Dalla testaesce un treno

Dalla testa esce un treno, 2009

Quando penso alle cose della vita...mi sento un viaggiatore che ha dimetcato di riporre al sicuro i propri bagagli e viaggia senza meta ne ragione. Viaggio traballante su di un treno senza locomotiva, esso corre con la sola forza della sua spressione, esso esiste perchè esistono iuoi viaggiatori, e corre dove la mia testa nemmeno arriva.Dal finestino inesitnte vedo i passaggi di un mondo al rovescio, e se poi chiudo gli occhi mi sento avvolto dall'amore confortevole di una mamma che mai ho conosciuto. Personaggi con i baffi alla Salvador Dalì che zappano i campi della guerra; gente distende braccia al cielo e aspetta la fermata del loro personalissimo treno inesistente. L'affare meccanico corre sorpassando gli enigmi della scinenza e quelli dell'egoismo, traccia la linea della mistificazione, e tutti noi viaggiatori altolocati ci sentiamo un pò eroi di noi stessi. Gente distratta che il treno nemmeno lo vede, quei poveretti di New Orleans, fantasmi di un mondo oligarchico, gli strccioni di casa mia costretti a pulire a mano tutte le scodelle della colazione, che la verità nemmeno si poserà sui bei loro visi da poppanti. Quando penso a cose della vita...guardo gente di paese, e mi chiedo se quella gente viaggerà mai con me oltre i confini di un mondo comune.
Informazioni tecniche
  • Codice Gigarte.com:GA24276
  • Tecnica:Quando penso alle cose della vita...mi sento un vi
  • Stile:personale
  • Supporto:Dalla testa esce un treno
Informazioni sulla vendita
  • Disponibile: no
PROPOSTA D'ACQUISTO
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci la tua proposta in euro
Inserisci un messaggio
Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Jacopo Catozzi) Commento pubblico o privato


  • Codice:GA24276
  • Tipo:Poesia
  • Creata nel:2009
  • Archiviata il:venerd� 02 ottobre 2009