E brama non espio senza rimorso.

2009

E brama non espio senza rimorso.
Quando elemosino al cuore una vertigine,
quando la luna cospira alle spalle della sorte,
quando da una torre
fisso l’impronta lasciata dal tuo profilo consolatore,
libero e nutro lo spettro che m’insegue,
nulla chiedo al cristallo che mi lusinga,
sospiro e m'inebrio della tua nebbia sorda :
lascivo come un satiro, e severo,
custode del miele e dell’aspra gelosia,
spogliato della perfezione del tuo anello nuziale,
memore della tua timida assenza.
Informazioni tecniche
  • Codice Gigarte.com:GA23296
  • Tecnica:E brama non espio senza rimorso. Quando elemosino
Informazioni sulla vendita
  • Disponibile: no
PROPOSTA D'ACQUISTO
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci la tua proposta in euro
Inserisci un messaggio
Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Armando Caruso) Commento pubblico o privato


  • Codice:GA23296
  • Tipo:Poesia
  • Creata nel:2009
  • Archiviata il:domenica 13 settembre 2009