FIGLI

FIGLI

Non eravate ancora materia
Eppure vi sentivo ondivaghi
Venire su questa spiaggia
Della mia vita
Ad un breve intervallo
V’incontrai
Polposi frutti
Della nostra carne
Palpitanti
Al ritmico pulsare d’un amore
Ora
Debbo alzarmi sulle punte
Per baciarvi
Miei piccoli giganti
Che a vostra volta
Avete generato
E sento ancor più forte
Il palpitare
Al grido d’un miracolo
La vita.



Informazioni tecniche
  • Codice Gigarte.com:GA48873
  • Tecnica: FIGLI Non eravate ancor
Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Luciano Somma) Commento pubblico o privato


  • Codice:GA48873
  • Tipo:Poesia
  • Archiviata il:lunedì 14 febbraio 2011