Donne di carta

Sezioni di carta, ritagli che destrutturano l’immagine per ricomporla, donandole nuovi significati. Fabio Bedin artista poliedrico per la sua volontà di esprimere molteplici linguaggi artistici, è dedito a tematiche sociali vicine al teme dell’oggettivazione, un consumismo destabilizzante parte di una società frenetica impreziosita da accessori, strass, scarpe, gonne: maschere femminili. E come la donna può essere manipolata, lui stesso manipola, scruta, indaga la linea, linea che si fa forma, forme esuberanti che esprimono curve sensuali custodi di storie rosa: viaggi, incontri, sguardi, parole. Parole che arricchiscono le tele come ritagli di cruciverba, o ancora lettere che combinate creano enigmi simili a rebus. E’ davvero semplice perdersi in uno scenario così ramificato, simile alla tela di una tarantola, percorsa da un gesto che racconta tutta la complicità del gentil sesso. Manichini che si confondono a volti, volti all’eccesso, impreziositi da collane, tacchi, orecchini, rossetti, farfalle; una moltitudine di colori che esprimono vivaci verità collocati sotto una lente di ingrandimento. Donne di carta che osservano, soffrono, lottano, amano. Emancipate, solidali, silenziose, audaci nella loro eccentrica eccitazione collocandosi al centro del mondo. Libere e scomposte come il ri-taglio di Bedin che scompone un’immagine di per sé già esistente ma ricomponendola le ri-dona respiro. E a ogni ritaglio dai toni rosei una nuova vita ri-nasce, come fiori in farfalle. Luci e ombre si alternano sulla superficie dando corpo alla sua natura bestiale, una lupa imprigionata da preconcetti e costrizioni sociali intenta in ogni modo a fuggire, a farsi strada nella sua natura primitiva, l’archetipo. Deve ingegnarsi per permettere alla sua anima di evolvere, di fortificarsi lungo difficili paesaggi interiori raggiungendo naturali profondità. Lo spirito selvaggio non chiede alla donna di essere di un certo colore, classe economica o culturale: fiorisce nella misura in cui riesce ad esprimere naturalmente la sua integrità.

di Sara Cifarelli
Curatore d'arte
2018

  • Pubblicazione:www.Needfile.it / Il mattino di Padova
Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Bedin Fabio Art Collage) Commento pubblico o privato
Cliccando su "invia il messaggio" accetto che il mio nome e la mail vengano salvate per la corretta erogazione del servizio