CITTA' METROPOLITANA

Apre l’opera della Lunghi il passaggio dall’oggetto alla relazione. Il tempo denso, fattuale, materico, concentra tutta l’estensione e la frenetica durata nell’intensità cellulare dell’istante di risultato, in sinestesia dal colore, al rumore, al movimento, alle impronte stratificate del transito. L’opera dell’artista, quasi fosse pelle della città, raccoglie un precipitato di atti dell’accadere umano e, dal fotogramma sintesi della cinematografia sensoriale, rivela e denuncia all’uomo il suo viaggio. (Fulvia Minetti)

di Fulvia Minetti
Critco d'arte
2015

Opera di riferimento

Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Lunghi Maria Grazia) Commento pubblico o privato
Cliccando su "invia il messaggio" accetto che il mio nome e la mail vengano salvate per la corretta erogazione del servizio