Prometea

Faccio tacere
Quell’urlo inumano dal fondo
Che rotea dente e gengiva.
Sottile ammirabile vita
Che sfugge al contorto procedere.
Ecco.
S’attarda nel vuoto l’unanime
Riso ai miei occhi, s’attarda
S’impolvera adultero viso.
Ecco.
La donna inimica mi svela
L’arcano del sogno
Che più non volea rimembrare.
Ferita.
Di nuovo ferita mi porta
Al tuo svalutare dell’unghia
Il colore, del gesto d’amore
Banale nel senso, del verso.
Giace
Sul fondo
Riverso.
Eppur s’ama, non sa come
Ma s’ama ancora come carnefice
In fiore, virgulto di becco aquilino
A mangiar ogni dì fegato.
Molteplice agonia di baccanali
In-versi.
Informazioni tecniche
  • Codice Gigarte.com:GA62665
  • Tecnica:Faccio tacere Quell’urlo inumano dal fondo Che r
Informazioni sulla vendita
  • Disponibile: no
PROPOSTA D'ACQUISTO
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci la tua proposta in euro
Inserisci un messaggio
Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Carlotta Lezzi) Commento pubblico o privato


  • Codice:GA62665
  • Tipo:Poesia
  • Archiviata il:marted 20 marzo 2012