Porta del Sacro Tempio

Feticcio antropomorfo di imponenza lapidea, con la sua greve presenza ordina le intricate connessioni temporali che sono la trama di questo lembo di terra. Sintesi di elementi di differenti temporalità, si erge affondando le proprie radici nella terra. Il labirinto tracciato sul tergo della scultura adempie al suo duplice compito: quello di indicare la via nella chiarezza della luce, e quello di affondare nella traccia verticale sino al gorgogliare più profondo del tempo di sotto.

di Lucia Fiaschi
Curatore indipendente
2015

Opera di riferimento

  • Pubblicazione:TRAVALLEINCONTEMPORANEA
Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Luca Calò) Commento pubblico o privato
Cliccando su "invia il messaggio" accetto che il mio nome e la mail vengano salvate per la corretta erogazione del servizio