Biografia

Formazione artistica

Stefania cappelletti è nata a Spoleto,dove vive e lavora.La passione per la pittura risale alla sua infanzia in seguito allo studio dei grandi classici ha appreso la tecnica velocemente.E' attratta dalle metropoli alle prime luci dell'alba o al crepuscolo,nelle giornate grige dipinge scorci foschi e bui.Ama la pittura an plein air,per ritrarre paesaggi in aperta campagna,e si misura dipingendo ''Alla Prima'' su piccole tele , vedute, che raccontano della sua infanzia,dei ricordi di viaggio..Dopo aver dedicato molto tempo a studiare e sperimentare inizia una fortunata serie di esposizioni alle mostre d'arte curate dal Conte Daniele Radini Tedeschi,noto critico d'arte e prof.alla Sapienza di Roma.Nel 2011 viene ammessa a far parte dell'Accademia di S. Lazzaro,ed è selezionata per esporre le sue opere in mostre prestigiose, con curatori quali Il Conte Prof,Alla Sapienza di Roma Daniele Radini Tedeschi Achille Bonito Oliva per la TRIENNALE DI ROMA 2014 e SPOLETO ARTE SGARBI 2014 a cura di Vittorio Sgarbi.Vince per la terza volta,il PREMIO SPOLETOFESTIVAL ART 2014 a cura del Dr.Luca Filipponi.
E' selezionata da V. Sgarbi per la mostra ''SPOLETO ARTE INCONTRA VENEZIA ''2014 palazzo Falier VE.
Le sue opere sono commentate e pubblicate in cataloghi famosi quali il catalogo Mondadori,tra gli altri.
I suoi dipinti sono selezionati per le scenografie della Fiction D.Matteo serie 9 nel 2014/15 ed e confermata nell'anno successivo per la serie D Matteo 10 , inoltre la pittrice interpreta se stessa, come figurante nel film.2015/16


Stefania Cappelletti ha partecipato alle seguenti mostre ed eventi
'La Dolce Vita' a Bologna
'Mente libera' Fano Roma
'Musickart' Roma
'Il Filo d'acqua' Roma a cura di Antonietta Campilongo
'Premio Expo Officine artistiche'Bologna a cura di Rubens Fogacci
'The Ways of Art'Berlino a cura di Rosy Raneri
'Premio Open Art'Roma a cura di G.Luca Morabito
Stefania Cappelletti all'Accademia di S.Lazzaro presieduta dal Conte Daniele Radini Tedeschi
'Apollineo e Dionisiaco 'Via Margutta Roma a cura di Daniele Radini Tedeschi
Il Senso del Sacro ''Minipersonale Roma a cura di Daniele Radini Tedeschi
Fuori dal Guscio Roma
I Gesti e i Moti dell'Animo'' Domus Talenti Roma
Fantastico e Reale' Roma
Omaggio a Pasolini 'Roma
Spoletofestival Art Vincitrice del premio 2011
Saloon di Portocervo''Sardegna
Atelier ''Z 'Arco di Trionfo Parigi a cura di M.Teresa Prestigiacomo
Celebrazioni Michelangelo Buonarroti 'Roma
Triennale di Roma 2011 a cura di Daniele Radini Tedeschi
Omaggio ad Armando Brasini' Roma
Open Art' Pzza del Popolo Roma a cura di G. Luca Morabito
I Big dell'Arte Contemporanea' Roma a cura di Daniele Radini Tedeschi
Minipersonale alla domus Talenti Roma
Premio Spoletofestivalart 2013 a cura del Dr. Luca Filipponi
Festival Delle Belle Arti e della Cultura Capri
Mostra New York dal 23 /08 al 29/08 2013
Mostra Gala' dell'Arte Contemporanea Roma a cura di daniele Radini Tedeschi
Mostra Spoleto Meeting Art spoleto a cura del Dr Luca Filipponi e Paola Biadetti
Mostra FESTIVAL DELLE ARTI Ambasciata Irachena in Vaticano a cura di Massimo Bigioni e Stefania Montori
MOSTRA TRIENNALE DI ARTI VISIVE Roma a cura di Daniele Radini Tedeschi e Achille Bonito oliva
SPOLETO ARTE SGARBI 2014 a cura di Vittorio Sgarbi
PREMIO SPOLETO FESTIVAL ART 2014 Vincitrice del premio
Mostra SPOLETO ARTE INCONTRA VENEZIA 2014 Palazzo Falier Venezia a Cura di V.Sgarbi
EXPO SPOLETO FESTIVAL ART 2014 vincitrice del premio
2 BIENNALE DI PALERMO 2015 a Cura di Paolo Levi
PREMIO GUGLIELMO II 2014 MONREALE PA vincitrice del premio
SPOLETO ARTE 2015 a cura di Vittorio Sgarbi
PREMIO SPOLETO FESTIVAL ART 2015 vincitrice del premio
PREMIO CITTA DI NEW YORK 2015 vincitrice del premio
PREMIO CRISTOFORO COLOMBO 2015 GENOVA vincitrice del premio
EXPO 2015 PADIGLIONE CINA CCUP vincitrice del premio
PREMIO DELLA CULTURA 2015 PA vincitrice del premio
D.MATTEO 9' RAI Pittrice/opere selezionate dalla scenografia anno 2015
D .MATTEO 10' RAI Pittrice/opere selezionate dalla scenografia anno 2016
SPOLETO ARTE 2016 a cura di Vittorio Sgarbi
SPOLETO ART FESTIVAL EXPO2016 a cura di Luca Filipponi e Paola Biadetti

