Esposizioni

Introduzione di Miriam Ognibene all’autrice: “Stili d’animo” di Cristina Ognibene, e viene subito di pensare all’atto creativo in cui si collocano gli stili, l’atto di dipingere in questo caso. Stili differenti, colori e tecniche a sostegno dell’espressività attraverso cui dire e sembrano sospiri quelli che le Veneri da lei riproposte si scambiano, velature delicate… ripropone in chiave moderna alcuni capolavori del passato, altri sono ritratti liberi, altri ancora frame di film noti, che ama guardare e riguardare. Si concentra sul potere degli sguardi e attraverso il suo stato d’animo vive la voglia di dipingere una tela, la tecnica funge da rafforzativo all’emozione che vuole narrare per esprimere non soltanto attraverso la forma che appare, ma anche attraverso il colore e lo stile. Cinema, grande amore della sua vita al quale dedica una parte della collezione, raccontando le impressioni che coglie e trasforma con le sue emozioni. Si potrebbero definire luoghi, spazi, attimi di emozione in cui potersi ancora commuove davanti alla bellezza. Trapela la sua sensibilità sono ritratti di essenza… una molteplicità di emozioni umane, tenere, fugaci, quelle emozioni che dell’uomo creano la sua vera sostanza.

Di Cristina Ognibene

mostra "Giovanni Paolo II

2012

I RITRATTI SPIRITUALI DI CRISTINA OGNIBENE

L’arte come messaggio, che spesso assume caratteri simbolici, è quella praticata e messa in mostra da Cristina Ognibene nel teatro dell’Oratorio Salesiano di Caltanissetta. Le opere esposte, infatti, mettono in evidenza i caratteri della pittura dell’artista nissena, intrisa di grande spirito religioso e di ammirazione nei confronti di Papa Giovanni Paolo II che è il soggetto costante delle opere messe in esposizione. La mostra, allestita in occasione dell’arrivo della reliquia di Papa Woytila, è molto suggestiva per la cura dell’allestimento e per la particolare illuminazione che lascia emergere i ritratti dal buio quasi come una apparizione.

La mostra è costituita da otto grandi ritratti su tela che mettono in evidenza il particolare carattere del Papa dipinto sempre con amore e con una rappresentazione rasserenante dalla quale emerge la sua grandezza d’animo e la sua bontà.
“Ho voluto esprimere”, dice la stessa artista Cristina Ognibene, “la dolcezza, il senso di libertà che mostrava sempre, la sua parola ispirata, poiché si faceva trasportare dallo Spirito Santo”.
L’espressione di Giovanni Paolo II, nei ritratti dell’artista, è sempre intensa, contenta e sorridente o quasi colta in una emozione forte, che coinvolge lo spettatore. A volte appare rapita, quasi in estasi, per dare voce allo Spirito Santo e trarre da esso anche poesia. Poesia che è data anche dalla leggerezza della rappresentazione realizzata in maniera immediata come per cogliere velocemente i segni dell’ispirazione.
Il Papa, come icona universale, è colto spesso come i media ce lo hanno rappresentato, come portatore di dolcezza, di pace, di bontà, di spontaneità, attraverso immagini che sono entrate nella storia come quando abbraccia i bambini, quando incontra Madre Teresa di Calcutta, o quando è appoggiato alla croce come per trarre forza, sostegno e messaggio da trasmettere all’umanità.

2 Esposizioni

Mostra Personale "Stili d'animo"

“Stili d’animo” di Cristina Ognibene, e viene subito di pensare all’atto creativo in cui si collocano gli stili, l’atto di dipingere in questo caso. Stili differenti, colori e tecniche a sostegno dell’espressività attraverso cui dire e sembrano sospiri quelli che le Veneri da lei riproposte si scambiano, velature delicate… ripropone in chiave moderna alcuni capolavori del passato, altri sono ritratti liberi, altri ancora frame di film noti, che ama guardare e riguardare. Si concentra sul potere degli sguardi e attraverso il suo stato d’animo vive la voglia di dipingere una tela, la tecnica funge da rafforzativo all’emozione che vuole narrare per esprimere non soltanto attraverso la forma che appare, ma anche attraverso il colore e lo stile. Cinema, grande amore della sua vita al quale dedica una parte della collezione, raccontando le impressioni che coglie e trasforma con le sue emozioni. Si potrebbero definire luoghi, spazi, attimi di emozione in cui potersi ancora commuove davanti alla bellezza.

