Recensioni

Ego straripante e gioioso
di Brewlos 24 luglio 2018

Un universo terso e pagano, innocentemente libertino, un agone di scontro fra i generi, ma risolto in confronto costruttivo finalizzato alla rimozione degli ostacoli alla relazione giocosa e affettiva, bramata, il desiderio e l’amore consumato quale sublimazione dell’esistenza e non antidoto alla morte in esortazioni all’abbandono gioioso dei sensi, in soluzioni parziali, ma rasserenanti. Uso di grandi temi ambivalenti e simbolici, luce ombra, vita e morte, vissuto e rammarico per essere solo sopravvissuti in esistenze scialbe, unica ed estrema colpa, la renitenza a goderne pienamente le lusinghe. il tutto traslato in versi puliti di elementare gioiosa potenza evocativa. Poesia semplice, concetti elementari, parole d’amore, metafore e sottintesi, di u’anima in fermento. Lucentezza solare, versi riflesso e conseguenza di sensibilità positive, anche di esigenze ed abbandono garbato a pulsioni e aspettative di passioni, dichiarate ma non sfacciate, delicate e insieme scarne, scoperte lusinghe, con protagonista assoluto, un’ego esondante, a volte ingenuo perché sincero.

Nel naviglio dei pensieri…
di Domenico Nava 27 luglio 2018

Sway, l’autrice di questa raccolta dal titolo “Poesie mie, solo e soltanto mie poesie”, sicuramente non crede che la poesia sia un bene realmente solo proprio per cui lo condivide nei suoi pensieri …

“Lasciati andare e coccolare, la vita continuerà a controllare i disegni del destino, quindi sii libero come un bambino che gioca senza pensare” …

Lo condivide con le immensità che circondano il vivere …

“Ti lascerò brillare disse l’ombra alla luce … se tu smettessi di esistere non esisterei più anch’io ”.

… “Io vorrei che tu ci fossi disse il cielo all’aria … mentre il vento soffiava tra le foglie di alberi generando un sottile bisbiglio”.



e così i suoi pensieri scorrono …

“ … Adesso voglio andare dove il mare tocca il cielo, dove tutto ha un inizio e tutto una fine ..
Adesso io sono … tu sei stato”.

“ … Notte di lucciole e di cicale accarezza i miei sogni in queste giornate rare”.

Bastano pochi versi per raggiungere il sentiero che conduce all’animo di chi scrive e di chi cerca quel senso semplice e reale d’una vita, in un mondo in cui tutto sembra a volte smarrito.
Cosa serve per ascoltare, Sway, lo rivela in “ Fermati e ascolta” per un tempo da raccogliere e vivere.


Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Paolachierisini) Commento pubblico o privato
Cliccando su "invia il messaggio" accetto che il mio nome e la mail vengano salvate per la corretta erogazione del servizio