CAMILLA MINEO

Alla ricerca della sintesi estrema, Marco Catellani schiera nei suoi dipinti un esercito ordinato di figure disposte in modo razionale, complesse composizioni, a metÓ strada tra astrazione e stilizzazione che creano stranianti effetti optical. I personaggi dallo sguardo deciso, talvolta assente, appaiono fissi, ieratici, al limite tra il fisico e il metafisico. L'artista ci sorprende per la sua tecnica precisa e rigorosa, quasi maniacale, trasportandoci in una dimensione altra, in un universo parallelo (futuristico o arcaico?) di grande forza e potenza visiva. I richiami e i riferimenti culturali sono chiari e importanti: dalle maschere africane alle scomposizioni meccaniche di LŔger, ai moduli grafici ricorrenti di Capogrossi fino alle "nature morte" astratte di Roy Lichtenstein. In particolare, per˛, l'artista ha sviluppato in maniera personale il segno urbano di Keith Haring, trasformandolo in una doppia linea, un "tubo" attraversato da piccole bacchette che danno forma alle sagome spersonalizzate. Una strana sospensione, una quiete irreale domina i dipinti: gli inquietanti protagonisti sembrano in attesa di qualcosa, forse di risposte.


2014

Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Marco Catellani) Commento pubblico o privato