Tematiche

ritratti,nature morte,paesaggi

Tecniche

olio,acquerello,affresco,pitture a secco,finto marmo,imitazione materiali.

Valutazione artistica

CRITICHE
''L'artista umbra,precisamente di Spoleto,Stefania Cappelletti ha particolari meriti nel dipingere paesaggi e vedute ove compaiono laghi e specchi d'acqua,che diventano mezzi per eprimere il riflesso delle piante,degli alberi e di eventuali monumenti presenti nella scena.la composizione è ben costruita,i colori sono uniformi e la cromia finale pertanto è assai gradevole.
Lo stile dell'artista spoletina risente molto del paesaggismo francese.La pennellata è ampia e decisa,numerosi sono i contrasti di luci ed ombre nel raffigurato,il colore sembra sgorgare dall'interiorita' e dalle emozioni che la natura trasmette.
Un dettaglio curioso nel dipinto ''Le Fonti del Clitunno''è la presenza di due cigni,volatili che alimentano l'atmosfera idilliaca della scena,in quanto simboli di purezza ,di fedelta' e di elevata eleganza.''
Critico: Daniele Radini Tedeschi

Critiche:
''La natura morta,genere nato nel 600,anche se alcuni esempi gia' esistevano nel secolo precedente,è un genere che ha subito nel corso degli anni un percorso coerente e ponderato,molto piu' del paesaggio che,in epoca contemporanea,appare o mimetico o inesistente.
La pittrice Stefania Cappelletti si è trovata quindi ad un bivio:o seguire la natura morta in chiave Pop Art,pensiamo a Warholl dei barattoli,a Campbell's dei teschi,o viceversa seguire il filone di Morandi,del realismo tonale.La scelta è caduta su quest'ultimo percorso e la lezione del pittore emiliano sembra ripresa nella sua dicotomia cromatica e compositiva''
Critico .
Prof.Conte.Daniele Radini Tedeschi.

