Le impronte bianche del sale

Poesia

Le impronte bianche del sale è il titolo che Fabio Squeo ha scelto per la sua prima raccolta di poesie. Un titolo che, tuttavia, non riesce a racchiudere, a sintetizzare tutto quanto egli ha voluto esprimere nei suoi componimenti, ma che ci offre già, in maniera così evidente, quella che potremmo dire essere la tematica dominante dell’intera raccolta poetica: il divenire. Le impronte, infatti, sono segni che rimandano a qualcos’altro, a qualcosa o a qualcuno che ha lasciato, nel suo passaggio, traccia di sé. Le impronte sono quelle che ritroviamo nella nostra memoria, i segni indelebili, e molto spesso labili, fuggevoli, fumosi, nebbiosi, di ciò che abbiamo vissuto, di ciò che abbiamo conosciuto. Sono le tessere che vanno di quando in quando a comporre, nel tempo, il complesso mosaico della nostra individuale esistenza. Perché è proprio ciò che le cose imprimono nella nostra memoria a forgiare inequivocabilmente la nostra identità, a dare espressione al volto del nostro io più autentico. Noi siamo, sostanzialmente, quello che abbiamo fatto e abbiamo vissuto. Siamo la nostra storia.

Michele Lasala

Il libro è disponibile!

Vai al sito dedicato per ottenere maggiori informazioni e acquistare una copia del libro.

Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Fabio Squeo) Commento pubblico o privato
Cliccando su "invia il messaggio" accetto che il mio nome e la mail vengano salvate per la corretta erogazione del servizio