Wolf River

2008

Questo letto insonne.
Questo stivale abbandonato.
Questo giorno liturgico.
Questo profilo di schiuma bianca.
Oh, il fiume dell’amore, il fiume!

La rosa dei venti beve le anime a cucchiaiate,
le anime del mondo
che non possono maledire una chiocciola di dolore,
le anime che si sfiorano senza luna.
Le tue anime immote,
con mani velate da un manto di sabbia asciutta,
così reali, nel mondo degli angoli oscuri.

Gli angoli oscuri del mondo
sono le stive del tempo e le estasi delle maree,
sono le rughe della penna e la ruggine sui chiavistelli.
Gli angoli oscuri del mondo
che il vento fischiando rinfresca.

Tu cantavi lo specchio curvo nella sua tenebra
ed il passante confuso.
Cantavi la lingua d’argento che ti avrebbe spiato;
là dove un bambino dormiva
accanto al suo gemello. Mondo di nessuno.
Storia su storia. Spilla nel crepuscolo.

C’è un bambino che dorme accanto al suo gemello,
ricorda la mela di velluto del tuo sogno.
C’è una barca che sfuma nel rumore della foce,
e un cavallo bianco prigioniero fra i muschi.

Ma lei non può più guardare,
colui che incontrava il nudo nei polsi spenti,
che seminava spettri rabbiosi su un cuore lirico
ed offriva alle nuvole l’altra guancia del destino.

Perché il tuo mistero è alba.
Alba viva in ogni ramo invernale.
Riva che teme il cristallo. Assenza regina.
Un lupo d’acqua mortale.

Ora nel tuo mondo, nessun angelo scuro canta,
né spiega le sue piume nere né piange nell’angolo;
Ora per lei che ancor si stringe
in quel cappotto di papaveri e fango:
Fuggi da quel letto insonne.
Riscalda il suo giorno liturgico.
Avanza da solo. Desidera. Solleva.
Per le vie del vento
versa il tuo profilo d’amore
prima che un re
incida sulle tue labbra la luce
senza fondo.
Informazioni tecniche
  • Codice Gigarte.com:GA19652
  • Tecnica:Questo letto insonne. Questo stivale abbandonato.
Informazioni sulla vendita
  • Disponibile: no
PROPOSTA D'ACQUISTO
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci la tua proposta in euro
Inserisci un messaggio
Descrizione

Brano composto in memoria del cantautore statunitense Jeff Buckley.

Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Armando Caruso) Commento pubblico o privato


  • Codice:GA19652
  • Tipo:Poesia
  • Creata nel:2008
  • Archiviata il:luned� 25 maggio 2009