Un inedito dipinto di Massimo Stanzione illumina la ripartenza delle aste live da Dorotheum

Il mese di giugno da Dorotheum comprenderà le due principali settimane d’aste primaverili, rinviate da aprile e maggio, con grandi nomi come Stanzione, Ribera, Brueghel e Eugen von Blaas, nonché Egon

OTT 14

Quando? Terminato mercoledì 14 ottobre 2020

Dove? Dorotheumstrasse , Vienna, (Vienna)

,

Le due settimane d’aste si svolgeranno rispettivamente dal 4 al 10 giugno 2020 e dal 23 al 26 giugno 2020. È la Classic Week a dare la battuta d’inizio, con dipinti antichi, dipinti dell’Ottocento, oggetti d’arte e gioielli. La Contemporary Week di fine giugno ha in programma opere di arte moderna e contemporanea, oltre a orologi da polso e da tasca. Tutte le aste saranno nuovamente organizzate come aste in diretta, nel rispetto di tutte le misure di sicurezza attualmente in vigore. È possibile partecipare e presentare offerte in molti modi: tramite live bidding, per telefono e per iscritto, nonché tramite sensale. Le opere saranno esposte al pubblico a partire dal 27 maggio 2020 a Palais Dorotheum, nel centro storico di Vienna. LA CLASSIC WEEK Dipinti antichi, asta del 9 giugno 2020 L’asta include eccezionali esempi di pittura nordeuropea dal Quattro al Seicento tra cui un’opera di Pieter Coecke van der Aelst, un tempo appartenuta al re dei Paesi Bassi (€ 400.000 – 600.000), un dipinto di Anthony Van Dyck raffigurante una giovane donna che riposa la testa (€ 300.000 – 400.000) e un’importante serie di quattro pale d’altare di scuola tedesca meridionale risalenti al 1490 circa, stilisticamente affini ai primi lavori di Albrecht Dürer (€ 500.000 – 600.000). Anche le opere di rinomati artisti italiani destano l’interesse dei collezionisti all’asta di dipinti antichi, che si terrà il 9 giugno 2020, e che include nuove scoperte, come il dipinto finora inedito di Massimo Stanzione, Lot e le sue figlie, proveniente da una collezione privata europea. L’opera è l’unica versione conosciuta di mano di Stanzione raffigurante un motivo dell’Antico Testamento in formato verticale. Il soggetto era assai diffuso nella pittura napoletana del Seicento. I colori carichi delle vesti delle figure contrastano con la rappresentazione del paesaggio roccioso. Stanzione unisce il realismo di Caravaggio al classicismo di Guido Reni, caratteristica che lo rese uno dei pittori più ricercati della sua epoca (stima € 200.000 – 300.000). La raffigurazione di San Domenico penitente ad opera di Jusepe de Ribera non è un’immagine di repertorio, bensì una creazione di più elementi. Il realismo caravaggesco si intensifica in maniera radicale in questo quadro recentemente appartenuto ad una collezione aristocratica spagnola (€ 300.000 – 400.000). Un altro dipinto di Ribera, raffigurante San Giuseppe, fu probabilmente realizzato per uso privato a fini devozionali di un committente (€ 250.000 – 350.000). Valerio Castello seppe conferire un effetto di teatralità all’Adorazione dei Pastori attraverso un uso virtuosistico del colore e ricorrendo stilisticamente all’inserimento di forme dinamiche (€ 150.000 – 200.000). Significativa è altresì un’opera di Lavinia Fontana, una delle prime pittrici professioniste della storia dell’arte. La celebre ritrattista ricevette l’incarico di dipingere Gerardo Giavarini all’età di 25 anni, come si legge nell’iscrizione, quand’egli fu nominato paggio da Papa Clemente VIII. La raffigurazione di Venere e Cupido, indicata dal soggetto ritratto, testimonia che il dipinto era destinato alla sua futura moglie (€ 80.000 – 120.000).

  • Pubblicata mercoledì 14 ottobre 2020

  • Da Elisa Larese

  • Indirizzo suggerito Artslife

Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Elisa Larese) Commento pubblico o privato
Cliccando su "invia il messaggio" accetto che il mio nome e la mail vengano salvate per la corretta erogazione del servizio


  • Pubblicatamercoledì 14 ottobre 2020