''Lartista umbra,stefania cappelletti,di spoleto a partire dal 2012 fa parte ,in qualita di Accademica,dell'Accademia dei Santi Lazzaro,Ignazio di loyla e Francesco Borgia.Ella ha particolari meriti nel dipingere paesaggi e vedute.Il Vedutismo,genere pittorico,che ha avuto il suo acme illustre con artisti quali Canaletto,Bellotto,Lorrain,si è concentrato sin dall'inizio sui temi paesaggistici urbani realizzandoli con una condotta lenticolare e particolareggiata.Tuttavia poichè la societa è in continuo progresso e sviluppo il pittore che oggi vuole definirsi tale deve immortalare e effigiare la realta attuale.
Questo è il compito che si è data l'artista spoletina,la quale memore di un passato storico affronta oggi quei temi concentrandoli in soggetti contemporanei.Le vedute lagunari del Canaletto sono da lei traslitterate in scorci newyorkesie in prospettive verosimili.Cio che ella predilige sono le nebbie della citta,il traffico,il bagliore dei lampioni,il luccichio delle reclame.L'atmosfera pertanto cupa e grigia sta a siboleggiare l'alba della giornata,ovvero il momento in cui la citta,corpo meccanico ,si desta iniziando la sua ciclica attivita.''

Daniele Nicosia '' La nuova Voce '' Roma

''Con curiosita e passione,stefania cappelletti si cimenta in qualsiasi genere.Ma èsorprendente quando rappresenta il fascino e il calore di una citta difficile e frenetica come New York.Numerose tele a stesso soggetto,descrivono con approccio sicuro,colori caldi e con luci sapienti,tutti gli aspetti tipici di questa citta.Grattacieli,taxi,insegne,per lei non stridono ma diventano icone del possibile,anche in una citta singolare come NY.''

Gigarte

''L'artista ormai si distingue nella produzione di scorci americani dipinti con toni foschi e bui.
La metropoli uggiosa appena illuminata dai bagliori delle insegne,dai soffusi lumi dei semafori avvolge l'uomo moderno in una coltre di melanconia e nebbia.Il senso di alienazione sprigionato dai dipinti dell'artista è costante attraverso la cromia bituminosa,piatta e grigia che caratterizza la tavolozza cromatica.I palazzi che fanno da quinte cementizie del XXI sec.conferiscono maggiormente quel senso di anonimato e dispersione umana.Tutto è immerso nel silenzio chiassoso della citta che ruggisce attraverso i suoi meccanici latrati come un morente drago di latta.''

Critico ,Conte ,Prof alla Sapienza di Roma,Daniele Radini Tedeschi

''Vicina e prossima all'arte di MORANDI è invece Stefania Cappelletti,con le sue nature morte.In particolare degna di nota è l'opera Natura Morta Giacinto,in cui nel grigio degli sfondi campeggia la piccola immagine dei fiori perfettamente legati al chiarore del vasetto bianco.
La ricerca dei valori poetici nella pittura di cappelletti diventa lo scopo finale di ogni opera,sia nei paesaggi che nelle nature morte:nella paesaggistica essi sono ritrovati attraverso la nebbia che avvolge le luci ed i bagliori della citta,mentre nei quadri dei fiori,questi sono ottenuti grazie a sfumature tonali estremamente armoniche''
Critico,Prof alla Sapienza di Roma Daniele Radini Tedeschi ,
Catalogo Mondadori

''Stefania Cappelletti nasce e vive a Spoleto.Nell'opera che presenta a questa Triennale dal titolo NATURA MORTA GIACINTO,si vede l'amore che l'artista nutre per la natura,componente costante delle sue opere.Opera gradevole per colore e resa pittorica.Materia pittorica stesa a piccoli colpi di pennello,simile al procedere degli impressionisti,con la principale differenza che non siamo in una dimensione EN PLEIN AIR ,bensi' nel chiuso di una stanza dalle pareti grigie.Al centro di un tavolo,o forse di una mensola,sta un vaso di ceramica finemente decorato,prezioso,raffinato,da cui fuoriescono fiori di giacinto come suggerisce il titolo.I Fiori carnosi dalle tonalita' lilla sono colpite da una fonte di luce frontale a giudicare dall'ombra che si intravede dietro al vaso.
L'opera si caratterizza per un'atmosfera distaccata,rarefatta,soggetto antiretorico,quello della natura morta,che in questo caso è ancora in vita,una vita tuttavia costretta in uno spazio privo di profondita' prospettica.
Atmosfera intimista quella che avvolge il vaso di fiori ,evocatrice di MORANDI,specie per lo sfondo omogeneo e tuttavia reso con una grumosa e densa materia pittorica.''
Critico ,Prof alla Sapienza di Roma Daniele Radini Tedeschi ,
Catalogo Mondadori


