Portopino al tramonto

Murru Franco, acrilico, tela, 2009

Informazioni tecniche
  • Codice Gigarte.com:CDA537
  • Artista:Murru Franco
  • Misure:30 cm x 50 cm
  • Tecnica:acrilico
  • Supporto:tela
Informazioni sulla vendita
  • Collezione:carboni renzo - roma
  • Disponibile: no
PROPOSTA D'ACQUISTO
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci la tua proposta in euro
Inserisci un messaggio
Descrizione

Franco Murru (Carbonia)

Cavaliere dell’Arte

Nato a Carbonia , ha manifestato subito le sue innate capacità artistiche, iniziando da bambino all'età di 5 anni a dipingere e scolpire.
Studiando la materia, senza condizionamenti accademici, ha raggiunto nel corso degli anni una personalissima preparazione tecnica.
Partecipa attivamente alla vita artistica locale, ottenendo favorevoli riconoscimenti tra cui il titolo di "Cavaliere dell'Arte".
Sono numerose le esposizioni del pittore dal 1981 a oggi, e altrettanto numerosi sono i premi assegnatigli alle Rassegne a cui ha partecipato. Le sue opere sono presenti in numerose città Italiane ed Estere. Su giornali e riviste hanno parlato positivamente di lui numerosi critici. Dal 1981 ad oggi ha preso parte con successo ad oltre 100 fra collettive, estemporanee e concorsi d’arte.
Dal 2002 l’Artista ha iniziato a collaborare con il mondo della Moda, intervenendo artisticamente sia per realizzare le immagini simbolo delle sfilate, che per realizzare delle vere opere d’arte sul corpo delle modelle utilizzando la tecnica del “Body Painting”, ottenendo sempre favorevoli riconoscimenti ( Miss Italia – Miss Universe).
PAINT ON THE BEACH- PORTOPINO: l’Estate è possibile incontrare l’Artista nelle spiagge del Sulcis, dove dipinge le marine più belle per i turisti , ma soprattutto per i Sardi che hanno dovuto lasciare la loro terra e desiderano portarsi via un ricordo di questa dolce e “amara “ Isola.

Tra i numerosi riconoscimenti ricordiamo:

1° Premio alla Rassegna di Pittura di Sabaudia (1981),

1° Riconoscimento Artistico “La Tomate” LAUSANNE, 1982,

1° " Premio Città D' Iglesias "Green Ecology System 1° Premio Della Critica –Targa di Merito, 1995,
Premio Speciale della Giuria alla Mostra d'Arti Visive di Sant'Eusebio Cagliari (1995),

Diploma d'Onore alla terza biennale "Europa unita" SASSARI ,Inserito nell’Albo d'Oro(1996),


Diploma di Merito al Javits Convention Center - Esposizione internazionale -NEW YORK (1997),
Diploma d'Onore al concorso d'arte moderna "Sardegna quasi un continente" Cagliari (1997),
Diploma di Merito all'Expoart fiera internazionale dell'arte di Cagliari. 1997,
Nomina di “Cavaliere dell’Arte” Istituto di Arti, Lettere, Scienze e Letteratura -” SASSARI 1997 –

