baratto

Nel giorno della mia 25a sovrapposizione
entrai nell'ufficio dei redenti
ma la dottoressa non fece caso a me

Mi archiviò con un numero
e mi diede un flacone pieno di pillole

Io le parlai di onde
che continuamente
barattano sulla spiaggia
bottiglie di plastica per conchiglie
Le parlai di uno specchio rotto
in mille frammenti
ognuno dei quali
racchiudeva un fotogramma della mia vita

Le scrissi parole d'amore su un pezzo di carta
strappato ad un'agenda settimanale

Lei non capì
forse io ero troppo giovane
forse lei era troppo vecchia
mi indicò l'uscita
ed io piangendo varcai la porta

All'esterno una custode di libri antichi
mi accolse e mi portò in un posto
fuori dall'ombra
lontano dalla polvere
mi disse che avevo un bell'aspetto
ma il suo viso era triste.

Allora io la lasciai là
al centro di una piazza piena di sole e ritornai nell'ufficio della dottoressa

Ripresi i miei scritti e le mie parole,
i miei cocci di specchio e le mie conchiglie
le lasciai sul tavolo il flacone di plastica
pieno di pillole

E così facendo,ritrovai il mio mare
Così facendo,ridiventai un'onda
Così facendo,
barattai plastica con la mia vita.
Informazioni tecniche
  • Codice Gigarte.com:GA38301
  • Tecnica:Nel giorno della mia 25a sovrapposizione entrai n
Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Dimitry Rufolo) Commento pubblico o privato


  • Codice:GA38301
  • Tipo:Poesia
  • Archiviata il:lunedì 23 agosto 2010