Interviste con l'Arte. Trilogia. Volume Uno

Arte e fotografia

Quella che leggerete in queste pagine è una vera e propria "Intervista con l'Arte", intesa come intervista a chi l'Arte la crea. Sono donne e uomini di talento e di grande creatività, che hanno passione, che hanno lavorato e sudato tantissimo per acquisire la tecnica migliore per esprimere il loro talento; che hanno acquisito, ognuno di loro, un modo peculiare e personale per esprimersi artisticamente e tirare fuori dall'anima quella parte di sé che manifestandosi al pubblico, allo spettatore, all’osservatore, regale emozioni forti ed intense, dona pathos e tremori cutanei, accelera i battiti cardiaci e acqueta lo spirito e l'anima perché, dopo il primo disorientante impatto, sono costretti ad immergersi in una dimensione magica: l'Arte!

Il mio modo di concepire l'Arte è particolare, e si ispira moltissimo al pensiero di Oscar Wilde (Dublino 1854-Parigi 1900): «L'arte non sta nelle cose, negli oggetti. L'arte non sta nell'Artista di Talento che possiede il dono della creatività. L'Arte si materializza metafisicamente ed emozionalmente nell'incontro tra l'"Oggetto-Artistico" e l’"Uomo che lo osserva” con i suoi peculiari strumenti intellettivi, emozionali e passionali"». Non è chiaramente ed ovviamente una “citazione”, una traduzione letterale del pensiero di Oscar Wilde quello che ho appena scritto e virgolettato! È il mio concetto di Arte fortemente ispirato all'idea di Arte di O.W.. È virgolettato per dare merito ad uno degli Artisti più Geniali, più Grandi, più Brillanti, più Creativi, più Destrutturanti del concetto di come comprendere e di come creare Arte, della Storia dell'Uomo di tutti i tempi.

Quello che ho fatto io con questa "TRILOGIA" di volumi, è dare voce a sessanta Artisti, per lo più giovani, ma anche meno giovani, ma tutti contemporanei. Donne e Uomini, di quasi tutte le discipline artistiche più alla moda ed in voga oggi, che ho invitato a "confessarmi", via à vis, in una intensa e piacevolissima conversazione a due, appassionata e coinvolgente, perché pensano di essere degli Artisti, qual è stato il loro percorso umano e professionale per diventare degli Artisti Veri, cos'è l'Arte per loro.

E allora, chi leggerà questo "TRILOGIA" e chi al contempo ama ed è appassionato d'Arte, avrà la possibilità di posizionarsi in punti di vista diversi e spesso distanti tra loro, ma tutti quanti complementari, con il “telescopio” puntato verso un unico obiettivo che rende l'oggetto osservato prismatico, multiforme, metamorfico, quindi reale e vero.

Questo obiettivo, che inevitabilmente viene centrato e "de-finito-multiformemente", è l'Arte che abbiamo bisogno di comprendere oggi, nel XXI Secolo!

Il libro è disponibile!

Vai al sito dedicato per ottenere maggiori informazioni e acquistare una copia del libro.

Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Andrea Giostra Film) Commento pubblico o privato
Cliccando su "invia il messaggio" accetto che il mio nome e la mail vengano salvate per la corretta erogazione del servizio