'Solchi geometrici che si aprono su orizzonti di cemento, echi di mondi possibili in cui la matematica dell'inaspettato genera caos e sorprese comunque ordinati, trovano in quest'opera un ennesimo richiamo, dopo quelli di Agostino Bonalumi, Giuseppe Amadio, Oronzo Bruno o Turi Simeti.'

di Dr Dorian Cara
Critico d'arte
2015

Opera di riferimento

Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Magi Matteo) Commento pubblico o privato
Cliccando su "invia il messaggio" accetto che il mio nome e la mail vengano salvate per la corretta erogazione del servizio