Personale Sala Celio Rovigo

Innanzitutto sorprende la suggestività e la forza narrativa: valenze che si imprimono nella mente attraverso una sorta di magia. Bisogna aggiungere che, nell'idea e nella trasposizione coloristica, il recupero del "perduto" perde ogni caratteristica locale (historia magistra vtae) e si universalizza. Il legame, infatti, tra passato e presente, non riguarda un uomo solo o una sola società.... Per trasferire le immagini sulla tela, il pittore si serve di un coagulo sabbioso, a mo di intonaco, dove il colore appare trasformato, scolorito dal tempo. Emergono così i ricordi, che non sono ombre puramente nominali, e che si sciolgono in silenzi che sono sussurri. Il linguaggio è essenziale, asciutto. Scorre sicuro e pregno di motivazioni.....

di Francesco Amato
Critico d'arte , Scrittore

Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Claudio Lucchiari) Commento pubblico o privato
Cliccando su "invia il messaggio" accetto che il mio nome e la mail vengano salvate per la corretta erogazione del servizio