Mare di Sardegna

Carpignano Michele, olio, tela, 2008

Informazioni tecniche
  • Codice Gigarte.com:CDA797
  • Artista:Carpignano Michele
  • Misure:50 cm x 90 cm
  • Tecnica:olio
  • Stile:marina
  • Supporto:tela
Informazioni sulla vendita
  • Collezione:Collezione privata Carboni renzo - roma
  • Prezzo:€ 2.200,00
  • Disponibile: no
PROPOSTA D'ACQUISTO
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci la tua proposta in euro
Inserisci un messaggio
Descrizione

Opera con certificato di autentica VA28273K.
Michele CARPIGNANO (1958)
Michele Carpignano è nato e vive nelle Puglie, una terra dove si percepiscono ancora testimonianze di Bisanzio e della Magna Grecia, che racconta un passato lontano attraverso insediamenti di civiltà rupestri e paesaggi da contemplare. Ecco, la contemplazione. Questa capacità implica saper cogliere il meglio di ciò che si osserva e con la pittura saper rendere di ciò partecipi gli altri. Comporta il saper afferrare e rendere il silenzio e la solitudine che sono i maggiori coefficienti del fascino delle antiche civiltà e del paesaggio. Il linguaggio adottato da Michele Carpignano per raccontare la sua terra d'origine si evolve in un continuo ed appassionato tentativo di catturare quei silenzi e quelle solitudini. Gli inizi sono emulativi. Il bianco calcinato delle case è inanimato; i bruni delle pietre antiche sono scenografici; i verdi delle foglie e dell'erba sono sommari. Poi, Michele Carpignano, si abbandona di più alla contemplazione, percepisce e padroneggia di più la bellezza del suo mondo, che è poi il cammino attraverso il quale s'inoltra la sua anima. Ed ecco che la materia della sua pittura prende più corpo, si fa più convinta, sicura, convincente. Il bianco diventa vivido, diventa colore; il bruno si impregna di tempo, di storia; il verde diventa quello della sua terra, in quella luce e in quel tepore inconfondibili. Michele Carpignano è maturato ad una forma figurativa che ha saputo liberarsi di componenti solo descrittive per sfociare ad un ruolo più ampiamente interpretativo. E' maturato. E' più profondo nel valutare ed afferrare la bellezza, ma soprattutto è più profondo nell'individuare quale sia la misura di quella bellezza. Ha capito che non tutte le bellezze innamorano: ve ne sono alcune che allietano la vista ma non soggiogano l'anima. Nella compagine armoniosa delle sue opere c'è come un continuo stupore sospeso nell'aria. Ogni scorcio è rivelato come dietro l'angolo, a determinare sorpresa. Ogni pennellata diventa nuova e luminosa non per una ricercatezza solamente esteriore, ma per una luce interna che la ravviva e la trasfigura. Michele Carpignano è istinto, passione, esplosione gioiosa di mille colori. E' un artista che guarda il suo paese, il suo mondo, il suo orizzonte adorato che gli appare, di volta in volta, vigoroso e fragile, terso ed ombroso. Ogni volta quell'orizzonte è riconosciuto con la speranza che dia vigore alle sue membra e luce alla sua creatività. E ogni volta cambia il viottolo tra le siepi o il muro a secco, cambia la luce del cielo azzurro, la terra aspra o fertile, gli alberi fitti di rami e foglie, le case addormentate da secoli o millenni, la carezza del Sole su tutte le cose. Il suo modo di dipingere e di rappresentare la realtà, da vita al proprio orizzonte e dona la gioia di amare ogni sua cosa: alberi, muri, prati, profili di colline, lontananze di pianure, sentieri, scoscesi rupestri, fiori, colori, luce ed ombra.
A parte alcuni dipinti dove il colore, succoso e robusto, fa agire impulsi complessi, tutta la produzione di Michele Carpignano è limpidamente, sapientemente articolata su pochissimi colori, in un aereo rapporto che non è soltanto figurativo ma essenzialmente poetico.
Con questa pittura di tipo molto intimo egli fa vibrare dunque lievemente la corda del sentimento camminando in un paesaggio idillico o contemplando, in silenzio, una cappella bianca nel sole. Il sole come luce a raccontare un sogno che si materializza, compagno di tutte le cose e del cielo; ad assegnare valori di spazio e di colore al fine di evidenziare l’intensa situazione emotiva e sentimentale dell’artista.

“…Resta il fatto che Carpignano è artista vero e schietto, senza intellettualismo e senza troppe pretese o velleità. Un uomo consapevole di ciò che può fare, profondamente impegnato nell’esercizio della sua arte. E proprio per il suo sentimento istintivo di colore e di luce ha potuto raggiungere una poesia per immagini autentica, autonoma e duratura nel tempo, al di là delle futilità della moda…”

Francesco Boni
(Da “Michele Carpignano” – Giorgio Corbelli Editore)


Principali Mostre:
1978 Galleria Comunale di Palagianello
1979 Galleria Comunale di Palagianello
1980 Galleria Comunale di Palagianello
1984 Galleria Comunale di Massacra
Galleria Comunale di Castellaneta
1985 Galleria Albatros di Castellaneta Marina
1986 Proloco Castellaneta Marina
Castello Aragonese di Taranto
1987 Galleria “Il Faro”, Taranto
Palazzo Ducale di Lecce
1988 Comune di Barcellona, Messina
Comune di Lamezia Terme, Catanzaro
1989 Galleria Comunale di Mottola
Proloco di Gioia del Colle
1990 “Estate a Bari”, Bari
Centro Storico di Castellaneta
Galleria Comunale di Mottola
1991 Galleria “La Scaletta” di Matera
Galleria “La Barcaccia”, Montecatini
Galleria Comunale di Lugano
“Borgo degli Artisti”, Brera, Milano
1992 Sala “Golfo di Napoli”, Milano
Galleria “La Barcaccia”, Roma
“Hotel Italia”, Francoforte
1993 Galleria Celit, Torino
Galleria Comunale di Palagianello
Galleria Comunale di Palagiano
Galleria “L’Incontro”, Roma
Galleria Comunale di Fiuggi
1994 Galleria Comunale di Martina Franca
Galleria Comunale di Locorotondo
1995 “Villaggio Paestum”, Salerno
Galleria Comunale di Brindisi
1996 “Palazzo Barberini”, Roma
Galleria Comunale di Amalfi
1997 Proloco Barletta
Galleria Comunale di Vinosa
1998 “Arte Capital”, Brescia
Proloco Cristiano
1999 “Hotel Stella”, Fiuggi
Galleria Comunale di La Maddalena
2000 “Museo Storico Selinunte”, Trapani
“Grand Hotel Olivi”, Sirmione

Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Nuoresu) Commento pubblico o privato


  • Codice:CDA797
  • Tipo:Pittura
  • Creata nel:2008
  • Archiviata il:gioved� 27 agosto 2009