IL MARTELLO DELL'EUTANASIA

Mista, Sacco, 2008

Informazioni tecniche
  • Codice Gigarte.com:GA36327
  • Codice personale:OEIC1927
  • Misure:90 cm x 110 cm x 30 cm
  • Tecnica:Mista
  • Stile:Figurativo Personale
  • Supporto:Sacco
Informazioni sulla vendita
PROPOSTA D'ACQUISTO
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci la tua proposta in euro
Inserisci un messaggio
Descrizione

Una decina di anni f in un museo etnografico della Sardegna fu trovato un martello con un punteruolo che, si dice, servisse per dare il colpo di grazia ai malati terminali. Questa pratica era appannaggio generalmente della vedova pi anziana matriarca della comunit, e veniva chiamata "Sa Femmina Acabbadora". A questo proposito e per quanto poi si parlato negli ultimi anni sulla pratica o meno dell'eutanasia sui malati terminali, ho sentito la necessita di elaborare una mia personale visione sull'argomento. Il titolo iniziale dell'opera era "Che nessuno spenga la luce del proprio fratello". Nell' opera tridimensionale, si vede il cervello, una pietra che scende come mannaia e gli stadi della vita; da bambino sino alla vecchiaia; e tutti gli stadi, purtroppo, sono buoni per incappare in una malattia che non ti d scampo. Ogni stadio, come si pu notare, inondato di una particolare luce. La luce della vita. Il mio parere personale , che oggi, nel terzo millennio, non spetta a noi mortali spegnere la luce dei nostri fratelli che soffrono

Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Enrico Ibba) Commento pubblico o privato


  • Codice:GA36327
  • Tipo:Pittura
  • Creata nel:2008
  • Archiviata il:giovedì 08 luglio 2010