chiamalo che sò .... amore.

2015

Informazioni tecniche
  • Codice Gigarte.com:GA98937
Descrizione

cammino sottobraccio ar tuo pensiero
tra le mura der teatro, quello “tondo” …
er ricordo mio de te n'è mai leggero,
intanto Roma mia ce fa da sfondo

appoggio la fatica sopra a ‘n tufo
er sole m’accarezza tutte l’ossa
penso de pensatte e … mai me stufo,
cercanno de n’ sbajà mai ‘na mossa!!

ner mentre, ‘n passerotto se la cinguetta
m’affaccio appoggiato a ‘n parapetto
er passero de là, fa capoccetta
mostrandome così ‘sto ber quadretto

du’ fiori, su de n’ sercio abbraccicati,
se fanno ombra alla “mejo che posso”
insieme, sur posto do’ so’ nati
: sdrajate, te copro io che so’ più grosso!!!

sembra così dì er fiore alla sua bella
‘na lacrima, mò scenne a fa ‘n giretto
e mentre che me gusto ‘sta storiella
m’appunto ‘ste du’ righe sur fojetto:

s’arincontramo, ovunque,
‘n cielo, ‘n’ tera, ‘n mare
uniti per sempre, comunque,
chiamalo che sò …: Amore.

Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Fabrizio Di Palma) Commento pubblico o privato


  • Codice:GA98937
  • Tipo:Fotografia
  • Creata nel:giugno 2015
  • Archiviata il:giovedì 04 giugno 2015