Sarà tradotto in spagnolo il colto e premiatissimo romanzo di Melinda Miceli dal titolo Primadonna in Sicilia

Primadonna in Sicilia di Melinda Miceli approda in Spagna


Sarà tradotto in spagnolo il colto e premiatissimo romanzo di Melinda Miceli dal titolo Primadonna in Sicilia


Per la sua valenza altamente culturale, per il suo contenuto originale dove digressioni colte sui paesi fantasma dell’isola si alternano a simbologie esoteriche e younghiane, per la diffusione di una nuova versione della donna eroica, per la narrazione di viaggi in luoghi esteri e per il linguaggio nobile e ricercato oggi rarissimo, anche la Spagna ha accolto il romanzo “Primadonna in Sicilia” volendo tradurre la premiatissima Opera.

L’autrice, Melinda Miceli, penna coltissima e sentimentale, vanto siciliano della letteratura contemporanea, non ha rivelato ancora la casa editrice per privacy ma annunciamo la notizia in quanto tramite il romanzo si apre una finestra letteraria che dipinge una Sicilia vera con pennellate profonde e di riscatto partendo dalla” Selva oscura” in un percorso di salvezza che è incardinato nel vissuto della protagonista Ursula. Dalla prefazione del Critico prof. Salvo Sequenzia semiologo: "Scrittrice raffinata, coltissima e di stendhaliana eleganza” narra nella sua trama «la singolare storia di una ragazza nata da famiglia borghese» che attraversa «come una supernova» uno spaccato di storia dagli anni Settanta ad oggi, fulminando con la sua «viscerale bellezza» una realtà in cui a cercare di dominare, ancora, nonostante tutto, è il maschio. . Romanzo di formazione e ‘journal’ sentimentale, Primadonna in Sicilia di Melinda Miceli è, soprattutto, il resoconto di un complesso percorso di conoscenza dell’Essere e del Cosmo che l’Autrice dipana dando anima a personaggi che si muovono dentro la storia con la levità di figure danzanti, espressione di quell’ideologia del tempo congelato che, da Sterne a Eco, ha nutrito le pagine più alte del romanzo europeo”.

“Io sono colei che mi si crede sono entrambe e non sono nessuna” citazione di Ursula, protagonista del Romanzo Primadonna in Sicilia della Scrittrice e Critico d’arte Melinda Miceli, verbalizza il concetto relativistico che la realtà coincide con l’apparenza e che la vita si manifesta come apparenza e illusione al contempo. "La bellezza quando si associa alla femminilità, all’intelligenza e all’intuito rende una donna potente oltre ogni misura. Un essere umano è una creatura estetica prima ancora che etica. La bellezza … per l’uomo profano è relativa ma essa per il poeta è l’ombra di Dio nell’universo".

Dunque La bellezza, è anche un enigma. Tra apparenza e tragicità di fondo manifesta quel complesso sentimento di riflessione che è quasi uno specchio in cui il sentimento si rimira ma gli si pone dinanzi da giudice, lo analizza ne scompone l’immagine. “L’uomo nel mio romanzo è mostrato come un insieme di tendenze inconsce e irrazionali, l’uomo ha molteplici personalità e in questo contesto freudiano realtà e illusione non sono più distinguibili e i confini tra sogno e veglia sfumano nell’esoterismo che pervade personaggi e atmosfere”.

La scrittura è minuziosa nel narrare, nel descrivere situazioni inverosimili nel fondere perfettamente realtà e immanifesto attraverso l’uso di nessi subordinati funzionali a chiarire i rapporti di causa-effetto. Introduce luoghi e personaggi reali, e ad essi sottrae concretezza lasciandoli sfumare in un’atmosfera astratta e misteriosa nella quale si può vedere la condizione dell’uomo contemporaneo soffocato dall’autorità del tempo. I personaggi discutono su problematiche storiche del tempo ed è anche un libro di linguistica e di rinvii testuali. In quanto cita opere di filosofia mentre scorre sotto la vita come flusso continuo che il pensiero cerca di arrestare, di fissare in forme stabili. Ursula chiude la sua anarchica rivolta contro la forma alla quale la società l’aveva condannata perciò ha una funzione paradigmatica. Lo spazio è un elemento essenziale per l’interpretazione del significato, infatti al di la della sua funzione oggettiva evoca atmosfere e valenze ulteriori.



Prof. Tancredi Filangeri



  • Pubblicata giovedì 29 agosto 2019

  • Da Melinda Miceli

  • Indirizzo suggerito Ok arte

Commenti

Una delle molteplici versioni della Donna che sa incarnare questa splendida Dama della cultura ? quella della Viaggiatrice tra mondi reali e iper-uranici. Hai appena compreso una citazione, l'hai fatta tua ed ecco che si muta la prospettiva. Da amante di Escher non posso che dedicarLe i magici globi in cui si rincorrono scalinate e terrazzi da cui scorgere l'Infinito.

Alessandra Marinacci - giovedì 29 agosto 2019
Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Melinda Miceli) Commento pubblico o privato
Cliccando su "invia il messaggio" accetto che il mio nome e la mail vengano salvate per la corretta erogazione del servizio


  • Pubblicatagiovedì 29 agosto 2019