Inserito nella Guida Agli Artisti Sardi Contemporanei. - FIRENZE, 2001

-Inserito nel Catalogo d’Arte Italiana. -CASTELLAMARE di STABIA-2001,

1°Premio- Attestato e Targa di Merito Comitato del Castello9°Rassegna Artistica il Castello Iglesias 2003,
Serata d’Onore - BODY PAINTING- Anfiteatro Romano -CAGLIARI–2003,
Serata d’Onore-BODY PAINTING –RIMMEL – LE MERIDIEN- CHIA LAGUNA 2004,
Serate d’Onore Pittura e Body Painting - FORTE VILLAGE - PULA. 2004-2005-2006
L'attività di questo artista è omologata sui Cataloghi d'Arte: " Arte Italiana dal Novecento ad Oggi " Casa Editrice L'Altro Modo di Volare " Guida Agli Artisti Sardi Contemporanei "
Coedizione
Casa Editrice D.Emme s.a.s. Firenze
Casa Editrice Archivio Fotografico Sardo
…Definirlo un pittore ecologista sarebbe limitato e forse si negherebbe la sua matrice compositiva.
Di un fatto siamo certi: la sua è una pittura che si avvale di tramature luminose, di un segno deciso d’impianto evolutivo, di colori alleggeriti e ben cadenzati, d’artifici prospettici personalissimi e al di fuori dei “generi”. Siamo di fronte ad un artista che vive una duplice dimensione surreale, ma stiamo attenti a non confondere l’arte surrealista, come quella di Dalì o di Magritte (influenzato dalle ricerche d’avanguardia tra futurismo, cubismo orfico e nuova oggettività) con alcuni accenti lirici che Murru ci propone e a cui le sue visioni, placate da un solido impianto onirico, ci trasportano.
Come considerare la sua pittura fantastica, scandita dai ritmi naturalistici del suo repertorio illimitato, con dialoghi spaziali ed elementi sovrabbondanti di rapporti logici tra i tre elementi cardini dell’esistenza del nostro pianeta: acqua, terra ed aria? Il fuoco c’è nella sua iconografia e arde nel suo sensibile animo.
Per Murru le premesse della luce, dell’ombra e dei vari elementi compositivi e segnici sono un tutto uno con le leggi della sua prospettiva.
In certe sue composizioni ci ricorda Rousseau il Doganiere sia per le stesure cromatiche sia per un mondo carico d’emozioni per il manifestarsi degli avvenimenti e sia per il suo profondo amore per la libertà della fauna e per la flora in assonanza costante con cristalline acque marine, lacustri, fluviali e sgorganti da chissà quali fonti. A volte ci ricorda Possenti per la sovrabbondanza d’animali acquatici che vivono in una natura incontaminata e lussureggiante.
Per il nostro preparato pittore che ci comunica, come uno spettatore, uno sconfinato lirismo assieme ad una purezza di slancio e di sentimenti incantatori, tutto è scevro da ossessioni e patemi di una civiltà meccanizzata che rende l’uomo sempre più schiavo dei suoi modelli coscientemente aridi e degeneranti.
Beato Murru che vive i suoi sogni tra orche che giocano nel mare, tra uccelli e sirene,tra pesci esotici, conchiglie e flora sottomarina. Giovanni Pascoli, il poeta vate della natura, forse il primo dei nostri artisti “ambientalisti” avrebbe saputo, meglio di chi scrive, tessere le lodi di un pittore della statura di Franco Murru, serio, convinto, tenace assertore del suo messaggio pittorico e della sua dedizione all’Arte. Paolo Argiolas Artista-Critico d’Arte
“Il virtuosismo tecnico di Franco Murru, certamente fa di quest’artista un competente esponente della corrente”neorealista contemporanea”. Per le sue capacità rappresentative, ben si colloca tra i più validi componenti di quel gruppo di pittori che operano nell’area Sulcitana, luogo in cui egli lavora ed espone con maggiore frequenza. I suoi preziosismi lo portano ad essere quasi un pittore iperrealista, e gli addetti ai lavori sanno quanto non sia casuale calarsi in questa veste. Infatti, con alchemica professionalità ed esperienza, dipinge ogni sorta di soggetti e composizioni, passando con imperturbabile “nonchalance”, da paesaggi montani e marine di sogno, da temi fantastici di matrice surrealista ad orizzonti di parchi edenici, che portano colui che osserva i suoi quadri ad un anelito di viaggio verso quei luoghi da favola. Ma la stagione è ormai matura per un discorso molto personale, palesato da un filo conduttore di tematiche che si allacciano ad un genere di pittura che in passato aveva fatto da traccia ai suoi inizi romantico-surrealisti. Oggi in una veste più che matura, si propone nuovamente fra gli artisti dell’area in cui opera, come tra i maggiori rappresentanti di quella corrente che ha sempre affascinato i fruitori dell’opera d’arte”.
Guida agli Artisti Sardi Contemporanei. 2004
Gian Franco Cau- Artista- Critico d’Arte
…..Cercando di capire e studiare, senza condizionamenti accademici, la materia, i colori, i generi e le tecniche, l'artista ha raggiunto così, nel corso degli anni, una personalissima preparazione tecnica.Nella pittura, queste esperienze sono state come un bozzolo per la sua fantasia artistica, che liberata dalle difficoltà tecniche può finalmente volare, riuscendo a trasmettere nelle sue opere tutta la sensibilità e l'amore per la vita e la natura. Figurativo, Realismo, Surrealismo, Simbolismo, Iperrealismo si può cercare "d'inchiodare" la sua opera, ma, il suo messaggio è come il volo di una farfalla tra paesaggi pieni di silenzi, fondali e marine infinite, momenti di confronto tra le forze della natura, dove il mare e il vento cantano per lui, con vibrante sensibilità, l'amore per la Sardegna. Ritrovarsi poi proiettati nello spazio dei suoi sogni, quando il pensiero s'innalza, come il volo di gabbiano, alla ricerca di una risposta esistenziale, dove le figure di donna, gli sguardi e i bianchi cavalli appaiono in quest’universo come i simboli fuggevoli ed eterni, della bellezza e della fragilità della Vita.
Guida agli Artisti Sardi Contemporanei.
di Gavino Còlomo – Scrittore e Critico d’Arte
certificato di garanzia e di autenticità.

Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Nuoresu) Commento pubblico o privato


  • Codice:CDA537
  • Tipo:Pittura
  • Creata nel:2009
  • Archiviata il:sabato 28 marzo 2009