Tempi saturnini

2011

L’innocenza del sentire,
da tanto risale declivi,
senza tracce.

Sotto l’Arco degli Ori Crepuscolari
sfuggono a se stessi gli “Alati-di-timore”.

«Prigioni erranti
coi vostri anestetici mantelli,
mai sicure.»

Ruvida lingua distilla
balsamo dai suoi veleni,
un’insostenibile sguardo fiero
divora presagi vertiginosi.

La libertà che nessun'astuzia può soffocare.

Un forse in più
ho osato
risonante,non sazio ancora.

Informazioni tecniche
  • Codice Gigarte.com:GA53853
  • Tecnica:L’innocenza del sentire, da tanto risale declivi,
Informazioni sulla vendita
  • Disponibile: no
PROPOSTA D'ACQUISTO
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci la tua proposta in euro
Inserisci un messaggio
Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Armando Caruso) Commento pubblico o privato


  • Codice:GA53853
  • Tipo:Poesia
  • Creata nel:2011
  • Archiviata il:sabato 18 giugno 2011