Le donne nella società

Troncone Mario, olio, tela, 1972

Informazioni tecniche
  • Codice Gigarte.com:CDA759
  • Artista:Troncone Mario
  • Misure:50 cm x 70 cm
  • Tecnica:olio
  • Stile:figurativo
  • Supporto:tela
Informazioni sulla vendita
  • Collezione:Collezione privata Carboni renzo - roma
  • Disponibile: no
PROPOSTA D'ACQUISTO
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci la tua proposta in euro
Inserisci un messaggio
Descrizione

OPERA CON CERTIFICATO DI AUTENTICA.
Mario Troncone è nato ad Atripalda (Avellino) il 15 novembre 1932.
Pittore espressionista ed impressionista cromatico.
Si avvicina alla pittura da giovanissimo, fin dai primi contatti con il mondo scolastico. Segue poi gli studi artistici e, una volta conclusili, si dedica all’insegnamento della storia dell’arte e del disegno. È stato docente presso il Liceo Paolo Giovio di Como ed alla scuola media Pellegrino Tibaldi di Cantù, città nella quale si stabilisce dopo aver peregrinato per l’Italia.
I molti trasferimenti, ben lungi dall’intaccare la sua passione per l’arte pittorica, hanno contribuito, tramite i contatti con sempre nuovi ambienti e realtà differenti, a rinvigorire il suo amore per essa e ad arricchirlo interiormente.
Con l’acquisizione di nuove conoscenze le sue opere sono diventate più complesse, in esse ha accostato a temi naturalistici della sua terra natia rappresentazioni mistiche e di alto valore spirituale, pregne di grande religiosità.
Tra le numerose mostre personali da lui allestite ricordiamo qui: Paestum, La Torre; Milano, Galleria "Vollage"; Bergamo, Galleria Locatelli; Ferrara, Galleria Alba; Alassio, Azienda di Soggiorno; Lecco, Museo Civico; Milano, Galleria Vitruvio; Milano, Galleria Modigliani; Venezia, Galleria Il Riccio; Zurigo, Galleria 7; Torino, Galleria Tutt’arte; Novara, Saletta Albertina; Avellino, Galleria Circolo della Stampa; Monte Silvano Marino, Galleria Maresca; Chieti, Galleria Camera del Commercio; Pescara, Museo Gabriele D’Annunzio; Cantù, Galleria Ars Nova; Como, Chiostro S. Eufemia; Nizza, Galerie des Antiquaires.
Ha partecipato a numerose mostre collettive: Organizzate dall ' Associazione Bilan dell ' Art Contemporain, Melun (Francia); Young Artists from Europe, Art expo Texas, Dallas 1983; Present young artists from Europe, New York City 1985; Lafort museum, Art expo Tokio 1985; Al Salon de Nations Parigi 1982, Presentano dal S.O.C.A.P. Bouleyard Georges Fovon (Ginevra); Metropolas Internazionale Galleria d ' Arte 8, Ginevre; Palazzo Polverosi al Tritone, Roma.
Numerosi i premi ed i riconoscimenti: Primavera a Malta, Premiato con medaglia d ' oro, 1973; Anno Santo 1975 (Arte Sacra), Roma, Premiato con medaglia d ' oro; Mostra biennale di Monte Carlo, Premiato con medaglia d ' oro, 1974; Rassegna internazionale d ' arte contemporanea al palazzo dell ' Unesco, Parigi 1982, Premiato con coppa dal Sindaco di Parigi; Le Monde de la Culture e des Arts Esposition Internationale, Palais des Arts, Marseille 2000, Grande Me'daille D'or.
Sue opere si trovano in gallerie e collezioni private in Italia ed all’estero.
Mario Troncone, nato ad Atripalda (AV) il 15/11/1932, manifesta da giovanissimo l’amore per la pittura. Completati gli studi e diplomatosi presso l’Accademia delle Belle Arti di Napoli, si trasferisce a Como, dove insegna arte e pittura al Liceo Artistico della città, passa poi all’insegnamento di Disegno e Storia dell’Arte al Liceo Scientifico Comasco. Successivamente viene richiesto a Campione d’Italia come docente alla scuola speciale per la ricerca sull’arte contemporanea a Campione.
Inizialmente fa parte del circolo artistico culturale di Roma, dove conosce Giorgio De Chirico e Giulio Carlo Argan. Partecipa così a mostre e concorsi in tutto il mondo.
