Logo Brand BOLOGNA 2013

Informazioni tecniche
  • Codice Gigarte.com:GA81883
Descrizione

BOLOGNA Welcomingcity
L’identità visiva è un elemento basilare per realizzare una comunicazione efficace.
Esiste una identità condivisa di Bologna che mantenga una continuità con la storia e la tradizione culturale artistica e sociale, che caratterizzi anche la modernità, il nomadismo, l’effimero, nella ridefinizione di una visione della città?
L’ immagine della statua del Nettuno, può ancora identificare la città di Bologna? Può tale riconoscibilità appartenere non solo ai cittadini ma anche a tutti gli altri?
Nel progetto grafico proposto l’elemento centrale dell’immagine è un dettaglio : la mano aperta del Nettuno che viene ridisegnata a partire da un ottimale punto di vista dal basso.
Il Nettuno è il simbolo di una continuità nella tradizione che torna protagonista “ non scontato” anche nella comunicazione cittadina.
La scultura di Jean de Boulogne, di chiara ispirazione michelangiolesca, dialoga con l’occasionale ospite ( il piccione di piazza) in cui l’analogia con il viaggiare e il risiedere si definisce anche in una immagine effimera e casuale di “ accoglienza”.
L’identificazione dei cittadini con il loro “gigante” dice di una attenzione per la bellezza come risultato di realizzazione umana, manualità applicata alle idee di cui è fertile il territorio e la creatività bolognese.
Città attenta ai dettagli che invita a scoprire relazioni più complesse e profonde nella memoria collettiva condivisa.
L’immagine realizza una integrazione e una combinazione tra due elementi : la mano aperta del “Gigante” e il piccione di piazza che vi si poggia sopra.
Tale brand costituisce il logotipo di progetto stabilendo una gerarchia di relazioni visive e simboliche della città di Bologna sia nell’ immaginario collettivo che nella realtà comunitaria dell’università, della tradizione culinaria, del paesaggio, dei valori sociali e politici , del senso di appartenenza e degli aspetti gioiosi dell’effimero.
La proposta ha come riferimento non solo un elemento figurativo noto ( la fontana del Nettuno), ma ridefinisce anche la centralità di un luogo posto, secondo una tradizione, all’incrocio del Cardo e del Decumano della Bologna romana,.
L’immagine esplicita così il concetto di appartenenza e di accoglienza che caratterizzano da sempre la città nella sua caratteristica peculiarità per i residenti e per coloro che sono solo “di passaggio”.
La città li accoglie, “ la città di Bologna è per tutti una città accogliente”.
La possibilità di sviluppo del concept può applicarsi a supporti vari e canali comunicativi di diverse tipologie. Si prevedono soluzioni grafiche declinabili secondo molteplici utilizzi, capaci di accogliere le peculiarità dei diversi soggetti promotori, valorizzando l’attività comunicativa attraverso la riconoscibilità identitaria.
Flessibilità e riproducibilità in contesti diversificati che sia nella dimensione ridotta che nella grande non perde in qualità e in significanza.
Come la città si scopre attraverso i piccoli dettagli della grande dimensione ( i portici , le torri, le piazze), così il formato ridotto, il marchio-logo, rinvia ad una impronta, ad una sorta di sigillo, che, nel formato maggiore, rivela complessità ed articolazione.
All’interno della silhouette potrà così inserirsi il paesaggio delle colline o lo skyline della città, così come la traccia delle attività e delle iniziative che la città realizza ( l’università, le fiere, la musica, le feste) o contenere un logo istituzionale, un perimetro “aperto” che delimita e “accoglie“.

Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Monti) Commento pubblico o privato


  • Codice:GA81883
  • Tipo:Grafica
  • Archiviata il:sabato 30 novembre 2013