‘A scumma ‘e mare

2009

‘A scumma ‘e mare

Saglie e scenne, ‘o mare ‘a vòtta,
‘a suspenne e ‘ppò s’ ‘a ‘gnòtte,
‘a varca è comme ‘nà scorza ‘e cocco,
‘mmiez’ all’onne, cu’ ‘o scirocco.
‘A scumma ‘e mare, ‘nfaccia a nù scoglio,
comme ‘a passione, è sulo nù ‘mbruoglio:
a luntano è janca, bella e lucente,
poi t’avvicine e nun capisci ‘cchiù niente.
‘O scuoglio ‘o vire quann’ormai sì sbattuto,
staje affunnanno e nisciuno t’aiuta.
Ma si primma ‘e ascì cu’ ’a varca a dint’o puorto
vire ca ‘o viento nunn’è assaje forte
può stà ammiezo ‘o mare ca nunn’è scuro
e ‘o scuoglio è l’ammore, e nun fa paura:
‘o vire e, si serve, te può afferrà
quanno quaccuno te putesse affunnà!
Informazioni tecniche
  • Codice Gigarte.com:GA36439
  • Codice personale:poe1
  • Tecnica:‘A scumma ‘e mare Saglie e scenne, ‘o mare ‘a v
Informazioni sulla vendita
  • Disponibile: no
PROPOSTA D'ACQUISTO
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci la tua proposta in euro
Inserisci un messaggio
Descrizione

Poesia in dialetto napoletano

Lascia un commento / scrivimi
Inserisci il tuo nome
Inserisci un indirizzo email corretto
Inserisci un messaggio
Pubblico (mostra in questa pagina) Privato (invia solo a Raffaele Di Meglio) Commento pubblico o privato


  • Codice:GA36439
  • Tipo:Poesia
  • Creata nel:2009
  • Archiviata il:luned� 12 luglio 2010