Verso il Paradiso

Acquerello, Carta, 2003

Informazioni tecniche
  • Codice Gigarte.com:GA47653
  • Codice personale:PA054
  • Misure:21 cm x 29 cm
  • Tecnica:Acquerello
  • Stile:Simbolismo
  • Supporto:Carta
Informazioni sulla vendita
PROPOSTA D'ACQUISTO
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci la tua proposta in euro
Inserisci un messaggio
Descrizione

VERSO IL PARADISO

L’albero, una metafora per la vita in eccellenza, appare in molti racconti, leggende e film. Radicato profondamente in terra diventa centro della nostra vita sociale, punto d’orientamento. Offre sicurezza, riparo, ombra, alloggio per vari animali e anche nutrimento.
Per la sua longevità e le sue trasformazioni stagionali, come la morte apparente e il risveglio per la nuova vita con l’abbondanza di fogliame e frutti, l’albero nella bibbia è un simbolo per la vita eterna e viene anche confrontato con l’uomo che cresce, la cui anima continua a vivere dopo la morte fisica.
Conosciamo dalla Genesi l’albero della vita e l’albero della conoscenza del bene e del male. L’uomo non resistette ai frutti dell’albero della conoscenza e per questo Dio l’ha lasciato al suo destino.
Dio realizzava in Davide quello che è stato annunciato attraverso i profeti. Isaia 11,1: Ma un rampollo uscirà dal tronco di Iesse (padre di Davide) e un virgulto spunterà dalle sue radici (v. anche Is 10’33-11,10, Ger 23,5). Il rampollo
nuovo, che cresce dal tronco di Davide, si radica sempre più nella nostra terra, cioè nel nostro Golgota e non ci lascia più. Così anche la croce di Cristo è diventata l’albero della vita che, come simbolo della risurrezione, incomincia a germogliare.
Nella mia opera questo albero piantato da Dio ha formato tre cerchi con i suoi rami (Trinità) e, come un portone illuminato, ci invita ad entrare in esso dopo una salita che è il Golgota della nostra vita.
L’incarnazione di Dio in Maria fa diventare Gesù un vero donatore di vita e, come nuovo Adamo, ci offre il frutto che questa volta possiamo raccogliere senza timore per continuare a vivere in eterno nella sua bellezza.
Non senza motivo collochiamo a Natale accanto al Presepe un albero, spesso con delle palline rosse, che anticamente erano delle mele rosse, segno di nuova vita che Gesù ci propone.

Eva Maria Friese

Vedi anche in "Sezioni in evidenza" sulla Home page sotto "Simbologia".

Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Eva Maria Friese) Commento pubblico o privato


  • Codice:GA47653
  • Tipo:Pittura
  • Creata nel:2003
  • Archiviata il:marted 25 gennaio 2011