Nelle oscillanti evoluzioni in costante divenire dell'arte contemporanea, si colloca la ricerca stilistica di Stefania Cappelletti, che pur mantenendosi saldamente ancorata a temi, aspetti e soggetti appartenenti alla tradizione figurativa più classica, sperimenta con solerte entusiasmo, delle soluzioni rielaborative e interpretative di innovativa pianificazione. Si propone come pittrice a tutto tondo, dal moderno carisma espressivo, di fondamento tradizionalista.

Ciò, che contraddistingue e accomuna le sue creazioni, dai paesaggi naturali, alle ambientazioni urbane, dalle nature morte ai ritratti, è quel gusto sottilmente retrò di poetico lirismo, che costituisce una speciale atmosfera di efficace impatto emozionale verso il fruitore, che da subito viene catturato e quasi "assorbito" all'interno della percezione d'introspezione emotiva, scaturita dalle tele. L'osservatore si immerge in una dimensione di coinvolgente riflessione concettuale, supportato dagli interessanti spunti recepiti. Gli elementi pittorici rivestono la funzione di strumenti, finalizzati a veicolare, far rivivere e rievocare le composizioni di figurazione realistica e realismo oggettivo, filtrate attraverso i sentimenti e il patos interiore dell'artista, che le incamera, le personalizza e ne impreziosisce il valore sostanziale e l'essenza più intima.

Le rappresentazioni di aderenza verista esaltano i movimenti e le vibrazioni delle pennellate incisive ed energiche, con una tavolozza cromatica, che segue e imprime una passionale tensione dell'anima all'insieme, proiettata su un vissuto esistenziale, che testimonia anche l'amore e il rispetto per la natura e le bellezze naturalistiche, di cui l'uomo è circondato. Il recupero e il ritorno all'antico sono sorretti da un'accattivante perizia tecnica, dotata di una forza intrinseca, che consente il superamento della contemplazione descrittiva puramente estetica e approda su un linguaggio di comunicazione diretta e interattiva con lo spettatore.

Elena Gollini - giornalista e curatrice d'arte

25/06/2014 ufficiostampami


SPOLETO ARTE: STEFANIA CAPPELLETTI OSPITE CON LE SUE POETICHE VISIONI PAESAGGISTICHE.




Forte risonanza mediatica per le mostre di "Spoleto Arte" che si terranno nell'esclusiva dimora storica di Palazzo Leti Sansi situato a Spoleto nella centralissima Piazza del Mercato, dal 27 Giugno al 24 Luglio. La curatela è affidata al professor Vittorio Sgarbi, con l'organizzazione del manager produttore Salvo Nugnes.



La nota artista spoletina Stefania Cappelletti rientra nel selezionato novero di partecipanti alla prestigiosa iniziativa. Nell'occasione, esporrà le sue poetiche visioni pittoriche di matrice paesaggista, nelle quali trapela tutta l'enfasi e lo slancio emotivo, scaturito dalla spiccata sensibilità della sfera introspettiva, trasportata all'interno delle rievocazioni, che esprimono anche significativi messaggi legati alla tutela dell'ambiente naturale circostante e dell'abitat urbano, in cui l'uomo è inserito e vive.



