Mostra collettiva "IL TEMPO COME IMPRONTA"

Traccia come sinonimo di permanentza

APR 06

Quando? Terminato lunedì 15 aprile 2013

Dove? Via San Pellegruno, 20-22, Viterbo, (Viterbo)
GPS: 42.4131659, 12.0980478

42.4131659, 12.0980478


ITINERART-CULTURA PRESENTA

“IL TEMPO COME IMPRONTA – TRACCIA COME SINONIMO DI PERMANENZA”



La stagione espositiva di Itinerart-cultura vedrà protagonisti da sabato 6 aprile 18 artisti provenienti da tutta Italia che si sono misurati con il tema proposto da Fiorenzo Mascagna “Il tempo come impronta – traccia come sinonimo di permanenza”. La mostra che si inaugura Sabato 6 Aprile e che si concluderà il 14 con il seminario di chiusura sul tema, è l’occasione per indagare l’elemento tempo attraverso le poetiche compositive degli artisti selezionati. Le opere, tutte di qualità, scelte per attinenza al tema, costituiscono l’essenza del percorso visivo suggerito dal curatore. Com’è nello spirito di Itinerart-cultura , la collettiva non è soltanto presenza di più artisti all’interno di un unico spazio espositivo, ma il continuo spostamento del punto di vista attraverso il quale indagare il tema. Oltre che di una mostra, si tratta di un seminario aperto che inizia il giorno dell’inaugurazione e si conclude con la chiusura.

IL TEMPO COME IMPRONTA

Il tempo, quando assume le sembianze del passato, è spesso il doloroso riconoscere le distanze tra parti dissimili di una esistenza. Le impronte, come traccia, sono ciò che del passato resta ed appunto per questo hanno valore di indizio. L'arte che interroga i transiti sa di dover ricavare dalle orme del tempo una possibile verità da confrontare con i dubbi. E' quindi un filo da tendere tra il conosciuto e l'ignoto quello che l'artista si ritrova nelle mani. Delegare all'immaginazione il compito di rendere fruibile la strettoia, che dal passato conduce al presente, è ricomporre il mosaico del tempo attraverso l'esperienza. La lente di ingrandimento dell'arte è la sola che consente di andare oltre il visibile. Diventa uno strumento necessario per dare significato agli indizi. La mostra, come ricostruzione delle tessere mancanti, mira ad ottenere attraverso l'esperienza di ogni singolo artista la ridefinizione collettiva del concetto di tempo. L'arte, chiamata ad essere ricerca introspettiva, può sensibilmente cogliere i diversi aspetti del passaggio tra una dimensione e l'altra, partendo dalla traccia, dall'impronta. Di questo cogliere i significanti della realtà per trasformarli in significati se ne avverte il senso nella libera espressione e nella diversità dei linguaggi, che definendo una specifica dimensione creativa, si relazionano con il contesto. La mostra, pensata per essere costruzione di un percorso culturale riferito al tempo, si articola attraverso il contributo qualitativo delle opere presenti che dovranno costituire i fotogrammi dell'insieme, pensato come opera-ambiente. Non quindi una semplice collettiva ma un documento visivo in grado di interagire complessivamente con il visitatore.

Fiorenzo Mascagna




Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Fiorenzo Mascagna) Commento pubblico o privato


  • Pubblicatamartedì 02 aprile 2013