Come sabbia di settembre

Che strano questo mare
d'inizio estate
e questa sabbia
sotto i miei piedi fredda,
come sabbia di settembre
bagnata dalle prime piogge.
E questo cielo,
giÓ un po' grigio
come cielo di settembre,
che non mi fa vedere la sua luce,
che non sa darmi calore.
L'estate
s'Ŕ appena affacciata
ed io cammino
indiscreto
violando quell'intimo punto
dove mare e sabbia si baciano.
L'acqua disegna
briosi gorghi di spuma
tra i miei piedi
prima di ritirarsi...
alzo gli occhi al cielo
alla ricerca di un bianco airone.
Informazioni tecniche
  • Codice Gigarte.com:GA27404
  • Tecnica:Che strano questo mare d'inizio estate e questa
  • Stile:Versi liberi
Informazioni sulla vendita
  • Disponibile: no
PROPOSTA D'ACQUISTO
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci la tua proposta in euro
Inserisci un messaggio
Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Giovanni Mansueto) Commento pubblico o privato


  • Codice:GA27404
  • Tipo:Poesia
  • Archiviata il:domenica 13 dicembre 2009