La Cappelletti riesce ad imprimere nello scenario compositivo una costruzione d'insieme impeccabile, intrecciando gusto retrò d'impronta tradizionale a innovativi elementi di sua personale inventiva, che conferiscono un'originale movimento dinamico alle raffigurazioni. La cornice d'ispirazione realista è rivisitata e trasformata, per distaccarsi volutamente dal puro esercizio emulativo di descrizione analitica e dal banale stile fotografico e copiativo. Il realismo tonale è alimentato dalla calibrata pennellata, ampia, decisa, dai numerosi contrasti nei giochi di luci e ombre, dalle variegature dei colori ben amalgamati. La cromia finale risulta calda, di uniforme e omogenea stesura, assai gradevole all'impatto visivo, arricchita da un'allure idilliaca, che evidenzia raffinata eleganza progettuale e ne accosta lo stile alla formula del paesaggismo francese.


Intervista alla pittrice Stefania Cappelletti in occasione delle mostre di Spoleto incontra Venezia
span font times
5 Settembre 2014 12:31:49
Stefania Cappelletti farà parte del gruppo di artisti che esporranno a “Spoleto incontra Venezia”, attesissima esposizione curata dal Professor Vittorio Sgarbi. Cornice magnifica della mostra lo storico Palazzo Falier, sul Canal Grande a Venezia, aperto al pubblico dal 28 Settembre al 24 Ottobre 2014
Nessun risultato correlati
Ora aggiungere. Riportiamo qui un’intervista alla pittrice.�
D: Come nasce l'occasione di partecipare a questo importante evento espositivo?
R: Ho fatto esposizioni importanti a Roma, Parigi, Berlino, New York, poi la selezione per “Spoleto Arte”, a cura di Vittorio Sgarbi, a Spoleto, nella mia città, e lì nasce tutto.�
D: È la prima volta che espone a Venezia?
R: Venezia è un sogno. Si, è la prima volta che espongo lì, e spero sia la prima di una lunga serie.�
D: Quali opere esporrà e quale orientamento tematico seguono?
R: L’opera che espongo è parte di una serie, ispirata all’atmosfera veneziana, così magica, ed unica… Si intitola S. Maria della Salute, è un olio su tela. È una delle opere, da me dipinte, dedicate a Venezia.�
D: Quando e come è avvenuto il suo approccio al mondo dell'arte?
R: Dipingo fin da piccola, ed ho studiato i grandi classici della pittura. Ora, semplicemente, lascio andare il pennello liberamente, e così nascono i miei quadri. La prima mostra importante è stata a Roma, subito dopo sono stata contattata per esporre in Via Margutta. Poi l’ammissione all’Accademia di San Lazzaro, presieduta da Radini Tedeschi, con cui ho partecipato a numerose mostre prestigiose come la Triennale di Roma 2014 a cura di D. Radini Tedeschi e A. Bonito Oliva. L’ammissione all’Accademia è stata una svolta, non solo per quanto riguarda il livello delle esposizioni, ma anche per il mio modo di dipingere, di affrontare la tela bianca. Tutto andava per il verso giusto, poi sono arrivata alla mostra a Parigi, poi a Berlino, infine a New York. Nella mia città, Spoleto, ho vinto il premio Spoleto Festival Art a cura del Dr. Luca Filipponi, negli anni 2012, 2013, 2014. Quando sono stata selezionata per Spoleto Arte 2014, a cura di V. Sgarbi, ho provato un’emozione fortissima…wow!�
D: Un commento di riflessione in parallelo tra Spoleto e Venezia, come poli di eccellente portata, nella divulgazione dell'arte e della cultura, con fama internazionale?
R: Spoleto è un punto di riferimento importante, è necessario esserci; non a caso molti esperti d’arte di fama internazionale vi organizzano grandi mostre. Come lo è pure Venezia, con la sua Biennale. Sono tappe fondamentali per un artista che vuole crescere ed affacciarsi al mondo dell’arte a livello internazionale.�
D: È compiaciuta di esporre accanto a illustri nomi del calibro di Dario Fo, Eugenio Carmi, José Dalì e altri nomi di spicco del panorama contemporaneo?
R: Sono molto onorata di esporre insieme a dei BIG come Dario Fo, Eugenio Carmi, Josè Dalì e gli altri grandi. Mi sono piaciuti molto i lavori di Dario Fo, li trovo forti, intensi…parlano di lui, del suo modo di essere.�
D: Se dovesse dare una breve definizione sul concetto di arte in generale?�
R: Cos’è l’arte? Bella domanda… Comunicazione?? Forse? Ma ci sono i critici per spiegarlo, io dipingo soltanto.�
D: Ci sono degli artisti e/o delle correnti, che apprezza in modo particolare?
R: Ricordo di essere rimasta incantata, per lungo tempo, davanti ad un Arlecchino di Picasso, anni fa a Firenze. Ed ho visto la Gioconda al Louvre. Ma qualche tempo fa ho visitato la mostra all’Ara Pacis, sugli Impressionisti, e l’ho trovata fantastica. Avevo già visto alcune loro opere ad Orsay, ma quest’ultima esposizione a Roma è stata molto suggestiva, veramente bella.

