TAMERÒ

2014

TAMERÒ

Questo siamo.

O sublime
Amor mio.

E se a volte
si muore.

E se a volte
si nasce.

E poi tutto
ritorna.

Anormale
o normale.

Com’ è stato,
da sempre.

Dall’inizio
del mondo.

Solo un uomo
e una donna.

Questo siamo.

Senza foglie di fico,
a coprire l’amore.

Tambureggia la pioggia
sul tuo naso ribelle.

Sprigionando una stella
sul mio cuore inzuppato.

E rapito.

Rapisco.

Le tue labbra
imparziali

di invincibile
donna.

Che incoraggiano
a dire.

TAMERÒ
TAMERÒ

E deposito
un bacio.

Che zampetta
E si torce.

E s’avvolge
di gioia.

E profuma
d’orgoglio.

E si gonfia
di te.

TAMERÒ
TAMERÒ

T’ho sognata.

Mia delizia.

E prodigio.

Che ha
cent’anni.

Ed un giorno
per piede.

Che continua
a suonarmi.

Un notturno,
che vola.

E in un buio,
che sale.

TAMERÒ
TAMERÒ.

Si risente
cantare.

E riprendo
a cercarti.

Sorridendoti
addosso.

E pregando
d’amore.

Sbiascicando.

Parole.

Segrete.

E innocenti.

TAMERÒ
TAMERÒ.

E poi tutto.

Scompare.

E riappare
lontano.

Informazioni tecniche
  • Codice Gigarte.com:GA87128
  • Tecnica:TAMERÒ Questo siamo. O sublime Amor mio.
Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Arcangelo Delfino) Commento pubblico o privato


  • Codice:GA87128
  • Tipo:Poesia
  • Creata nel:maggio 2014
  • Archiviata il:martedì 20 maggio 2014