Éros e Thánatos

Pittura acrilica stucco e carboncino su tela, Tela, 2018

Informazioni tecniche
  • Codice Gigarte.com:GA145346
  • Misure:50 cm x 70 cm x 1 cm
  • Tecnica:Pittura acrilica stucco e carboncino su tela
  • Stile:Astratto figurativo
  • Supporto:Tela
Informazioni sulla vendita
PROPOSTA D'ACQUISTO

Informazioni e condizioni di vendita dell'artista

Informazioni generali: Oltre alla vendita delle opere che vedete già disponibili, accetto lavori su commissione.

Vendita: I prezzi riportati sono orientativi, non definitivi. Contattatemi per ulteriori informazioni.

Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci la tua proposta in euro
Inserisci un messaggio
Cliccando su "invia la tua proposta" accetto che il mio nome e la mail vengano salvate per la corretta erogazione del servizio
Descrizione

Il titolo di quest'opera è un chiaro rimando alla filosofia freudiana.
Gli istinti di creazione e distruzione che governano l'essere umano, si ripropongono in questo dipinto continuamente e sotto diverse forme. La prima a spiccare all'occhio è sicuramente data dal dualismo cromatico tra luce/colore e tenebra/nero (assenza di colore), dualismo marcato in maniera molto netta e che divide completamente il dipinto in un piano anteriore, ed uno posteriore, in una spazialità quasi assente, piatta, dovuta alla scelta di un chiaroscuro a malappena accennato solo in alcuni punti.
Lo stesso dipinto è stato creato distruggendo un'altra opera precedentemente fatta, e sovrapponendosi ad essa.
Su tutta la tela ritroviamo continuamente bruciature, tagli, e buchi che ne hanno “distrutto” la superficie.
Il momento stesso che ho scelto di ritrarre, non è affatto casuale, mostra due amanti baciarsi, il viso di lui non è visibile, ma quello di lei si, è sembra come permeato da velata malinconia e tristezza: questo bacio raffigura un'addio, l'attimo precedente il distacco, e dunque nuovamente l'Eros (il bacio rappresenta la forma più pura dell'amore), e nuovamente Thanatos (l'addio degli amanti è al contempo la distruzione del loro amore).
Il risultato che deriva da tutto ciò, è un immagine molto semplice e lineare, ma che possiede allo stesso tempo un’immenso impatto emotivo



The title of this work is a clear reference to the Freudian philosophy.
The instincts of Creation and Destruction that govern the human being, reapper in this painting continuously and in different forms. The first to stand out is definitely given by the chromatic dualism between light/color and darkness/black (colorlessness), very marked dualism that completely divides the painting into an anteriore plane, and a posterior one within an almost absent, flat spatiality, due to the choice of a chiaroscuro barely outlined only in some points.
The same painting was created by destroying another work previously done, and overlapping it.
On the whole canvas we continuously find burns, cuts, and holes that have "destroyed" the surface.
The moment I chose to portray, it is not casual, shows two lovers kissing, his face is not visible, but that of her yes, it seems as permeated by veiled melancholy and sadness: this kiss depicts a farewell, the moment preceding the detachment, and therefore again the Eros (the kiss represents the purest form of love), and again Thanatos (the goodbye of lovers is at the same time the destruction of their love).
The result that derives from all this is a very simple and linear image, but at the same time it has an immense emotional impact.

Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Francesco Calipari) Commento pubblico o privato
Cliccando su "invia il messaggio" accetto che il mio nome e la mail vengano salvate per la corretta erogazione del servizio


  • Codice:GA145346
  • Tipo:Pittura
  • Creata nel:2018
  • Archiviata il:venerdì 15 marzo 2019