Resosi poi indipende, per l’originalità della sua arte, continua a partecipare a concorsi ed inviti in tutto il mondo, da Londra a Parigi, da New York a Tokyo, da Malta al Mar Rosso. Partecipa alla Biennale di Montecarlo (medaglia d’Oro nel 74). Riceve inviti ed attestati ufficiali presso circoli nazionali ed internazionali quale artista rappresentativo dell’Arte italiana contemporanea. Art Expo “Big Apple” USA 2002, Art Italy di New York 2003, Expo Dallas 1983, Palazzo Unesco Parigi, “Le Monde de la Culture et des Arts” (France 2004), il “Broletto” Palazzo Comunale Medioevale 1981 M.Troncone viene premiato per opere in pittura su grandi formati, partecipanti: Fiume, Guttuso, Sassu, ecc. Attualmente molte opere dell’artista sono esposte in musei, pinacoteche e collezioni private. Diverse opere a sfondo religioso sono state acquistate e sono presenti in varie chiese come “l’Ultima Cena” (olio su tela 100 x 300 cm) che si trova nella chiesa di “Gesù lavoratore” a Milano. Tre anni fa, l’autore riceve il conferimento della Cittadinanza Onoraria di Cannes (FR) con targa d’oro. Attualmente ha esposto per tre mesi nelle sale culturali dell’Università “Bocconi” di Milano. Di lui si sono occupati diverse riviste e quotidiani. La rivista Kos, di Medicina e Scienze Umane (Agosto Settembre 2002) ha illustrato molte delle sue opere. A Roma: “Anno Santo” riceve la medaglia d’oro per l’arte sacra. Attualmente l’autore ha realizzato una sua opera per il meeting 2007 dei giovani a Rimini, con presenza del Papa. L’artista è presente nelle pagine del Dizionario Artistico Universale Comanducci. (www.comanducci.it).
Da lunedì 19 gennaio e fino all’11 febbraio il Broletto ospiterà una personale del pittore Mario Troncone. La mostra sarà aperta tutti i giorni dalle 9 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 19.30 (ingresso libero). L’artista Mario Troncone del suo natio mondo mediterraneo conserva intatto l'entusiasmo alla vita, l'attacamento alla natura ed a tutto quello che di bello ci circonda. Il tutto vissuto gioiosamente, rallegrato dai colori vivaci, brillanti e caldi che hanno accompagnato la sua giovinezza e che gli sono rimasti nell'animo. Con questo prezioso bagaglio interiore ha sentito da sempre grande attrazione per la pittura, alla quale si è avvicinato fin dai primi contatti con il mondo scolastico, coltivandolo ed approfondendone la conoscenza con il passare degli anni. Una volta conclusi gli studi artistici, è passato all' insegnamento, maturando nel frattempo i suoi contatti con le arti figurative, che andavano arricchendosi di impulsi estrinsecati nell'abilità coloristica e nella squisita sensibilità poetica.
E' approdato a Cantù dopo aver peregrinato per l'Italia, insegnando storia dell'arte e del disegno. E' stato docente al Liceo Paolo Giovio di Como ed alla scuola media Pellegrino Tibaldi di Cantù. Passaggi e trasferimenti non hanno intaccato, anzi hanno vieppiù rinvigorito il suo amore per la pittura, con un naturale arricchimento interiore man mano che veniva a contatto con nuovi ambienti e con realtà diverse. Alla natura ha così accostato la religiosità, con rappresentazioni di interesse mistico ricche di contenuti e di valori spirituali. Acquisendo nuove conoscenze, le sue opere si impreziosivano e
venivano sempre più apprezzate e richieste. “Quella di Mario Troncone - scrive Mario Monteverdi - è una pittura che partendo da una concezione figurativa nitida, ma non tradizionale, poiché già insinuata di echi neocubistici, si è poi votata alla ricostruzione dell’immagine nella sua integrità, senza tuttavia lasciare più spazio del dovuto alle elucubrazioni mentali. Queste ultime sussistono, ma vengono riassorbite nel tessuto pittorico che spesso si vale di singolari effetti di luce, di sovrapposizioni in trasparenza che movimentano efficacemente la superficie e ne accentuano gli intarsi prospettici come fossero giochi di specchi. Non manca, nell’autore, una vena mistica che si palesa nei soggetti di contenuto religioso e nelle allegorie che sovente ricorrono quasi come richiamo a una vita di più alta e sottile estrazione”. Opere e informazioni sull’autore al sito http://space.tin.it/arte/fiotronc

Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Nuoresu) Commento pubblico o privato


  • Codice:CDA759
  • Tipo:Pittura
  • Creata nel:1972
  • Archiviata il:venerd� 31 luglio 2009