Juana Inès De la Cruz

acrilico, Tela Gallery, 2010

Informazioni tecniche
  • Codice Gigarte.com:GA39868
  • Misure:100 cm x 100 cm
  • Tecnica:acrilico
  • Stile:pop Art
  • Supporto:Tela Gallery
Informazioni sulla vendita
PROPOSTA D'ACQUISTO
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci la tua proposta in euro
Inserisci un messaggio
Descrizione

Juana Inés de la Cruz (nata Juana de Asbaje y Ramírez de Santillana)
Attraverso una meditazione profonda, ho voluto rappresentare Sor Juana Inès de la Cruz proiettandola nel 2010. Le macchie di colore compatte rappresentano la nostra e la mia quotidianità e ritengo anche probabile che forse Sor Juana, in questo tempo, avrebbe operato scelte differenti non strettamente legate ad una vita conventuale.

Donna erudita e capace di stimolare l’altrui mente: per questo rappresentata con un solo occhio che indica la mia visione del suo mondo, che nei suoi scritti appare evidentemente appassionata, disinibita, profondamente dedicata all’amore non corrisposto.

Donna che educa e catechizza la sua intellettualità già prima di prendere i voti, ma che non accenna a fermare la sua voglia di sapere nella sua vita in monastero…forse “Legge” non scritta del suo tempo: su questo pensiero che un crocifisso penetra la sua vita, a segnalare quella croce portata comunque con assoluta dignità e profonda abnegazione, dalle tinte forti per indicare che ama la sua vita in convento che l’aiuta ad assaporare e degustare la cultura.

Donna scrittrice, poetessa: il testo posto lì dove l’occhio manca ad indicare che è la sua vocazione intellettuale ad avere il sopravvento su di lei.

Donna che rilascia nei suoi scritti, una spiccata sensualità come se l’abito monacale inibisse la sua sessualità, ma le parole da lei scritte lasciano intendermi quanto amore potesse contenere il suo corpo: interpreto questa sua visione eseguendo un volto di dimensioni accentuate rispetto al resto del corpo. E’ la mente ed il suo sguardo ad essere “primo piano” del suo intelletto e le sue labbra a raccogliere un ghigno di piacere.

Infine la scelta di apporre sul medaglione, poche righe dedicate alla regina Maria Luisa moglie di Carlo II: esprimo l’ammirazione, l’amicizia e ciò che qualcuno ha definito amore che la Suora provava per la regina; voglio narrare, così, meglio, la seduzione che porta fuori e dentro di se.

Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Paola Fascia) Commento pubblico o privato


  • Codice:GA39868
  • Tipo:Pittura
  • Creata nel:agosto 2010
  • Archiviata il:gioved� 16 settembre 2010