Tuffatrice

scultura, accciaio bronzo pietra, 2005

Informazioni tecniche
  • Codice Gigarte.com:GA13581
  • Tecnica:scultura
  • Supporto:accciaio bronzo pietra
Informazioni sulla vendita
  • Collezione:Lungomare Celle Ligure
  • Disponibile: no
PROPOSTA D'ACQUISTO
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci la tua proposta in euro
Inserisci un messaggio
Descrizione

commento estratto da "Cittadino" (giornale di Genova) e "Repubblica" :

E ' stata inaugurata di recente la svettante scultura "La Tuffatrice" del genovese Gialdini Alfonso, un'opera fortemente aerodinamica alta m.1,85 e composta da un paio di gambe unite, tese nello sforzo di concentrazione per il salto nel vuoto, che proseguono nella solidità di un corpo femminile piegato in avanti a squadra (all'altezza della vita) con braccia e testa chine verso il basso. Prende così forma la silhouette di una giovane donna che, specie verso il culmine della statua evoca, alla percezione visiva, l'agile forma di un guizzante delfino. L'opera è stata realizzata in cemento e pietra, con armatura d'acciaio, dalle tonalità oscillanti tra squamature brunite e macchie biancastre a carattere schiumoso. Sembra quasi materializzarsi un vibratile derma chiazzato in alcuni punti di porosa salsedine. Infatti questa affascinante scultura è stata posizionata sulla sommità di uno scoglio collocato sulla "passeggiata a mare" di Pennello, lungomare di Celle Ligure, così da spruzzarsi di mare entro il quale idealmente dovrebbe tuffarsi. Gialdini Alfonso è solido scultore di figure umane ed animali sovente al limite della figurazione e spesso intese come blocchi petrigni carichi di energia in tensione, come è il caso di questo lavoro in cui il corpo è contratto nella solidità muscolare e concentrato nel compimento di un atletico e perfetto tuffo. Questa opera è copia di un'altra scultura ed è stata assegnata da Gialdini Alfonso alla cittadina di Celle: è stata posizionata sulla passeggiata a mare in occasione del gemellaggio tra la cittadina di Celle (in Germania) e la nostra cittadina balneare omonima avvenuto venerdì 19 e sabato 20 maggio. Di fatto una delegazione tedesca - composta dal sindaco Martin Biermann, accompagnato da alcuni consiglieri e dall'assessore alla Cultura Ina Henning - è stata ospite del comune di Celle Ligure per la festa del gemellaggio.

Miriam Cristaldi,giornalista,critico d'arte


ultimo articolo comparso su Repubblica nel 2008 inerente i lavori di Celle Ligure:

Le Sculture sul lungomare , l'universo di Gialdini a cura di Miriam Cristaldi

Tre grandi opere delllo scultore Gialdini ,Liberazione , Rompighiaccio e Machine sculture sono state poste vicino alla gia' collocata Tuffatrice nella piazza antistante Localita' Penello , a meta' circa del lungomare di Celle Ligure ,un complesso in pietra e cemento dislocato in punti strategici capace di esprimere al meglio lo stile dell'artista genovese oscillante fra simboliche espressioni a carattere narrativo e modalita' mitizzanti piu' vicine all'astrazione.Qui si colgono le tracce dell'universo meccanico in via d'estinzione , che l'autore codifica attraverso giochi di masse plastiche incalzanti tra ritmi di pieni e vuoti , certe astrazioni ricordano Moore , e movimenti plastici risolti in chiasmi ; complicati incroci intenti a metamorfizzare frammenti corporali , teste , gambe , braccia , per visualizzare l'eterno conflitto fra Eros e Thanatos , fra vita e morte.Frammenti nati duunque con faticosa operazione del togliere materia informe , a volte resi in masse tondeggianti che non cessano di dilatarsi nello spazio per offrirsi spontaneamente alla luce.Altre volte si solidificano in profili taglienti simili aprue dii navi pronte ad affrontare difficili condizioni come quella contemporanea dove trasformazioni sociali e tecnologiche hanno travolto la storia prefigurando inimmaginabili , ibridate realta'.E la tematica ricorrente che Gialdini affronta e' quella riferibile alla Coppia unita in effusioni d'amore ablativo , capace di generare nuovi germogli di vita.Ma l'acutezza della soffernza umana e' sempre presente nell'intera sua opera , facendosi anche del disagio psichiatrico , in quanto l'artista ha lavorato con Claudio Costa nell'atelier di Quarto.

Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Alfonso M. Gialdini) Commento pubblico o privato


  • Codice:GA13581
  • Tipo:Scultura / Installazione
  • Creata nel:2005
  • Archiviata il:mercoled� 07 gennaio 2009