4 Esposizioni

Esposizione presso mostra Inernazionale d'arte Complesso dei Dioscuri Quirinale Roma

2015

A dare inizio alla cerimonia di inaugurazione, sabato 27 giugno, i curatori della mostra Amedeo Fusco e Rosario Sprovieri. Inaugurazione caratterizzata da un’atmosfera di soddisfazione ed allegria che ha fatto da cornice al riscontro positivo di tutti i partecipanti. “Ringrazio, non come atto dovuto ma, fortemente sentito, i sessantotto artisti, per aver rinnovato ancora una volta la loro fiducia nei nostri confronti, apprezzando il nostro operato e affidandoci le loro creazioni. Molti artisti hanno arricchito l’evento, oltre che con le proprie opere, anche con la loro presenza condividendo la loro palpabile emozione“. Questo il commento di Amedeo Fusco, il quale ha anticipato che a settembre sarà allestita un altra tappa di “Punti di vista tour” con il primo festival internazionale di Pirografia a Battipaglia, città che sta vivendo una forte rinascita culturale e civile.

“Le rassegne e le mostre come Ritratti – ha detto invece Rosario Sprovieri – si prefiggono l’obiettivo di agevolare il cammino verso la conoscenza, verso la condivisione e verso il florilegio del bello, che ogni artista manifesta attraverso la realizzazione delle proprie, personalissime creazioni. Ritratti è un’occasione di incontro ravvicinato con quel mondo che riesce, attraverso colori e materia, a far sentire la propria voce e a far affiorare le proprie emozioni, insieme, fra le suggestioni uniche e intime delle terre universali della comunità degli umani”.
tratto da "la gazzetta Ragusana"

6 Esposizioni

Mostra personale "La donna nel tempo"

2011

Cristina Ognibene, esperta di iconografia bizantina, ceramica, ritrattistica e modellazione plastica ha trovato il suo particolarissimo modo espressivo fondendo insieme le tecniche moderne con quelle antiche, quali la tempera all’uovo, la doratura a guazzo e l’imprimitura su tavola e tela; in tal modo crea sulla tela degli effetti a rilievo molto vicini al bassorilievo. Ama ricreare le figure femminili e la loro evoluzione nel tempo interpretando in chiave moderna anche soggetti di favole e opere famose in quanto, nonostante i cambiamenti storici e la continua evoluzione del genere umano, permangono negli individui caratteristiche che rimangono invariate nei secoli come la capacità di amare, sognare e desiderare.

8 Esposizioni

Annunciazione

mista con rilievo su tela, telaio telato, 2009

Realizzazione di 14 tele dipinte che si ispirano alla prima enciclica di Giovanni Paolo II e raffigurano scene del vangelo che partono dall’annunciazione e si concludono attraverso un percorso antiorario con la rivelazione di Cristo ai discepoli di Emmaus. La mia scelta è stata quella di realizzare gli sfondi dei vari dipinti, in base al luogo in cui dovevano essere inseriti; in base a ciò ho scelto, per le 10 tele collocate sui pilastri, uno sfondo che richiama le bellissime vetrate circolari della Chiesa Sacro Cuore; le due tele collocate sull’altare presentano uno sfondo a mosaico dorato che richiama l’immaggine a mosaico del Sacro Cuore di Gesù, già presente sull’altare; infine le due tele accanto all’ingresso della chiesa presentano i colori della terra e del grano quasi a volere indicare il percorso che partendo dalla semplicità e dalla natura “umana” dell’uomo arriva all’infinità e divinità di Dio sull’altare. I dipinti resteranno definitivamente nella Chiesa del Sacro Cuore di Caltanissetta .

10 Esposizioni

" "