dell’Università Berchidda (SS), Semida – Museo arte natura
2002 Budapest (H), Müvészet-Malom, Szentendre Roma, Auditorium, Parco della Musica
2003 Assisi, le sculture sonore nella Piazza della Basilica Inferiore Venezia, Spazio Thetis
2004 Lussemburgo (L), varie sedi (open air) Parigi (F), Jardin du Luxembourg
2005 Roma, Aeroporto Internazionale
2006 Bologna, Villa delle Rose Casalgrande (GE), Centro Culturale
2008 Carbonia (CA), Miniera di Serbariu Assisi, i semi della pace nella Piazza della Basilica Inferiore
Curiosità

Pinuccio Sciola ha realizzato una statua dedicata alla Madonna di Bonaria, alta 3,2 metri e pesa circa cinque tonnellate. Rappresenta una madre che tiene in braccio il suo bambino per portarlo in salvo. Il Club Sub Sinnai di Cagliari nel 1979 ha deposto questa statua in prossimita’ di Villasimius (CA) nei fondali dell’Isola dei Cavoli, all’estremità est del Golfo di Cagliari a 10 metri sotto il livello del mare. La statua rappresenta la “Madonna del naufragio”. L’iniziativa è stata patrocinata dal Santuario di Bonaria, a Cagliari, perché la statua è stata dedicata alla Madonna di Bonaria, patrona della Sardegna e protettrice dei naviganti. È possibile vedere questa statua in una delle tante circumnavigazioni della costa sud della Sardegna, con delle specifiche imbarcazioni che permettono, con “appositi vetri” la visualizzazione sottomarina.


Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Nuoresu) Commento pubblico o privato


  • Codice:CDA354
  • Tipo:Pittura
  • Creata nel:1966
  • Archiviata il:domenica 21 dicembre 2008