Transcultura

Installazione, vario, 2007

Informazioni tecniche
  • Codice Gigarte.com:GA21297
  • Tecnica:Installazione
  • Stile:Concettuale
  • Supporto:vario
Informazioni sulla vendita
PROPOSTA D'ACQUISTO
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci la tua proposta in euro
Inserisci un messaggio
Descrizione

Viviamo nel periodo della secolarizzazione, le grandi verità non esistono più, l’uomo si sente frammentato, inserito in una società che gli “suggerisce” bisogni che non rappresentano la vera necessità e, come tali, non riescono a placare il vuoto esistenziale Vivendo in un mondo globale condividiamo valori e culture che realmente non ci appartengono ma che idealmente abbiamo fagocitato e le nostre storie si fondono con le memorie di altre storie. Cerchiamo le nostre identità nelle relazioni sociali che non esperiamo direttamente, costruiamo “mondi immaginari” che ci rassicurano sul nostro senso d’appartenenza alla comunità. Quest’ultima, però, non ha una precisa collocazione che va cercata, riconosciuta e interiorizzata nel più ampio “ ecumene globale”. In esso avviene il fenomeno “globalizzazione” e si assiste ad un nuovo assetto comunitario, in cui le nazioni, le società e quindi le culture dell’intero pianeta sono facilitate dai continui scambi. Quindi le informazioni ed i conseguenti riposizionamenti ideologici viaggiano per ogni parte del globo, subendo trasformazioni continue, atte a plasmare e riformulare identità nuove. Per questi motivi non ha più senso parlare di cittadinanza, di confini, di appartenenza a diverse etnie ma si considera l’uomo come nomade, in continuo riposizionamento nel villaggio globale. Nella contemporaneità il nostro immaginario è continuamente alimentato dagli incontri esperiti nell’”ecumene globale”. Tutto ci parla di tutti, i vecchi e nuovi media ci offrono realtà insolite che fagocitiamo senza averle vissute personalmente. Interiorizziamo ogni informazione, elaboriamo infiniti concetti e, in base al vissuto quotidiano, li riconfezioniamo. La conoscenza non è più offerta dalla nazione d’appartenenza ma è elaborata nel mondo transculturale che risulta costituito da tutte le culture che continuamente si riformulano attraverso l’immaginario collettivo che ne ricrea sempre di nuove… e uno dei maggiori canali di diffusione risulta essere Internet. Questo implica l’appartenenza virtuale dell’individuo a molte culture (spesso non ci si rende conto di questa condizione), nell’uguaglianza dei valori, nell’apertura ad ogni coinvolgimento reciproco; i valori simbolici si relazionano, si mescolano, si plasmano. Tra le invisibile traiettorie di contatto fra naviganti si costituiscono “nuove dimore immaginarie”, tanto care a noi nei momenti difficili e di sconforto, ancore di salvataggio in attesa di approvi migliori, dimore in cui l’immaginazione sogna e crea l’inimmaginabile… offrendo, in tal modo, possibilità di nuovi traffici culturali. Dati tecnici: gli archi (archetipi della vita: sopravvivenza, lotta, difesa, caccia, condivisione comunitaria) rappresentano l’umanità nel suo fluire che, attraverso la comunicazione, la conoscenza e la ricerca, permette l’evoluzione della specie. Il cerchio su cui sono collocati simboleggia l’uguaglianza (nessuno primo e nessuno ultimo come in rete), la sacralità e l’equilibrio. Il numero sette degli archi (fonte infinita di comunicazione ed apprendimento) assume molteplici significati: per i Greci “Septaz” (venerabile), per Cicerone “rerum omnium nodus”, per Platone “anima mundi”, per i Pitagorici numero divino, per gli Egizi simbolo della vita, per i Cristiani il molteplice…e molto altro ancora. I nidi posti fra le vie di comunicazione rappresentano le nuove dimore costruite dall’umanità che, attraverso nuovi contatti, nuove conoscenze e nuove riformulazioni, crea altri mondi possibili. I fili trasparenti sottintendono le traiettorie che uniscono gli individui che sono costantemente in relazione tra loro. Ogni elemento, ogni materiale, ogni collocazione ha precisi significati che intendono qualificare l’opera per ciò che desidera comunicare: “Transcultura” come ambiente simbolico di nuove dimore per il genere umano, senza frontiere, senza limiti, senza differenze! Ulteriori informazioni sono disponibili al sito http://www.webalice.it/psimoncelli

Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Eva Pedroni Simoncelli) Commento pubblico o privato


  • Codice:GA21297
  • Tipo:Installazione
  • Creata nel:2007
  • Archiviata il:sabato 11 luglio 2009