Bibliografia

Stefania Cappelletti è presente nelle seguenti pubblicazioni:
IL SENSO DEL SACRO a cura di Daniele Radini Tedeschi
ITINERARI D'ARTE CONTEMPORANEA a cura di Daniele Radini Tedeschi
L'ESAUSTA CLESSIDRA a cura di Daniele Radini Tedeschi
MANENT Libro D'Oro dell'Arte Contemporanea a cura di Stefano Valeri ,Sergio Rossi,Daniele Radini Tedeschi

ESPOSIZIONEDIARTIVISIVEAROMA2014TILTESTETICA

a cura di Daniele Radini Tedeschi
Catalogo GIORGIO MONDADORI
SPOLETO ARTE 2014 a cura di V SGARBI





Stefania cappelletti é inoltre presente nei seguenti siti e portali d'arte, Giggarte ,Artinclub, Equilibriarte ,Artemotore, Arteit ,Pittori e Quadri ,Quadri a olio, Arte Artisti, Artcafe',Pitturiamo ,

Attestati / Premi

PREMIO INTERNAZIONALE SPOLETOFESTIVALART 2011
ACCADEMIA DI S.LAZZARO
I BIG DELL'ARTE CONTEMPORANEA
TRIENNALE DI ROMA 2011
PREMIO INTERNAZIONALE SPOLETOFESTIVALART 2013
MAESTRO HONORIS CAUSA conferito a Capri il 16/08/2013 e consegnato dal Critico, Conte,Daniele Radini Tedeschi,Esperto d'arte
TRIENNALE DI ROMA 2014 a cura di DANIELE RADINI TEDESHI E ACHILLE BONITO OLIVA
4 FESTIVAL INTERNAZIONALE DELLA PACE All'AMBASCIATA IRACHENA A ROMA
SPOLETO ARTE SGARBI 2014
PREMIO SPOLETO FESTIVAL ART 2014
ATTESTATO DELL'ACCADEMIA DI S.LAZZARO per l'anno 2014/15 come ACCADEMICO CULTORE
EXPO SPOLETO FESTIVAL ART 2011
TARGA ''PREMIO GUGLIELMO II ''Monreale PA vincitrice del premio
SPOLETO ARTE 2015 a cura di Vittorio Sgarbi
PREMIO INTERNAZIONALE SPOLETO FESTIVAL ART 2015 vincitrice del premio
PREMIO CITTA' DI NEW YORK 2015 vincitrice del premio
PREMIO TARGA''MARCO POLO INTERNATIONAL PRIZE '2015 VE vincitrice del premio
PREMIO EXPO 2015 ''LE QUALITA DELLA CINA'' Padiglione Cina EXPO MI 2015 vincitrice del premio
PREMIO TARGA ''FESTIVAL DELLA CULTURA '' PA vincitrice del premio
PREMIO MICHELANGELO INTERNATIONAL PRIZE Artist at the JUBILEE 2015