Maternità Divina

Acrilico, Tela, 2004

Informazioni tecniche
  • Codice Gigarte.com:GA45829
  • Codice personale:PA018
  • Misure:80 cm x 100 cm x 2 cm
  • Tecnica:Acrilico
  • Stile:Realismo
  • Supporto:Tela
Informazioni sulla vendita
PROPOSTA D'ACQUISTO
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci la tua proposta in euro
Inserisci un messaggio
Descrizione

LA MATERNITA' DIVINA DI MARIA

Figura centrale nella Nuova Creazione di Dio è la giovane Madre Maria.
Il suo consenso di accogliere dentro di se il Figlio di Dio non significa soltanto di piegarsi alla Sua volontà, ma di volere ricevere Dio nella Sua essenza, l’amore assoluto che genera soltanto del puro e del meraviglioso. La capacità particolare della Vergine presuppone delle caratteristiche che nella storia del cristianesimo sono state discusse ed affermate [Dogma dell’Immacolata Concezione].
Simbolo di Maria e della Nuova Alleanza di Dio per il cielo e la terra è l’arcobaleno che in questa immagine circonda la Madre e il suo Bambino come le braccia protettive ed amorevoli di Dio.
La forma del cerchio è segno di perfezione, eternità ed onnipresenza del Divino. Il numero dei colori, il sette, é allegorico per il Sacro, lo si trova spesso nominato nella Bibbia, sopratutto nel Apocalisse: le sette chiese, le sette stelle, i sette angeli, i sette sigilli, i sette spiriti di Dio ecc., ma anche i sette Sacramenti della chiesa. L’arcobaleno sembra fondersi con le due colonne di pietra sulla destra e la sinistra di Maria, cioè mostra la venuta di Dio in terra, la Sua Incarnazione attraverso Maria in Gesù. Il corso del cerchio si perfeziona tuttavia quasi invisibilmente. Il suo punto centrale forma il grembo di Maria, con la nascita di Gesù diventato fonte della Santità cristiana.
L’amore di Dio, meraviglioso in tutto il Creato, si esprime verso di noi con umiltà, sacrificandosi, e cosi il Figlio di Dio, piccolo ed in apparenza indifesa, si fa tenere nelle braccia di sua madre nutrendosi da lei. Colui che nutrirà noi e anche Maria attraverso il Suo Sacrificio Eucaristico, si sfama del suo latte per crescere e rinvigorirsi. Il latte diventa un cibo dell’eternità, è nutrimento della giovane chiesa e dei convertiti [Paolo, 1Cor 3,2: “ Vi ho dato da bere latte…”]. Segno anche della nostra adozione da parte di Maria.
Da una brocca il latte trabocca e scorre verso di noi come l’inesauribile nutrimento spirituale che ci offre Dio attraverso la Madre Maria.

Eva Maria Friese

(Vedi anche in "Sezioni in evidenza" sulla Home page sotto "Simbologia".)

Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Eva Maria Friese) Commento pubblico o privato


  • Codice:GA45829
  • Tipo:Pittura
  • Creata nel:2004
  • Archiviata il:domenica 19 dicembre 2010